Cerca

Caratteristiche

  • Moderatamente difficile con alcuni passaggi un pò più impegnativi.
    Attenzione all'estrema lunghezza dell'intera escursione. Può rivelarsi utile l'utilizzo della piccozza o ramponi durante il ritorno.
  • Salita fino al bivacco Fiamme Gialle 3.40h più 1.00h per eventuale salita a Cima Vezzana. La sola ferrata 2.00h ca.
  • Salita fino al bivacco Fiamme Gialle 1000mt più altri 200mt per eventuale salita a Cima Vezzana.
  • - seggiovia Col Verde
    - rifugio Rosetta
    - bivacco Fiamme Gialle
    - funivia di Rosetta
  • 0439-68204  
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 2.6
Esposizione 3.3
Varietà passaggi 3.5
Impegno fisico 4.1
Interesse paesaggistico 4.5
Numero votazioni 58
VALUTAZIONE FERRATA PHOTOGALLERY Relazione GOOGLE.MAPS Via Normale su VIENORMALI.it

Via Ferrata BOLVER LUGLI

CIMA VEZZANA

BY - VIEFERRATE.IT - Luglio 2008

AVVICINAMENTO

Da San Martino di Castrozza-Tn prendere gli impianti della funivia Col Verde  e raggiungere la stazione a monte -1970mt- che coincide con la stazione a valle della funivia per Col Rosetta. Poco sopra la stazione vi è la partenza (segnalata) del sentiero n.706  che attraverso mughi,pascoli e ghiaioni arriva a quota 2270mt dove si trova la targa con l'attacco della ferrata -50'-  alla base della parete sud-est del Cimon della Pala. Effettivamente l'inizio vero e proprio della ferrata si trova circa 300mt più su poichè in questo primo tratto si incontrano solamente tracce di sentiero ,gradoni di roccia ,roccette in scalata libera di I-II° ,solamente un momentaneo spezzone di cavo di circa 3-4mt inganna dando l'illusione dell'inizio della via. I tratti a scalata libera su roccette che potrebbe spaventare i meno esperti,non è affatto difficile o problematica anzi diverte ed aiuta a guadagnare terreno senza troppo affanno. Dopo circa 1.00h di progressione lungo l'avancorpo,a quota 2550mt,si giunge alla base della parete rocciosa e quindi l'inizio delle attrezzature .

LA FERRATA

Alcune roccette attrezzate  portano ad  un facile camino  superati i quali,a destra,si giunge ad un facile salto verticale ed esposto   -2640mt. Inizialmente una breve traccia di sentiero,segnalata con bolli rossi ,poi alcuni gradoni    conducono in direzione della parete dove lo sviluppo della via ferrata risulta più verticale  divenendo molto gradevole dal punto di vista della progressione in arrampicata sfruttando notevolmente le caratteristiche della roccia ricca d'appigli naturali . Al termine di questo primo tratto verticale si giunge ad un piccolo pulpito alla sinistra del quale si prosegue in breve traversata gradinata   giungendo rapidamente alla base di una seconda progressione verticale gradinata nei primi metri ,meno nel proseguo pur mantenendosi sempre a livelli di difficoltà contenuti . Un opportuno pulpito panoramico permette di apprezzare l'imponente massiccio della Pala di San Martino . Si riparte superando da prima nuovamente gradoni ,poi una placchetta triangolare  (grosso masso 2750mt) dove con l'ausilio di una staffa metallica  si passa in parete  raggiungendo cosi dopo alcuni metri di divertente arrampicata un secondo passaggio "aereo"  che segna probabilmente l'inizio del tratto più impegnativo della via pur non raggiungendo mai particolari livelli di difficoltà di cui talvolta si accenna in alcuni testi. Si inizia con alcuni passaggi in verticale con l'affanno che inizia a farsi sentire e si raggiunge la base di una placca caratterizzata nella prima metà da una serie di staffe metalliche  per divenire poi più tecnica nella seconda  ;una fessura  porta in direzione di uno stretto canalino   dal quale si esce a destra su spigolo esposto . Deviazione a sinistra e si affronta in spaccata una rampa verticale  all'uscita della quale,sempre a sinistra ,una nuova breve placchetta  non crea particolari problemi e ci si prepara a superare gli ultimi due salti verticali della via   ,esposti ma ben appigliati come lo è stata quasi sempre. Quest'ultimi salti verticali portano a quota 2950mt là dove le "Beppine" svettano slanciate  e la fatica si fà ormai sentire;una rampa in diagonale    di 5-6 metri permette di raggiungere una forcelletta dalla quale si vede il bivacco Fiamme Gialle . Tracce di sentiero ancora attrezzate attraversano una suggestiva cresta   e segnano la fine della via ferrata. Non resta che raggiungere in pochi minuti il bivacco tramite semplice sentiero  ben marcato . Spettacolare panorama sul Gruppo delle Pale con in primo piano il ghiacciaio di Cima Fradusta  . Proseguire da qui per il Cimon della Pala non è  consigliato ad un ferratista puro in quanto la salita è alpinistica e si sviluppa nel tratto finale in arrampicata libera di III°, piuttosto è possibile risalire fino a Cima Vezzana (3192mt) passando inizialmente sopra il passo del Travignolo (2925mt) per proseguire poi su ripido pendìo fino alla sella sulla cresta,da qui a sinistra su roccette e tratti di nevaio fino alla cima (1.00h dal bivacco) .

