Cerca

Caratteristiche

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 2.2
Esposizione 2.6
Varietà passaggi 2.8
Impegno fisico 2.3
Interesse paesaggistico 3.5
Numero votazioni 19
VALUTAZIONE FERRATA GOOGLE.MAPS

Via Ferrata TORDINI-GALLIGANI

FOCE SIGGIOLI

segnalata da GIAN MICHELE GOZZI - 2005

Il CAI di Pisa, dopo l’esito positivo del collaudo del 1 Novembre 2014, comunica di aver riaperto la via ferrata Tordini-Galligani che sale a Foce Siggioli. Si ricorda che a causa del terremoto del 23 Giugno 2013, un grosso blocco di 5 mc provocò la rottura di 30 metri di cavo e di alcuni picchetti di sostegno.

PERCORSO STRADALE

L’itinerario  si sviluppa lungo un bello e regolare sperone roccioso all’ombra della spettacolare parete nord del Pizzo d’Uccello , sulla quale sono state scritte alcune delle più gloriose pagine dell’alpinismo sulle Alpi Apuane. Da Aulla (casello autostradale della A15) si imbocca la Garfagnana (indicazioni per Fivizzano),fino ad immettersi sulla destra nella Valle del Lucido (indicazioni per Gassano); si prosegue fino a girare a sinistra per Ugliancaldo; poco a monte di quest’ultimo abitato, si imbocca a destra una strada sterrata (indicazioni per Cave Cantonaccio) da affrontare con cautela perché il fondo è in qualche punto abbastanza devastato dai mezzi pesanti di trasporto marmo; dopo circa 4 chilometri una sbarra metallica impedisce l’accesso alla zona delle cave: parcheggiare in una delle numerose piazzole ai lati della strada (circa 1.00h da Aulla).

AVVICINAMENTO

Dalla sbarra -820mt- si imbocca la carrabile che dapprima scende qualche metro,quindi risale mantenendosi a sinistra e con alcuni tornanti raggiunge la Casa dei Vecchi Macchinari (868mt-30'), nei pressi delle cave alte del Cantonaccio; si oltrepassano le cave e ci si inoltra nel bosco dove un sentiero ben segnato consente di passare nuovamente sopra le cave, attraversare alcune facili fasce rocciose e raggiungere alla fine un ballatoio alberato ai piedi delle placche basali dove il cavo metallico indica chiaramente l’inizio della ferrata (1000mt-30'-1.00h).

