Cerca

Caratteristiche

  • Difficile con alcuni tratti molto difficili. L'intera escursione è spesso caratterizzata da un elevato grado di esposizione.
  • L'intera escursione partendo e tornando al rifugio Scarpa circa 6.00h di cui 1.30h la sola ferrata.Aggiungere ancora 1.00h per l'eventuale andata/ritorno all'Agnèr.
  • Totale salita con la cima dell'Agnèr 1150mt di cui 300mt la sola ferrata.
  • - rifugio Scarpa
    - bivacco Biasin
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 3.9
Esposizione 3.6
Varietà passaggi 3.3
Impegno fisico 4
Interesse paesaggistico 3.5
Numero votazioni 29
VALUTAZIONE FERRATA PHOTOGALLERY Relazione PHOTOGALLERY EsternaGOOGLE.MAPS Via Normale su VIENORMALI.it

Via Ferrata STELLA ALPINA

MONTE AGNER

BY -  VIEFERRATE.IT - 2004

PERCORSO STRADALE

Il punto di partenza dell'escursione è la località Frassenè (1084mt-ValCordevole) raggiungibile da Agordo dirigendosi poi in direzione Agordino,passo Cereda oppure è raggiungibile da Fiera di Primiero (Val Cismon) procedendo poi sempre in direzione passo Cereda dal quale è necessario poi scendere alcuni chilometri fino ad arrivare alla località in questione. Raggiunta la piccola località di Frassenè è possibile parcheggiare l'auto presso i parcheggi adiacenti l'impianto di risalita o presso il centro del paese.

AVVICINAMENTO

La prima tappa dell'escursione è rappresentata dall'accogliente rifugio Scarpa (1735mt) raggiungibile a piedi tramite il sentiero n.771 in circa 2.00h oppure,se funzionante,tramite la seggiovia con arrivo presso i prati di malga Losch a pochi metri sotto il rifugio da dove già si vede l'intero percorso  dell'escursione: a sinistra l'esposta parete della ferrata,la cima dell'Agnèr ed il lungo canalone di discesa. Proprio dalla sella presso la malga si seguono le indicazioni e si risale il ripido pendio erboso fino ad un breve tratto pianeggiante che si lascia per proseguire in salita verso le vicine roccette (indicazione ferrata). Si arriva alla base della parete dove presso un bivio le frecce sul masso indicano di proseguire a sinistra giungendo presto all'attacco della ferrata a quota 1945mt dopo circa 45' di cammino dal rifugio. In verità l'attacco della via è distante ancora alcuni minuti di cammino dopo cioè aver superato alcune facili roccette  ed alcuni tratti attrezzati   mentre alla nostra destra è possibile vedere il lungo nevaio che costeggeremo al ritorno . Eccoci finalmente ai piedi della parete dove l'indicazione di via difficile e pericolosa ci indica ufficialmente l'inizio della ferrata a quota 2040mt.

