Cerca

Caratteristiche

  • Moderatamente difficile.
    Sentiero EE con caratteristiche alpinistiche,attrezzato solo in pochi tratti.
  • 4.30-5.00h
  • 1025mt
  • frazione Belvedere di Valmadrera
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 2.3
Esposizione 1.6
Varietà passaggi 2.4
Impegno fisico 3
Interesse paesaggistico 2.8
Numero votazioni 23
VALUTAZIONE FERRATAGOOGLE.MAPS

Via Ferrata al CANALONE BELASA

MOREGALLO

segnalata da LUCA CALVI - 2008

Il Moregallo -1276mt-  è la montagna simbolo di Valmadrera,una elevazione che, a dispetto dell’altitudine modesta, presenta caratteristiche decisamente alpine, vuoi per la roccia dolomitica, vuoi per i profondi canaloni incassati tra pareti formate da guglie appuntite, vuoi per il dislivello, mai inferiore ai mille metri, che attende l’escursionista intenzionato a gustare i magnifici panorami che offre la sua cima. La via più diretta per salire alla cima dal centro di Valmadrera -250mt- è rappresentata dal Canalone Belasa, una via nota solo agli alpinisti ed ai cacciatori locali fino a un paio d’anni fa, quando la benemerita OSA di Valmadrera ha deciso di segnalare ed attrezzare l’itinerario con alcune catene in sei-sette punti, dove cioè il grado di difficoltà superava il II grado della scala UIAA. Il percorso viene definito “per escursionisti esperti”, anche se, in effetti, si tratta di un itinerario attrezzato di carattere più alpinistico che escursionistico.

PERCORSO STRADALE

Dal centro di Valmadrera -250mt- salire alla frazione Belvedere -290mt- seguendo le indicazioni per San Tomaso (pochissime possibilità di parcheggio, meglio lasciare l’auto in uno dei parcheggi del centro).

AVVICINAMENTO

Seguendo la strada acciottolata,dopo pochi minuti si raggiunge la Cappelletta della VARS, dove numerosi segnavia indicano il sentiero che sale verso la sorgente di Sambrosera-715mt, che viene raggiunta in poco più di un’ora. La sorgente di Sambrosera è il più importante crocevia dei sentieri del Moregallo ed offre, oltre ad un’acqua freschissima, un piccolo punto di riposo attrezzato con un paio di panche. Abbondanti segnavia indicano la direzione da prendere, sottolineando subito il carattere “per esperti” dell’itinerario .

PERCORSO ATTREZZATO

Il Canalone Belasa inizia seguendo in linea diretta l’andamento del canalone stesso per un sentierino poco evidente ma ben segnato a minio,tra arbusti, alberelli e piccole pietraie alternate a tratti di pietrisco o terriccio abbastanza franosi e faticosi . La pendenza costante, sempre sostenuta, permette di guadagnare rapidamente quota e ben presto il fondo diventa roccioso, per quanto alternato a tratte di pietrisco e terriccio, incontrando i primi saltini rocciosi composti da roccette di I° e II° grado UIAA. Con pendenza sempre sostenuta si incontrano anche alcuni salti attrezzati, la cui difficoltà, se percorsi in libera, si aggira attorno al limite superiore del III° grado UIAA,ma che sono stati attrezzati con catene per la progressione. I singoli salti, tuttavia, non sono assolutamente esposti e consentono una progressione tanto “in libera” che facendo trazione sulla catena senza eccessivi patemi d’animo. Il primo saltino,attrezzato con catena, è una placchetta appoggiata decisamente facile , cui segue un altro tratto abbastanza franoso ed alcune boccette, fino ad arrivare al secondo salto attrezzato, una rampetta appoggiata  ma decisamente non troppo appigliata che costringe ad un sano gioco di aderenza per evitare di dover salire con la sola forza delle braccia. A questo secondo salto fa seguito un tratto di roccette con difficoltà massime di II° grado, piacevole e divertente  che permette di guadagnare ulteriormente quota, mentre attorno i panorami spaziano sulle guglie  che sembrano fungere da guardiani di questo stupendo canalone,mentre davanti comincia a mostrarsi,ormai al di fuori della vegetazione, la cresta del Moregallo . Dopo un altro tratto di roccette,valutabili di II° grado  con alcuni passaggetti un po’ più “pepati”,si raggiunge un terzo salto,invero ben più arduo dei precedenti . Si tratta di una sorta di caminetto lievemente strapiombante ed abbastanza povero di appoggi per i piedi (valutabile al limite inferiore del IV° grado UIAA),per risalire il quale, non volendo ricorrere alla “forza bruta” sulla catena, occorre saper lavorare di aderenza con gli scarponi. Anche in questo caso, comunque,il passaggio è breve e si continua a salire con pendenza costante lungo una bellissima e divertente rampa di II° grado  che adduce ad un altro saltino attrezzato, anche in questo caso abbastanza povero di appigli ma superabile tanto in libera (III+ circa) che con una breve “trazione” sulla catena . Poco dopo,sulla destra, incontriamo un altro passaggio attrezzato con catena, una sorta di piastrino che, però, permette una salita ben meno faticosa se lo si supera facendo affidamento agli ottimi appoggi ed appigli presenti prima a destra e poi a sinistra della catena che, peraltro,può sempre essere usata per risolvere il passaggio . Siamo nel tratto più incassato del Canalone  ed ormai si vede vicina la cresta sommatale, ma, per raggiungere i prati che adducono alla Cresta Ovest, dobbiamo ancora superare due salti attrezzati, comunque più semplici di quelli precedenti (siamo nell’ordine del III° grado UIAA). Il primo salto è una sorta di rampetta con ottimi appoggi per gli scarponi ,mentre il secondo, breve salto, è un muretto breve che presenta ottimi buchetti da usare tanto per le mani che per i piedi . Dopo questi ultimi passaggi il canalone termina sui ripidissimi prati sommitali della Cresta Ovest del Moregallo . A destra, subito dopo l’uscita, notiamo una prima traccia orizzontale: è quella che si collega alla nota via alpinistica della Cresta GG OSA sotto il penultimo salto della stessa. Bisogna,invece,salire ancora per una cinquantina di metri su erba ripidissima , fino ad incontrare alcune tracce che permettono di puntare verso il pilastro a destra della forcellina ben visibile dal basso. Un paio di metri sotto le rocce incontriamo un sentiero che taglia a mezza costa i ripidi prati: è il sentiero di Tavoulera,variante al sentiero della Cresta Ovest del Moregallo, che permette di scendere verso sinistra (ovest) alla Bocchetta di Moregge senza dover affrontare la cresta attrezzata. Seguendolo verso destra, dopo pochi metri, raggiungiamo la parte finale del sentiero attrezzato della Cresta Ovest,che in pochi minuti, assistito da catene, ci deposita sulla panoramica e alberata cima del Moregallo , abbellita da una  e da una Croce  e dove si può sostare a gustare un panorama vastissimo e che dà all’escursionista la stessa sensazione di una grande salita dolomitica.

