Cerca

Caratteristiche

  • Moderatamente difficile anche se i passaggi attrezzati sono molto brevi.
  • - salita al Cornetto 2.45h.
    - discesa 1 1.30h
    - discesa 2  3-4.00h
  • - alla cima Cornetto 750mt.
    - discesa 1 750mt
    - discesa 2 750mt + alcuni saliscendi.
  • Pian delle Fugazze
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche \
Esposizione \
Varietà passaggi \
Impegno fisico \
Interesse paesaggistico \
Numero votazioni \
VALUTAZIONE FERRATA GOOGLE.MAPS

Sentiero Attrezzato del VAJO STRETTO

MONTE CORNETTO

BY - VIEFERRATE.IT - Settembre 2012

"ATTENZIONE SENTIERO ATTUALMENTE CHIUSO DA ORDINANZA COMUNI ALTA VAL LEOGRA"

Originale itinerario attrezzato, caratterizzato dal superamento di una verticale strettoia che si affronta attraverso uno angusto pertugio munito di scala e funi metalliche. La prosecuzione della gita attraverso il sentiero d’arroccamento, non presenta particolari difficoltà, ma si svolge su di un percorso grandioso per il panorama offerto e per l’arditezza delle opere di guerra tutt’ora presenti. L’itinerario, intagliato nella roccia, venne costruito dal Genio Militare Italiano negli anni della Grande Guerra, ed era una munita opera difensiva a ridosso del conteso Gruppo del Pasubio. Sulla cima del Monte Cornetto era stato costruito un osservatorio del quale non rimane alcuna traccia.

PERCORSO STRADALE

E' necessario raggiungere in auto il Pian delle Fugazze (ampio parcheggio),valico alpino a 1.163mt situato ai confini delle province di Vicenza e di Trento, che separa le Piccole Dolomiti dal massiccio del Pasubio e funge da spartiacque fra la Val Leogra e la Vallarsa. Mette in comunicazione le due province attraverso la ex strada statale 46 denominata "del Pasubio", che ricalca il tracciato dell'antica via Regia. Dal Vicentino si sale attraverso i comuni di Valdagno-Vi o Schio-Vi mentre dal Trentino si giunge da Rovereto-Tn. Dal Pian delle Fugazze è possibile risparmiare alcuni minuti di camminata proseguendo in auto in direzione dell'Ossario del Pasubio dove si abbandona l'auto in corrispondenza del parcheggio vicino a Malga Cornetto.

AVVICINAMENTO

Si segue il sentiero segnato che, inizialmente per pendii erbosi e poi per bosco, porta alla base delle pareti rocciose del Cornetto. Avanzando in direzione nord si giunge ad un primo canalone con un vistoso macigno incastrato . L'evidente sentiero prosegue alla destra aggirando le pareti rocciose  in direzione di un secondo canale nel quale stavolta ci si addentra . Il sentiero alpinistico del Vajo Stretto inizia qua ed attraverso anche alcune facili roccette si raggiungono le prime attrezzature.

LA FERRATA

Presso una forcellina panoramica è possibile indossare l'imbrago  a pochi passi  dal primo "salto" attrezzato  con catena fissa. La catena ha un infisso tranciato quindi l'assicurazione risulta essere piuttosto blanda . Sfruttando anche la presenza di una placchetta metallica  si supera il salto,con discreta trazione sulla catena, raggiungendo un pulpito dal quale si fuoriesce attraverso una prima suggestiva strettoia . Ci si trova immersi in un ambiente caratterizzato da alte e strette pareti  verso le quali conduce la via superando alcuni massi detritici  raggiungendo il vicino attacco del secondo tratto attrezzato . Si superano rapidamente i  massi  e ci si addentra nello stretto canale detritico in direzione di enormi massi incastrati tra le pareti  superandoli,alla destra, grazie all'indispensabile presenza di una scala metallica . All'uscita dalla scala,si entra nell'incavo creato fra i 2 massi , li si aggira fuoriuscendo da una seconda strettoia, ci si addentra nuovamente nello stretto canale  ed in breve si ritrova un nuovo "salto" attrezzato creato dalla presenza di ulteriori massi. Cercando appoggi sicuri per i piedi , si superano rapidamente i pochi metri di catena ritrovando nuovamente il canale  la cui parte alta, piuttosto franosa, si supera alla sinistra aiutati dalla presenza di una catena scorrimano   che consente un avanzamento più sicuro. All'uscita dal Vaio Stretto-1560mt, ci si trova in mezzo al Vajo della Cassa da Morto, si mantiene da prima, come da segnavia, la destra costeggiando parzialmente la parete , poi si traversa a sinistra per risalire il ghiaione   che conduce alla  Selletta Emmele-1675mt. Si prosegue, come da indicazioni , percorrendo la stradina ex militare  che con alcuni tornanti raggiunge in circa 15' la forcella del Cornetto  dove un bivio permette di raggiungere passo Campogrosso attraverso alcune gallerie di guerra  oppure di raggiungere la cima del Cornetto. In direzione della cima si incontrano da subito una decina di metri di parete attrezzata, di modeste difficoltà,molto ben appigliata      dove la catena funge prevalentemente come scorrimano, si continua poi, per alcuni minuti,su comoda stradina sterrata  fino ad un secondo bivio  dal quale, a sinistra, una breve traccia di sentiero  porta alla vicina croce di vetta-1890mt ca.