LA FERRATA

Le prime funi partono tese e verticali ,dopo alcuni metri traversano a destra  e si estendono verso la base di un camino  dove è richiesto un certo impegno nonostante la roccia salda che permette una buona presa  e la presenza di alcuni pioli metallici . Usciti dal camino si traversa brevemente a destra  con il cavo utilizzato solo come scorrimano e già si vede la fessura da affrontare possibilmente con uno zaino non troppo capiente . La via si apre e l'esposizione aumenta ,a dire il vero ci troviamo proprio nel tratto più esposto ma non per questo il più impegnativo,si prosegue mantenendo sempre abbastanza elevato il livello d'esposizione mentre la verticalità,anche se non eccessiva,aiuta a guadagnare metri   fino al primo vero punto di sosta  che è bene sfruttare in quanto da qui inizia l'ultima parte della ferrata dove vi sono le maggiori difficoltà. Proseguiamo prima a sinistra poi nuovamente in verticale  con alcuni passaggi delicati   verso la base della placca finale molto impegnativa attrezzata non a caso anche con dei pioli  di cui si sente veramente il bisogno terminando così la ferrata all'altezza delle Laste (2265mt). Il termine dell'escursione è ancora lontano,ora il prossimo obiettivo è il bivacco Biasin raggiungibile seguendo le indicazioni giallo-rosse presenti sulla roccia. Si guadagna terreno superando facili roccette  alternate a tracce di sentiero  sempre in lieve ma costante esposizione e con alcuni tratti attrezzati là dove il terreno si fà un pò più instabile  ,in particolare poco dopo l'uscita dalla placca finale della ferrata ci si trova a dover superare un traverso di 4-5metri inclinato,esposto e con fondo abbastanza levigato  che risulta molto pericoloso in caso di roccia bagnata e comunque è consigliabile assicurare i più timorosi con alcuni metri di corda utilizzando i 2 chiodi presenti all'inizio e poco sopra il termine del tratto in questione. Dopo circa 1 chilometro di cammino si arriva in vista del rosso bivacco,si scende leggermente la conca detritica e si attraversa la parte alta del canalino friabile che non è altro che l'inizio del grande canalone che troveremo,innevato,più tardi a valle . Pochi metri in salita verso la Forcella del Pizzon e poi a destra per gradoni di roccia  ed eccoci arrivati al bivacco Giancarlo Biasin a quota 2650mt ed a circa 1.30h di cammino dal termine della ferrata. Dalla Forcella già si gode di un bellissimo panorama su buona parte del Gruppo delle Pale di San Martino  ma per avere una visuale migliore sul resto delle Dolomiti e le strapiombanti Pale di San Lucano  completando al meglio l'intera salita è necessario,ma non obbligatorio,proseguire l'escursione verso la cima del monte Agnèr. Subito a monte del bivacco (percorso sempre segnalato con sv.rossi) partono in ripida salita gradoni di roccia attrezzata portando allo spigolo sinistro,poi traversando verso ovest lungo tracce di sentiero e brevi cenge ,inizia una esposta e facile salita per placchette,passaggi di arrampicata di I° e II° e brevi tratti  attrezzati con una crestina terminale di facili roccette. Dopo circa 40' si è così in cima all'Agnèr (2872mt) con strepitosa veduta Dolomitica  .

DISCESA

Ritornati al bivacco per la stessa via di salita si inizia la discesa verso sud lungo il pendìo roccioso  parallelamente al canalone che divide l'Agnèr dai Lastei su terreno a tratti roccioso in altri levigato e sdrucciolevole. Circa 20' di cammino e si raggiunge il bivio (2435mt) dove il sv.giallo porta (sinistra) a valle lungo la via normale mentre il sv.rosso (destra) scende alla base del canalone lungo stretti tornanti su fondo detritico,pendii erbosi e tratti attrezzati talvolta ripidi  (la stanchezza si fa sentire!) fino allo spigolo finale che "precipita",attrezzato,allo sbocco del canalone terminando così là dove,se percorsa all'inverso,inizia la nuova via normale attrezzata (1985mt) a circa 2.00h dal bivacco. Ci troviamo ancora alla sinistra del canalone quindi è necessario attraversare l'impervio terminale costituito da grossi massi e residui di precedenti valanghe oppure dal manto nevoso se la stagione lo concede  per riportarci molto velocemente alla destra del canalone stesso e quindi nuovamente sul sentiero di ritorno verso il rifugio Scarpa in coincidenza anche con l'arrivo della via normale (non attrezzata) lasciata precedentemente al bivio.

CONSIDERAZIONI

1- La ferrata,in buona parte sviluppata in linea verticale,richiede molta attenzione nel non far cadere sassi.
2- Potrebbero risultare utili 20mt di corda per assicurare nei vari tratti esposti,che l'intera escursione offre,i più insicuri anche se non è certo una salita da consigliare a persone insicure. Risulta comunque altamente sconsigliabile percorrere la via in caso di tempo malsicuro in quanto sia la ferrata che la salita all'Agnèr e la discesa finale risulterebbero estremamente pericolose se fatte su roccia bagnata!!.
3- La discesa richiede un ulteriore chiarimento anche perchè i vari testi presenti sul mercato non sono molto chiari a tal riguardo: dal bivacco si inizia la discesa tenendosi a sinistra sotto le pareti terminali stando attenti a non camminare dove il fondo è coperto da ghiaia scivolosa. Questo primo tratto della discesa è contrassegnato con segnavia rosso mentre al bivio vi è l'indicazione (giallo) per la valle,si tratta della via normale che collega il rifugio Scarpa al bivacco senza dover percorrere la ferrata. Se al bivio si sceglie il percorso di destra (segnavia rosso e più breve) si scende costeggiando in buona parte il canalone su fondo più impegnativo del precedente con alcuni tratti attrezzati da percorrere indossando ancora imbrago e casco anche perchè il percorso può essere interessato da caduta massi specialmente se dall'alto seguono altri escursionisti. Quest'ultima è in effetti la seconda via normale ed attrezzata che collega il rifugio Scarpa all'Agnèr ed è di più recente costruzione della prima (gialla al bivio) anche se ormai è datata 1994. In alternativa a queste 2 vie di discesa segnalate e consigliate vi è una terza possibilità che consiste nel percorrere il canalone innevato equipaggiati quantomeno con ramponi anche se in questo caso è consigliabile consultarsi con il rifugista riguardo lo stato di innevamento. Percorrendo la via di discesa di destra (rossa) che costeggia il canalone è possibile in vari punti accedere,tramite una brevissima discesa di pochi metri lungo facili roccette,al nevaio. Nell'agosto di quest'anno (2004) quando è stata percorsa la via,al termine della normale discesa attrezzata si è reso necessario percorrere ancora una ventina di metri lungo il tratto terminale del canale ancora innevato quindi anche in questo caso sono risultati utili i ramponi.