DISCESA

Per la discesa la scelta è ampia. In ogni caso si dovrà calcolare una tempistica che va dall’ora e mezzo alle due ore per tornare all’automobile.
1- sentiero attrezzato della Cresta Ovest: segue fedelmente, attrezzato nei punti più esposti e pericolosi, la cresta che, in una mezz’ora, porta alla Bocchetta di Moregge,da dove, in poco tempo tempo, si scende in direzione Sud alla fonte di Sambrosera e poi all’automobile;
2- in alternativa, disceso il primo salto di rocce della Cresta Ovest (chiamato localmente “Il Gioch”), si può seguire il Sentée di Tavoulera che corre parallelo alla Cresta e non presenta alcuna difficoltà fino alla Bocchetta di Moregge;
3- scendendo in direzione Est, dopo una decina di minuti si arriva alla Bocchetta di Sambrosera, da dove un sentiero ripido, ma ben segnato, porta alla sorgente di Sambrosera passando vicino all’attacco della Cresta GG OSA e vicino ad una serie di torrioni e pinnacoli che fanno pensare alla sorella maggiore Grignetta;
4- continuando a scendere il direzione Est,dopo la Bocchetta di Sambrosera,scendere ulteriormente alla Bocchetta di Preguda, dove inizia il Sentiero Paolo ed Eliana che, ripidamente ma con viste magnifiche, porta in linea diretta, passando per la Forcellina, alla Cappelletta della Vars ed a Valmadrera;
5- continuando a scendere in direzione Est,dopo aver passato la Bocchetta di Preguda,scendere ancora fino al Sasso di Preguda ed alla Cappelletta di S. Isidoro, vero balcone sul Lago di Lecco, famosa per essere stata il punto di ispirazione dell’Abate Stoppani. Da qui prendere il panoramicissimo sentiero Elvezio che, attrezzato in due punti, taglia a mezza costa il versante Est del Moregallo e porta alla Forcellina, da dove si può scendere a Valmadrera lungo la parte finale del sentiero Paolo ed Eliana oppure proseguire fino a Sambrosera e da lì tornare al centro per il sentiero percorso all’andata.

CONSIDERAZIONI

Il Canalone Belasa andrebbe considerato come un percorso alpinistico attrezzato: per quanto i tratti attrezzati siano pochi,sono assolutamente necessari piede fermo,capacità di muoversi su terreno ripido e franoso con ghiaino, ciotoli, massi ed erba e,soprattutto, la tranquillità nel superare in libera passi fino al II° grado UIAA in roccia. A favore possiamo far notare che l’esposizione non è mai eccessiva se non nel superamento del pendio erboso sommitale. Decisamente da sconsigliare ai neofiti, così come da non consigliare a chi intende percorrere un itinerario continuamente assistito dal cordone ombelicale delle attrezzature. Per chi, invece, prova piacere a percorrere itinerari che presentano un’ampia gamma di “situazioni” alpinistiche, il Canalone Belasa risulterà senz’altro un vero godimento.