PERCORSO ATTREZZATO

ll primo terzo dell’itinerario di salita si sviluppa dapprima lungo una fascia di placche coricate di ottima roccia, dove si procede prevalentemente in aderenza e senza sforzi particolari, tranne alcuni brevi passaggi un po’ atletici per rimontare un paio di risalti della roccia; l’ultimo di questi risalti immette su un ampio piano inclinato con numerosi alberelli e cespugli ed il fondo a tratti un po’ rotto:si prosegue senza grosse difficoltà,prestando attenzione a non smuovere sassi, fino a raggiungere la cresta dello sperone. I successivi due terzi del percorso si sviluppano proprio sul filo della cresta, seguendola quasi fedelmente tranne che in alcuni punti dove ci si sposta lateralmente per vincere qualche risalto strapiombante; la pendenza è quasi costante,solo attenuata da qualche pulpito ove si può riposare; molto caratteristico è un passaggio di alcuni metri su una lastra di marmo bianco e rosa, che a dispetto delle apparenze offre delle ottime condizioni di aderenza. Si rivede quindi alla fine la luce del sole, sbucando sulla Costiera di Capradossa (1400mt ca.-1.15h-2.15h), pochi metri sopra la Foce Siggioli; sul versante opposto a quello di salita si possono godere meravigliosi scorci sul Pisanino,sul Monte Cavallo e sul Garnerone-Grondilice. Inizia ora il rientro: si imbocca l’evidente sentiero di sinistra (segnavia n.181) che percorre fedelmente il filo della Costiera di Capradossa, che con percorso molto aereo raggiunge prima la quota massima-1465mt, quindi scende rapidamente nel bosco fino a raggiungere l’erboso Poggio Baldozzana (1338mt-45'-3.00h); da qui si continua a scendere per prati e, dopo poche centinaia di metri,si gira decisamente a sinistra (segnavia n.192,prestare attenzione perché le tracce si perdono facimente nell’erba alta) inoltrandosi ben presto nel bosco lungo il quale si scende ripidamente fino a raggiungere la marmifera a pochi metri dalla sbarra (820mt-1.30h-4.30h), dove termina l’itinerario. Una volta salita la ferrata, invece di rientrare immediatamente vale sicuramente la pena di allungare l’escursione e raggiungere la cima del Pizzo d’Uccello, la cui parete nord ha dominato tutta la parte attrezzata dell’itinerario. Dall’uscita della ferrata si scende per una decina di metri fino alla Foce Siggioli (1390mt-palo con cartelli segnaletici), e si imbocca il sentiero che scende rapidamente nel bosco verso sud; si segue la traccia,a volte molto stretta ma sempre evidente,ricominciando ben presto a salire; un ripido canale in parte roccioso, che si sale faticosamente ma comunque facendo rarissimo uso delle mani,è attrezzato per una ventina di metri con un cavo metallico (attenzione:non ha ancoraggi intermedi per quasi tutta la sua lunghezza, pertanto occorre non caricarlo lateralmente, pena pericolose “sbandierate”); si esce dal bosco e si attraversa una zona rocciosa abbastanza esposta (un tratto di 8-10 metri attrezzato con cavo metallico),in vista delle montagne già incontrate sulla sommità della ferrata; si rientra nel bosco ed in pochi minuti di leggera salita si raggiunge il valico erboso del Giovetto (1497mt-45'-3.00h); da qui si imbocca l’evidente sentiero verso destra (indicazione Pizzo d’Uccello-per esperti) che, dopo avere aggirato un paio di dossi ed attraversato un boschetto, conduce alle prime balze rocciose della via normale,in corrispondenza di un caminetto. L’ambiente è completamente roccioso; si sale alternando caminetti e paretine con tratti di sentiero, con difficoltà talvolta continue ma mai eccessive (solo un paio di passaggi non esposti che rasentano il II°, il resto non oltrepassa il I° grado); la roccia è generalmente buona e ben appigliata,ma ci sono purtroppo abbondanti detriti che occorre fare molta attenzione a non smuovere; l’itinerario di salita è interamente marcato con segnavia biancorossi (talvolta sovrapposti ad una vecchia marcatura azzurra); si raggiunge un’anticima, e per un ultimo strappo di pochi metri lungo la cresta si giunge sull’ampia cima, dove alla base di un’ometto di pietre ci accoglie una scatola di acciaio inossidabile contenente il libro di vetta (1781mt-1.15h-4.15h).

DISCESA

Il rientro si svolge per lo stesso percorso di salita passando per il Giovetto (1497mt-40'-4.55h) e per la Foce Siggioli (1390mt-'30-4.25h), quindi per il medesimo itinerario di discesa precedentemente descritto per il Poggio Baldozzana (1338mt-45'-5.10h), fino alla sbarra lungo la marmifera (820mt-1.30h-6.40h). 