Commenti   

-1 #43 Michela 2018-07-30 20:06
Percorsa il 29/07/2018 impegnativa soprattutto per le braccia...lungo l'attraversamento per arrivare al bivacco super comodo...dato che ieri il cielo si è un pò coperto e con il vento era fresco...poi si è un pò schiarito e arrivati siamo saliti in cima stupendo il panorama.. lunga e faticosa la discesa soprattutto tanta attenzione tra le rocciette e i sassolini per non scivolare e infine una bibita fresca al rifugio Scarpa ..un pò di desolazione vedere l'impianto di risalita abbandonato 8 anni fa e non più demolito..
Citazione
+1 #42 Daniele Santomaso 2016-08-27 19:36
Percorsa il 27/08/2016 Ferrata spettacolare. Molto impegnativa a livello di braccia. Finita la ferrata lunghissima l' attraversata per arrivare al Bivacco. Dal Bivacco alla cima 50 minuti ad andare 40 il ritorno con passaggi mozzafiato ma ben assicurati. La discesa lungo il canalone molto impegnativa per le ginocchia. Tutto questo per dire che ne vale la pena....
Citazione
+3 #41 Celeste Da Col 2016-08-24 15:04
Percorsa il 23/08/2016 con Adriana e Margherita. Stupenda ferrata che richiede notevole impegno fisico e psicologico. Passaggi delicati ma fattbili. Terminata la ferrata il bivacco Biasin è ancora lontano. Molto pericolosa la discesa per la via normale causa la presenza di detriti su placche di roccia.da intraprendere solo con tempo buono e buon allenamento. Celeste
Citazione
+1 #40 Simone Nale 2015-08-25 09:22
Percorsa il 14/08/2015: la ferrata non è lunga e dalle descrizioni me l'aspettavo con maggiori continuità di difficoltà. Ci son 2-3 passaggi che richiedono forza delle braccia in quanto si svolgono su placche piuttosto lisce e tratti verticali/strapiombanti.
Me l'aspettavo anche molto più esposta.
Non è per nulla da sottovalutare la "cavalcata" sui lastei nei tratti non attrezzati: si tratta di un'arrampicata piuttosto elementare ma su placche lisce molto pericolose se bagnate che in caso di scivolata ti conducono direttamente allo Scarpa.
Noi siamo scesi per la normale ed il primo tratto in comune con la direttissima è da fare attenzione a causa del ghiaino. In totale l'escursione è piuttosto impegnativa sull'aspetto fisico.
Citazione
+2 #39 Giancarlo C. 2015-07-12 22:12
Percorsa il 07/2015 Nel complesso escursione molto faticosa ma appagante (con salita all'Agner, consigliata). Tratto ferrato con passaggi non banali, ma mai problematici. E' in costante battuta di sole, consiglio di abbondare con l'acqua. Dalla ferrata al Biasin roccette con tratti di facile arrampicata (ma esposti). Rischiosissimo in caso di roccia umida a causa di alcuni passaggi su placca. Attenzione alle frequenti scariche di pietre (sentite passare fischiando). Dal Biasin alla vetta dell Agner tratti difficili assicurati. Passaggi non assicurati semplici ma da fare con passo fermo (altissima esposizione).Nella parte finale facile arrampicata, non assicurata, sempre esposta.
Rientro dal Biasin effettuato per la via normale (bolli gialli). Il tratto iniziale è pericoloso per l'esposizione verso il canalone, per il malefico ghiaino e la stanchezza accumulata. 20' dopo il bivio (via del canalone e normale) il sentiero si fa molto più facile.
Citazione
+1 #38 Paolo Pattuzzi 2015-01-23 00:00
Percorsa il 8/09/2013...in occasione della salita di 150 cime per il 150° anniversario fondazione del CAI. Percorsa in salita con roccia umida e nebbia a tratti. Ma abbiamo raggiunto la cima alle ore 12 per accendere il segnale arancione Difficoltà tecnica notevole su tutto il percorso. Estremamente pericolosa la discesa per via con bollino rosso. Roccia bagnata e friabile. In tutti i casi: stupenda, ma da fare solo se ben esperti ed allenati
