Cerca

Caratteristiche

  • Facile,notevole interesse storico.
  • complessivamente 4-5.00h.
  • 450mt ca. di cui il tratto attrezzato 100mt.
  • rifugio Toni Giuriolo al Passo Campogrosso
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 1
Esposizione 2
Varietà passaggi 2.5
Impegno fisico 1.5
Interesse paesaggistico 3
Numero votazioni 12
VALUTAZIONE DELLA FERRATA GOOGLE.MAPS

Sentiero Attrezzato al MONTE CORNETTO

MONTE CORNETTO

segnalato da ALESSIO MAVAN

PERCORSO STRADALE

Giunti a Recoaro Terme si supera il centro cittadino e si prosegue a destra la strada che,attraversando il paese di Merendaore,sale al Passo di Campogrosso-1462mt-  dove si trova il rifugio Toni Giuriolo.

AVVICINAMENTO

Dal Passo parte il sentiero n.170,che ci accompagna nel primo tratto del nostro cammino. Il sentiero costeggia il lato ovest del monte Boffelan dirigendosi verso nord in direzione della malga omonima. Nel primo tratto il percorso è molto turistico ,con un leggero saliscendi che invita comitive di famiglie e amici a passare una piacevole domenica in mezzo alla natura .Giunti in prossimità della malga il sentiero inizia ad inerpicarsi  facendoci intuire che il tempo della scampagnata sta finendo. Dopo aver preso un pò di quota ci troviamo di fronte al bivio con il n.176 ,il sentiero che ci deve condurre al Passo degli Onari attraverso una serie di gallerie e tratti attrezzati. Dopo pochi minuti ci troviamo di fronte alla prima galleria ,iniziamo ad attrezzarci con le torce elettriche e procediamo,piccola e stretta molto diversa da quelle che si possono trovare sulla più famosa strada delle gallerie del monte Pasubio,subito a seguire la seconda,il sentiero si inerpica  con pendenze non proibitive,anche se il fondo risulta molto friabile e in alcuni tratti franoso ,come franose sono le gallerie  che a nostro giudizio richiederebbero una maggior cura,finalmente ci troviamo di fronte al primo tratto attrezzato.

LA FERRATA

Brevissimo e non difficile anche se il fondo umido consiglia cautela,avanziamo ammirando la vallata sottostante che ci regala di tanto in tanto scorci  panoramici veramente suggestivi mentre il susseguirsi delle gallerie  alleggerisce di molto la fatica della salita e quasi senza accorgerci arriviamo al passo degli Onari al bivio con il sentiero n.149.Prendiamo in direzione nord  verso la forcella del Cornetto; l’umidità e l’afa iniziano a farsi sentire, come iniziano a far capolino le prime nubi che salgono dal fondo valle; mentre saliamo la visibilità diminuisce e ci impedisce parte della panoramica sul versante orientale del Cornetto. Arriviamo alla forcella-1825m-,dove incrociamo il sentiero n.175,qui scopriamo la parte più “impegnativa” della via attrezzata, proprio in direzione della cima del monte Cornetto: una costone  roccioso da superare con l’aiuto di due catene metalliche,il tratto è però molto breve e si supera senza eccessivo impegno se non con la dovuta e sempre consigliata cautela; superato il breve tratto attrezzato si prosegue su un sentiero che si inerpica  con buona pendenza verso la meta e in 10 minuti si giunge al bivio che precede l’ultima rampa che conduce alla cima,pochi metri ed è fatta,la croce  è li di fronte a noi,fantastico,dalla cima -1899mt- si può godere di un panorama a 360° come poche montagne cosi facilmente accessibili possono offrire,peccato solo per la nebbia che ci toglie il piacere di poter ammirare gran parte della vallata ad est del monte Cornetto… la pausa pranzo di fronte ad un simile spettacolo è d’obbligo!.

DISCESA

A malincuore si riprende la via del ritorno,ripercorriamo i nostri passi fino al Passo degli Onari, dove proseguiamo lungo il sentiero n.149. Il percorso è un susseguirsi di saliscendi,tocchiamo prima Passo del Boffelan-1660mt- e poi la forcella omonima-1738mt-,attraversando alcune gallerie, curiosando in alcune postazioni della prima guerra mondiale e superando un paio di brevissimi tratti attrezzati . Dalla forcella inizia il tratto in discesa che conduce al rifugio Campogrosso,che noi abbiamo variato percorrendo un vecchio e franoso sentiero lungo un canalone che,con un notevole dislivello,conduce direttamente sulla strada del Re che porta al rifugio.

CONSIDERAZIONI

Il giudizio finale dell’escursione è buono; chi si aspetta un certo numero di sentieri attrezzati può rimanere deluso,perché in realtà di attrezzato c’è davvero pochissimo; chi vuole godere di panorami suggestivi e di un percorso vario e caratteristico può trascorrere una piacevole giornata (senza contare che i brevi tratti attrezzati sono una facile palestra per chi vuole iniziare ad impratichirsi con corde e moschettoni).