CONSIDERAZIONI

Il Sentiero del Fiume non presenta difficoltà tecniche apprezzabili. Presenta alcuni tratti esposti e richiede, comunque, piede fermo e passo sicuro. Ideale per avvicinare al mondo dei percorsi attrezzati i neofiti ed i bambini. La vicinanza al torrente ed ai suoi giochi d'acqua, unitamente al fatto che la maggior parte dell'itinerario si svolge nel fresco di un piacevole bosco ne fanno un itinLa ferrata fu realizzata nel 1971 a cura della sezione C.A.I. di Pisa per agevolare l’accesso al versante meridionale del Pizzo d’Uccello, ed è dedicata alla memoria degli alpinisti pisani Brunello Tordini e Pier Luigi Galligani, caduti in montagna. La via è poco difficile ma non esente da qualche passaggio tecnico e atletico, e richiede ugualmente un certo impegno per la continuità; la roccia è generalmente buona e solo nella parte alta si presenta qualche breve tratto un po’ friabile; sulle placche della zona inferiore occorre prestare attenzione a non smuovere sassi che rotolerebbero lungo il percorso di salita; in diversi punti la progressione è agevolata da qualche tacca superficiale scavata artificialmente nella roccia; il percorso è attrezzato ininterrottamente su un dislivello di 400mt, per 550mt circa di sviluppo; il cavo è generalmente ben teso, e nei tratti meno ripidi quasi sempre mantenuto a circa 70cm di distanza dalla roccia da solidi tondini metallici con anello. Pur essendo un itinerario di bassa quota, sviluppandosi in una profonda valle esposta a nord non si presta ad essere percorso nei mesi invernali (il percorso resta in ombra praticamente per tutto il giorno),e dopo inverni particolarmente nevosi può risultare percorribile solo a stagione avanzata.erario apprezzabilissimo anche nella stagione calda, nonostante la bassa quota. In presenza di bambini o bambinoni cresciuti preventivare tempi di percorrenza molto maggiori per il piacere di lunghe pause per i giochi nell'acqua del torrente.