DISCESA

Si ritorna all'ultimo bivio incontrato, nel quale bisogna optare per due soluzioni principali:
1- scendere al Pian delle Fugazze attraverso la selletta Nord-Ovest -segnavia 45- ed arrivare cosi all'auto incirca 1.30h
 
2- al bivio,ridiscendere alla forcella del Cornetto e da qui, attraverso un percorso -Vedi- molto più lungo e vario del precedente (passo Beffelan-Campogrosso-strada del Re), che nel suo sviluppo offre ulteriori alternative, si ritorna all'auto.

CONSIDERAZIONI

Percorso piuttosto suggestivo dal punto di vista paesaggistico.I passaggi attrezzati sono veramente una minima parte dell'escursione tuttavia persone prive di un minimo di doti atletiche potrebbero aver bisogno di un aiuto. Attenzione al canale finale del Vaio Stretto dove si trova una gran quantità di materiale detritico instabile. I salti rocciosi creati dai grossi massi incastrati tra le pareti non permettono la necessaria visuale in caso di caduta pietre.

Commenti   

+3 #7 Paolo antoniazzi 2020-12-02 08:34
Salito il 29/11/2020 con mio figlio di 10 anni. La via è stata ripristinata ad inizio estate dalle sezioni del Cai locali, con tanto di scaletta e cavi puntuali. Risulta così super sicura e di facile accesso. In ambiente innevato, con l’equipaggiamento adeguato e ponderando le condizioni, garantisce una bella avventura che si snoda prima tra il bosco di faggi, poi nel misto del Vajo per finire nella risalita del canalone innevato.
Citazione
+8 #6 Stefano 2016-08-13 18:32
la ferrata, già chiusa con ordinanza, verrà smantellata, allego circolare CAI.
Citazione
+2 #5 Stefano 2015-12-15 19:19
Percorso il 15/12/2015 ed in perfette condizioni, ci sono persino diverse catene che sembrano abbastanza nuove (ancora belle lucenti). Raggiunta la cima ho visto il cartello con l'ordinanza che vieta il passaggio, ma non l'ho visto all'imbocco vicino all'ossario.
Citazione
+2 #4 Stefano Ghinato 2015-01-23 00:00
La ferrata e' interdetta con ordinanza comunale e di conseguenza abbandonata a se stessa.
Citazione
0 #3 Stefano Borrelli 2015-01-23 00:00
Percorsa il 07/2014. C'è l'ultimo tratto di catena, che porta alla Sella dove finisce il Vajo, rotto!
Citazione
+1 #2 Sergio Mantovanelli 2015-01-23 00:00
Percorso il 15/08/2012 Attenzione:alla base del sentiero sulla strada e all'inizio del vajo c'è un'ordinanza del 7 luglio che ne vieta il passaggio per frane e materiali instabili. Percorso oggi non presenta nulla di pericoloso eccezion fatta per la gran quantità di materiale sul fondo del Vajo. Da non percorrere in gruppo e in discesa. E' necessario fare attenzione ai numerosi punti sdrucciolevoli ed "unti". Consiglio zaino piccolo perchè all'uscita della scala per arrivare alla prima cengia il passaggio è veramente angusto. Nel complesso comunque Vajo molto bello e suggestivo, veramente incassato tra due pareti verticali. Non ho notato nessuna cartello di percorso EEA.
Citazione
+1 #1 Marco Verzola 2015-01-23 00:00
Il vajo è stato chiuso dai c.a.i. il 7 luglio 2012 per frana in movimento.
Citazione

Aggiungi commento