Citazione
0 #37 Roberto Soggia 2015-01-23 00:00
Percorsa il 12/09/2014 Molto impegnativa fisicamente e tecnicamente sino alle Laste. 2h circa. Tenere conto che da qui al Biv. G. Biasin: la strada è ancora lunga, vi sono tratti brevi che andrebbero assicurati e che percorrere in discesa quanto fatto sino alle Laste è certo da evitare. Altre 2h. La discesa lungo il canalone (segn. rosso, destra al bivio) richiede ancora almeno 3h, tenendo conto dell' impegno richiesto dalla salita. Da percorrere con attenzione visto il tipo di terreno. Certo piu corta della via normale ( segn. giallo, al bivio sinistra) ma non so se piu breve.
Citazione
0 #36 Erika Agostinetto 2015-01-23 00:00
Percorsa il 08/2014 L'intera escursione risulta a mio avviso molto impegnativa. La discesa per la via normale è piuttosto lunga e da non sottovalutare considerando che è priva di assicurazioni. Arrivati al bivacco considero a tutti un ultimo sforzo per raggiungere la cima!.
Citazione
0 #35 Francesco Orlandi 2015-01-23 00:00
Percorsa il 06/08/2014 in giornata di pieno sole, totalmente consigliata poiché con la pioggia il percorso risulta troppo pericoloso. Arrivo al rifugio Scarpa in 40 minuti via sentiero abbastanza ripido e faticoso ma sostenibile. Dal rifugio all'attacco sentiero facilmente percorribile in 35 minuti. Inizio del primo tratto di ferrata subito esposto e con assicurazioni sicure ma vecchie: filo arrugginito e lento ma saldato ai pioli. Arrivo al secondo di pezzo di ferrata, quella vera e propria, dopo alcuni minuti di sentiero in quota. L'inizio della ferrata rende subito l'idea della continua esposizione e dell'impegno fisico richiesto: numerosi camini e tratti in strapiombo con buona scelta di appigli lungo tutto il percorso. Finita la ferrata, completata in 1 ora e mezza, iniziano due tratti molto lunghi di roccette di secondo grado non assicurate segnalate da vernice gialla sulle rocce, intervallate da altri 3 tratti di ferrata semplici. Prestare molta attenzione ad alcuni passaggi molto esposti e scivolosi causa detriti. Tutto completamente non assicurato. Dopo circa due ore di roccette e ferratine si arriva al bivacco Biasin, dal quale si può salire in un'altra ora in vetta (croce). Dal Bivacco la discesa e' molto ripida, impegnativa, scivolosa e richiede passo solido e grande impegno fisico. Dopo tratti di continue roccette in discesa molto esposti, si arriva finalmente dopo circa 2 ore al sentiero vero e proprio che porta direttamente al rifugio Scarpa, seguendo i segnali gialli in vernice. Nel complesso esperienza fantastica a livello paesaggistico ed estrema dal punto di vista fisico e psicologico. Percorsa con un amico con grande esperienza e resistenza fisica.
Citazione
+1 #34 Paolo Pattuzzi 2015-01-23 00:00
Percorsa il 08/09/2013. 150° CAI. Sez. Cittadella sale sull'Agner. Tempo incerto, nebbia e pioggia hanno fatto da padroni per tutta la ferrata. Impegno fisico e tecnica messe a dura prova dal meteo. Roccia ottima anche se bagnata. Il ritorno per il canalone è stato durissimo e molto delicato per pioggia e brecciolino sulla roccia. Il nevaio ghiacciato ha complicato la discesa. In tutti i casi, non percorrerla mai con il meteo avverso. Solo alcuni spiragli tra le nuvolo hanno fatto scorgere la profondità delle pareti rocciose viste dall'alto. Superlativa!!.
Citazione

Aggiungi commento