DISCESA

Sia che si scenda a valle dopo la visita a Cima Vezzana o che lo si faccia direttamente dal bivacco è necessario partire dal passo del Travignolo (dove generalmente inizia anche il ghiacciaio) a pochi metri di discesa dal bivacco ed "immergersi" nel canalone della Val dei Cantoni  dove con sentiero a zig-zag e,ma ciò dipende dalla stagione,per tratti di nevaio spesso interrotto da crepacci si arriva in fondo alla Valle dei Cantoni -2540mt-50'. A destra su parete rocciosa è indicata con grande scritta in rosso la direzione per il rifugio Rosetta. Dopo iniziale salita su roccette,traversata sotto la parete est e nuova salita su sentiero si arriva al passo Bettega (2667mt). Si scende verso ovest seguendo la traccia di sentiero fino al punto più basso del passo (2545mt) e ci si trova ai piedi di Cima Corona dove un bivio segnala a sinistra la salita per il rifugio Rosetta (2678mt) che ora è anche possibile vedere e dal quale parte la funivia che scende alla stazione a monte della funivia Col Verde mentre in discesa si raggiunge direttamente la stazione Col Verde. La scelta è soggettiva dipende se si preferisce percorrere circa 500mt di discesa inizialmente su roccette scivolose e ripide per circa 1.30h od attraversare l'altipiano che separa dal rifugio Rosetta con saliscendi di circa 50'.

CONSIDERAZIONI

La Bolver-Lugli nonostante la sua lunghezza ha pochi passaggi delicati anche se questi sono da affrontare  con un minimo di tecnica d'arrampicata,la vera attenzione è da dedicare alla discesa che per lunghezza e sviluppo si diversifica anno con anno a seconda delle condizioni in cui si trova il nevaio nella Valle dei Cantoni e che potrebbe dover essere affrontato con corda e piccozza. Attenzione a non ridiscendere il canale innevato in scivolata in quanto quest'ultimo è interrotto da un crepaccio trasversale non visibile dall'alto!!!.

 