Commenti   

+1 #13 Roberto 2020-09-14 13:05
Percorsa il 13/09/2020. Percorso facile, ma molto suggestivo sia per il paesaggio che per la storia. Occorre un po' di attenzione sul passaggio attrezzato subito successivo alla forcella del cornetto. Suggerisco di NON "parcheggiare" nessun materiale in forcella, altrimenti al ritorno potreste non ritrovarlo (una persona del mio gruppo aveva lasciato i bastoncini per percorrere più agilmente il tratto attrezzato, ma al ritorno dalla cima non li ha più ritrovati).
Al passo del Baffelàn se si scende a SX per il Boale del Baffelàn (via più breve per tornare alla strada del RE vicino a ponte AVIS)... si incontreranno alcuni salti di roccia ed una catena che aiuta a calarsi per una decina di metri da muro di contenimento, passaggi non difficili ma non adatti a persone alle prime esperienze o poco sicure.
Citazione
+1 #12 Andrea 2020-05-25 06:44
Percorsa il 25/05/2020.
Partiti dal rifugio Toni Giuriolo il sentiero è molto bello e molto semplice, con indicazioni abbastanza complete (seguendo il sentiero 170 non viene specificato l'attacco della ferrata.)
La ferrata in sè è davvero semplice, adatta a chi è alle prime armi con imbrago e moschettoni, solo l'ultimo pezzo per raggiungere la cima è un pò atletico, in particolare se ripercorso in discesa.
Nel rientro (Passo del Boffelan) la relazione dice di passare dalla forcella del Boffelanl, si tratta di una gola ripida e con ghiaione, complessa per chi è inesperto, vista la possibile stanchezza,senza considerare le condizioni atmosferiche, una persona esperta lo affronta senza problemi,ma visto che il giro viene presentato come una gita per neofiti consiglio di passare dal alpe di Campogrosso(30 min) che conduce con un sentiero facile al rifugio Campogrosso.
Paesaggi meravigliosi
Citazione
+3 #11 Agostino 2018-06-24 07:49
Percorsa il 23/06/2018 Tutte le passerelle del CAI 149 sono ad oggi perfettamente ripristinate e agibili.
Citazione
-4 #10 Silvia 2018-05-10 14:42
Sentiero attrezzato percorso con il CAI il 06/05/2018. Bello e non eccessivamente impegnativa, tranne un canalino non attrezzato subito prima della cima del Monte Cornetto che fatto in salita era fattibile, ma in discesa sull'umido ci ha fatto tirar fuori la corda ed una delle nuove passerelle sul sentiero del ritorno che è totalmente divelta e penzolante nel vuoto causando un passaggio molto atletico sul cavo , l'unico rimasto, passaggio veramente poco sicuro. Spero che il CAI di zona la ripari perchè cocì è quasi impossibile da fare. Il paesaggio e la natura intorno sono veramente bellissimi. Da fare e il sentiero non è banale.
Citazione
+5 #9 Mauro S. 2016-09-04 20:54
Percorsa il 04/09/2016. Come da descrizione fino alla cima.
I tratti attrezzati sul sentiero 149 lungo il ritorno sono stati sostituiti con passerelle metalliche azzerando la difficoltà.
Rinnovo l'invito all'attenzione già indicato da qualcuno lungo il canalone franoso (177 canalone Boale del Baffelan), può mettere in difficoltà i meno esperti. In particolare l'unico pezzo di catena presente non è da sottovalutare necessitando buona forza nelle braccia. Nel complesso bel giro! Consigliato!.
Citazione
+7 #8 Enrico Bonturi 2015-01-23 00:00
Percorsa il 17-08-2014 Percorso interessante sia per il paesaggio che per i riferimenti storici. Con piccole varianti sul percorso si possono ammirare i resti di trincee e postazioni belliche. Il mio percorso si è sviluppato in senso inverso rispetto a quello descritto nella relazione. Molta attenzione nel canalone sotto la cima del Baffelan. Terreno friabilissimo e con una pendenza notevole.Panorama da favola,la giornata era bellissima,Carega,Pasubio,Vallarsa con vista aerea dal Cornetto!anche se berve ,da non sottovalutare il tratto di catena sotto la cima del Cornetto,specialmente in discesa.
Citazione
+2 #7 Alberto Bolzon 2015-01-23 00:00
Percorsa il 08/08/2014 Ferrata semplice ma molto bella. Secondo me il ritorno per il canalone franoso non è adatto a principianti alle prime armi.
Citazione
0 #6 Giulio Bongiovanni 2015-01-23 00:00
08/10/2011 Facile in salita. Attenzione in discesa perché bisogna scendere dal sentiero attrezzato anche se per pochi metri.
Citazione
0 #5 Paolo Montin 2015-01-23 00:00
Percorsa il 04/10/2012.Bella la cima.
Citazione
+1 #4 Giuseppe Gennari 2015-01-23 00:00
09/09/2011 Facile e divertente anche se l' attenzione serve sempre. Bel panorama a 360 gradi. ciao
Citazione

Aggiungi commento