Commenti   

0 #34 Ale H2o 2019-10-09 09:24
Percorsa l'8/10/2019 lasciando la macchina vicino alla sbarra della cava. La cresta di Capradossa è attrezzata nel tratto più esposto, quindi risulta percorribile in assoluta sicurezza. Il bivio per il sentiero 192 che riporta all'auto è ben segnalato, tuttavia consiglio di utilizzare ViewRanger sul cellulare scaricando prima la mappa per utilizzarla offline. Con il GPS del telefono risulta veramente facile seguire il sentiero dove sono presenti alcuni alberi caduti facilmente superabili, così che in circa 2 ore dall' arrivo della ferrata potete giungere all'auto. Il percorso è molto bello, la ferrata non è banale ma non presenta difficoltà elevate. Megli farla di mattina quando è in ombra.
Citazione
0 #33 Stefano 2019-08-15 07:04
Percorsa il 14/8/2019. Sulla strada sterrata per case Cantonacci ci sono diversi cartelli di "strada privata" e "divieto d'accesso" ma si puo' comunque arrivare fino alla sbarra. In cima alle 10:30 e la ferrata in ombra fino agli ultimi 50 metri.
Per prendere il sentiero 192, superare il bivio ben segnalato da un paletto con numerose frecce a Poggio Baldozzana stando a sinistra sul 181. Dopo 100-200 metri si incontra un bivio a T; (non segnalato - a sinistra parte un vecchio sentiero che resta in quota e dopo qualche centinaio di metri si perde nel bosco) restare sulla destra lungo il 181 e dopo altri 50-100 metri si incontra un bivio a Y nell'erba, non segnalato: il sentiero di sinistra e' il 192. Dopo una discesa di 10 minuti nel bosco, altro bivio a T con scritta "sbarra" su roccia e a destra indicazione per il 181. A questo bivio girare a sinistra; il sentiero scende nel bosco e, nonostante qualche albero caduto e delle piccole frane, e' marcato e facilmente percorribile.
Citazione
0 #32 Niccolò84 2019-06-25 09:08
Percorsa il 22/06/2019. Lasciata l'auto alla sbarra della marmifera. Percorso la ferrata, cresta di Capradossa in direzione Pizzo poi normale del Pizzo. Al ritorno dal Pizzo percorso il sentiro 181 dal Giovetto fino a Foce Siggioli poi Cresta di Capradossa, Poggio Baldonzana. IL SENTIERO 192 NON ESISTE PIù, NON PERCORRERLO ASSOLUTAMENTE, MOLTO PERICOLOSO, consiglio di tornare a Ugliancaldo e poi percorrere indietro la marmifera. Gita veramente lunga, fare tutto l'itinerario solo se veramente allenati e preparati.
Citazione
0 #31 Duccio Becheroni 2019-04-21 18:37
Percorsa il 19/04/2019 Ciao e grazie per.questa descrizione molto accurata. Stando alla mia esperienza di due giorni fa, posso confermare che i sentieri non sono affatto ben tracciati. C'è da stare molto concentrati e un GPS non lo sottovaluterei.
Saluti!
Citazione
0 #30 Francesco Risaliti 2018-06-19 14:34
Percorsa il 17/06/2018 da Ugliancaldo, percorso semplice ma interessante, ben tenuta. Avvicinamento non banale, discreta salita. Confermo che per scendere il tratto del sentiero 192 è pieno di alberi caduti che intralciano il percorso. MOLTO difficile vedere l'imbocco del sentiero 192 dal 181, trovato grazie al GPS che avevo con me. Non adeguatamente segnalato.
Citazione
+1 #29 Paolo B. 2018-05-02 08:30
Ferrata fatta in data 29/04/2018, sconsiglio il ritorno dal sentiero 192 in quanto continuamente interrotto da alberi crollati. Fare attenzione al bivio a sinistra nel tratto finale del sentiero 192, la deviazione è poco visibile.
Citazione
0 #28 Emiliano 2018-04-30 08:59
Percorsa il 29/04/2018. Attenzione che il rientro dal sentiero 192 ai cancelli della cava è difficoltoso per la presenza di molti alberi caduti.
Citazione
+2 #27 Stefano 2016-09-25 20:01
Percorsa il 25/09/2016. La ferrata è lunga (anche 2 ore se ci si ferma a fare molte foto) ma priva di difficoltà oggettive. In alcuni punti la roccia manca di appigli e personalmente ho dovuto tirarmi su di braccia trazionando sul cavo. La sconsiglierei come prima ferrata a meno di non andare dietro a qualcuno più esperto. Esposizione moderata. Tutto sommato è una bella ferrata anche se un po' monotona. Per quanto riguarda l'avvicinamento, dalla sbarra all'attacco della ferrata è impossibile sbagliarsi perchè c'è un segnale ogni 10 metri con frecce e quant'altro. Non si può dire la stessa cosa del ritorno. La cresta sommitale, ossia la Costiera di Capradossa, è non banale in quanto a esposizione. Se si vuole tornare alla sbarra bisogna mantenere il sentiero 192 ma di noi 3 nessuno ha visto il sasso con la presunta indicazione. Siamo scesi così dal 181 e ci siamo persi nel bosco seguendo un'indicazione vecchia e sbiadita per il "192 sbarra". Trovata la strada grazie al GPS dell'iphone.
Citazione
+3 #26 Stefano Musolesi 2016-08-28 20:07
Percorsa il 25/08/2016, abbiamo parcheggiato a circa 1 km dalla sbarra, il sentiero nel primo tratto all'interno del cantiere non è di facile individuazione, il primo finisce contro un cumolo di detriti, tratto all'interno del cantiere bisogna scavalcarlo, addentrarsi nel bosco. Per il rientro, l'erba alta in molti punti copre il sentiero, noi siamo scesi dal N°192, l'indicazione si trova a una biforcazione, sul sasso trovate scritto "192 e Sbarra", il sentiero è veramente un "campo minato".
Citazione
+1 #25 Lorenzo Landi 2016-06-13 10:28
Percorsa il 06/2016 Ferrata tecnicamente non difficile ma che richiede comunque un pò di allenamento vista la costanza con cui ascende e vista la lunghezza dell'intero percorso che è quasi sempre accompagnato dalla splendida parete nord del Pizzo D'Uccello. Dalla cima si può godere di panorami mozzafiato su entrambi i versanti.
A differenza di quanto scritto nella relazione, la strada che da Ugliancaldo conduce alle Cave del Cantonaccio è privata e con divieto di accesso, conviene quindi percorrerla a piedi (circa 45 min fino alla sbarra) e rientrare poi seguendo interamente il sentiero 181 fino ad Ugliancaldo dove si aveva parcheggiato. Purtroppo nei tratti erbosi ci sono molte zecche, meglio quindi prendere precauzioni. Complimenti infine al CAI di Pisa per l'ottima manutenzione di tutto il percorso.
Citazione

Aggiungi commento