Commenti   

0 #83 Angelo T. e Marco R 2019-09-28 07:22
Percorsa il 14/09/2019. Perfettamente in linea con la descrizionne. Avvicinamento dal Passo Rolle (Setiero dei Finanzieri 712) con pernottamento al Rifugio Pedrotti alla Rosetta. A parte qualche segnavia sbiadito, è ben segnalata e ottimamente attrezzata. Anche il primo tratto non attrezzato non presnta particolari difficoltà tecniche, con un minimo di attenzione è facilmente superabile. Purtroppo la giornata con nuvole basse non ci ha permesso di godere a pieno il paesaggio, ma è stata comunque appagante. A parte un piccolo tratto dal bivacco Fiamme Gialle a passo del Travignolo e sul sentiero verso la cima Vezzana, NON vi era presenza di neve e/o ghiaccio, ivi compresa l'intera Val Cantoni.
Citazione
0 #82 Diego Salvadori 2019-08-31 07:34
Percorsa il 30/08/2019, bella come da descrizione. Discesa per la val Cantoni assente da neve, ben segnalata e protetta.
abbiamo effettuato la discesa diretta dal passo Bettega al Col Verde, che ufficialmente dovrebbe essere chiuso, ma sufficientemente segnalata con segni rossi e diversi ometti. E' da percorrere con attenzione, qualche passo di arrampicata, ma elementare. Il cavo di acciaio nel finale è si arrugginito e sfilettato, ma è sufficente per una buona protezione.Ho letto un pò di tutto su questo tratto di discesa,indubbiamente ci vuole attenzione, ma, dopo avere percorso la ferrata non ci dovrebbero essere certo problemi ad affrontare questo tratto.
Citazione
0 #81 Laura V. 2019-08-22 18:08
Percorsa il 22-08-2019 con Fabio. Ottimamente attrezzata, breve l'avvicinamento (sfruttando la cabinovia fino a Colverde), bella, lunga il giusto e arrampicabilissima. Causa tempo incerto siamo rientrati per la traccia che scende da Passo Bettega al Colverde, traccia alpinistica da percorrere con le dovute cautele (forse dismessa?), segnata con numerosi segnavia un po' sbiaditi e con due brevi tratti attrezzati che consiglio di toccare il meno possibile, causa cavo sfilacciato in più punti.
Citazione
+4 #80 Ermanno Zeffiro 2019-08-11 11:31
Percorsa il 10/08/2019, molto arrampicabile e ottimamente attrezzata. Buono lo stato del sentiero nella valle dei Cantoni ma servono i ramponi e picca per ogni eventualità. Dal passo Bettega al Col Verde si percorre una traccia alpinistica mal segnata, scivolosa, esposta, con passaggi di secondo in disarrampicata, cavi di ferro sfilacciato. Nemmeno sul rientro dell'Agner c'è un martirio simile. Sconsiglio la percorrenza a tutti potenzialmente molto pericolosa. Meglio rientrare per il Rosetta dovrebbero chiudere quel tratto. Escursione nel complesso magnifica da non sottovalutare per l'impegno fisico.
Citazione
0 #79 Ferdinando 2019-07-18 15:44
Percorsa il 10/07/2019 con mia moglie. Ferrata molto appagante ma non adatta ai principianti, avvicinamento su sentiero abbastanza ripido nella parte prima della targa di inizio della ferrata, divertente il primo tratto che si può percorrere in arrampicata senza quasi toccare il cavo, ricca di appigli naturali. Seconda parte più impegnativa, abbastanza esposta e verticale che regala scorci fantastici della valle sottostante. Bellissimo l'arrivo in cima alla ferrata con vista sulle "beppine" che svettano solitarie, il bivacco dista pochi minuti e segna il punto di arrivo. Attenzione alla discesa lunga, da nn sottovalutare. Il tratto nella valle dei cantoni su nevaio (in questa data) è molto pericoloso (sarebbe meglio con i ramponi) ripido che termina in un salto di alcune decine di metri. Oltre questo, attraverso il passo Bettega siamo giunti al rifugio Rosetta e da qui alla stazione della funivia (3h e 30 circa).
Citazione
-2 #78 Pietro Fusani 2018-09-27 12:48
Percorsa il 26/09/2018 in condizioni meteo ottimali, poi proseguito fino a Bivacco Fiamme Gialle, poi discesa per la Val dei Cantoni, dove confermo la necessità di prestare attenzione soprattutto per gli scarsi segnali, ieri ben visibili ma probabilmente difficili davedere in caso di nebbia; poi fino a passo Bettega, poi discesa a Col Verde senza passare da Rif. Rosetta ma per traccia di sentiero che corrisponde al sentiero (apparentemente dismesso) che scendeva direttamente a Col Verde: qui occorre prestare attenzione nel discendere le balze rocciose con ghiaino spesso insidioso e nell'affidarsi (ma non troppo) ad un paio di vecchi cavi metallici, comunque in buone condizioni. Nel complesso bella escursione ma, almeno per il sottoscritto, piuttosto lunga e impegnativa, soprattutto lungo la via di discesa descritta. Secondo me occorre aggiornare la descrizione presente sul sito, risalente al 2008: anche l'inizio della ferrata è totalmente ferrato fin dall'attacco.
Citazione
0 #77 Luca Massignani 2018-09-09 18:46
Percorsa il 19-08-2018 Ferrata classica in ambiente maestoso.
Ottimamente attrezzata, non vi sono a mio avviso rilevanti difficoltà ne eccessiva esposizione.
Il rientro presenta passaggi delicati che, vista la grande frequentazione, meriterebbero un maggior presenza di dispositivi di sicurezza.
Citazione
0 #76 Roland 2018-07-21 13:18
Percorsa il 20/07/2018. Ferrata splendida e ben attrezzata, consigliabile solo a chi ha un minimo di esperienza e un ottimo allenamento; il tempo indicato nella descrizione di due ore per la sola ferrata a mio avviso è abbastanza ottimistico. (2,5-3h credo sia più corretto). La discesa dal bivacco dal canalone nella valle dei Cantoni in assenza di neve è sicuramente non agevole e adatto solo a escursionisti esperti. Bel giro.
Citazione
+2 #75 Massimo Michelini 2017-08-22 10:41
Percorsa il 21/08/2017. Bisogna subito dire che l'intero percorso deve essere effettuato solo con assoluta certezza di tempo buono e da persone decisamente in buona forma fisica. L'avancorpo iniziale è stato in buona parte ferrato, quindi si può ormai dire che la ferrata (lunga) inizi dalla prima targa. E' una di quelle ferrate dove la difficoltà non è costante ma varia in modo piuttosto deciso lungo il percorso: tratti medio -facili si alternano a tratti moderatamente difficili con una parete a due terzi del percorso (verticale e decisamente esposta) che presenta un paio di passaggi difficili. Non ci sono pareti strapiombanti a parte leggermente in un punto. Attenzione alla via del ritorno: sentiero non facile (qualche parte un po' esposta), richiesta sicurezza di passo e attenzione. Panorama al bivacco verso il "Deserto dei Tartari": da favola.
Citazione
+2 #74 Federica Chiara Code 2016-09-16 22:04
Percorsa il 04/09/2016
Percorsa per la seconda volta con lo scopo di arrivare in cima alla Vezzana (la volta precedente abbiamo dovuto rinunciare alla cima, perché nostra figlia aveva solo 8 anni...)
Attacco raggiunto dal sentiero 712 che parte nei pressi del Passo Rolle.
Ascesa alla Cima della Vezzana, discesa per la val Cantoni, Passo Bettega e ricongiungimento con il sentiero 712 in prossimità di Col Verde. Da percorrere solo se ben allenati e con condizioni di tempo stabile.
Citazione

Aggiungi commento