Commenti   

+1 #13 Massimiliano 2019-05-10 08:52
Percorso il 30/04/2019. Questo itinerario è un sentiero attrezzato con pochi tratti attrezzati con catena (esattamente dove serve) dove chi ha esperienza può passare anche in libera. Percorso diciamo "per amatori" del genere perché si tratta di risalire un canale quasi verticale fatto di roccette e tanta vegetazione. Io l'ho trovato ottimamente segnalato e poi, con le rocce a picco tutto attorno, perdersi direi che è impossibile. Da evitare sicuramente dopo delle forti piogge perché diventa sicuramente una scivolo in cui farsi tanto male. Nel complesso è una divertente alternativa per raggiungere la cima del Moregallo. L'itinerario richiede un buon allenamento.
Citazione
+1 #12 Matteo 2017-07-28 20:09
Percorsa il 07/2017 Percorso caruccio. Per chi non ha tantissima dimestichezza con roccette non ha la necessaria sicurezza nella progressione in libera, le catene risultano sempre un pò corte, manca sempre un metro per uscire in sicurezza sui sempre brevi passaggini attrezzati. Nel complesso bel percorso: L'uscita sui prati (davvero infidi se bagnati) non è poi cosi intuitiva come percorso, ma alla fine ci si orienta sempre.
Citazione
-3 #11 Stefano Della Noce 2016-05-15 14:52
Percorso il 15/05/2016.
Canalone sporco e invaso dalla vegetazione in quanto,come mi è stato detto da un locale trovato in cima al Moregallo, non lo fa nessuno inoltre poco prima dei passaggi definiti "pepati" dalla relazione, sono stato mancato per un pelo da un masso grosso quanto una piccola automobile. attenzione! C .
Citazione
-4 #10 Michele Rizzi 2015-01-23 00:00
Percorsa il 06/04/2013. Canalone coperto dalla neve ci muoviamo sui lati e facciamo qualche catena. Veramente tranquillo.
Citazione
0 #9 Elena Locatelli 2015-01-23 00:00
Percorsa il 24/11/2012. Bellissimo percorso, molto divertente con passaggi "pepati" anche senza catena. Sempre ripido fino alla fine, molto panoramico a picco sul lago. Adatto a chi ha un po' di dimestichezza con l'arrampicata in libera.
Citazione
0 #8 Lele C. 2015-01-23 00:00
Percorsa il 05/2012 Un buon allenamento sia per le gambe che per apprendere la tecnica di arrampicata.La partenza a quota 280m e l'esposizione a sud limitano la percorrenza di questa zone alle stagioni meno calde. Il Canalone è divertente e con ottima roccia che presenta clessidre e grossi appigli per mani e piedi.Se fatto il libera il grado raggiunge al massimo il III ma bisogna comunque prestare la massima attenzione se si sale senza alcuna assicurazione, pena 3/4 metri di caduta molto dolorosi...Usciti dal Canalone prestare attenzione al pratone in quanto molto scivoloso e ripido.Lo spettacolo del lago di Lecco visto dal mini-passo presente sotto la cima è fenomenale.La cima del Moregallo è spettacolare: pratone verde, caprette, alberi da riposino e vista a 360°.
Citazione
+1 #7 Stefano Mosca 2015-01-23 00:00
Eseguita il 27/04/2012 Bellissimo canalone che porta con il suo considerevole sviluppo a raggiungere in maniera diretta la vetta del Moregallo. Iteressanti alcuni passaggi, soprattutto verso la sua parte terminale, le catene sono presenti solo nei punti un pò più impegnativi (ed in un passaggio è presente anche un appoggio per i piedi), mentre la quasi totalità del percorso viene svolto in libera su passaggi di II/III°. Attenzione ai prati sommitali, davvero molto ripidi!! Nel complesso è un escursione che può dare soddisfazione a chi ama provare ad arrampicare senza la costante presenza della catena...con il cielo terso la vista è appagante.
Citazione
0 #6 Maurizio Lofiego 2015-01-23 00:00
Bella escursione, per affrontarla bisogna però obbligatoriamente saper arrampicare almeno il II° grado, attenzione al prato sommitale molto ripido,se bagnato può essere molto pericoloso!.Panorami incantevoli dalla cima del Moregallo!.
Citazione
0 #5 Lorenzo Tarenghi 2015-01-23 00:00
Bellissimo itinerario.Il cartello per escursionisti esperti gli stà un pò stretto.L'ho rifatto la settimana dopo esserci salito la prima volta.
Citazione
+1 #4 Franco Costa 2015-01-23 00:00
Tracciato da considerarsi come sentiero attrezzato,non facile,non adatto ad escursionisti inesperti,alcuni salti su roccia,pur se attrezzati di catena, possono creare notevoli difficoltà. Ha inizio al bivio della Sorgente di Sanbrosera che arrivando dal sentiero n.7 proveniente del Belvedere di Valmadrera lo si trova di fronte (cartello segnaletico).Se scelto per arrivare in vetta al Moregallo, ricordarsi che alla finesul prato,è facile perdere le tracce, comunque termina sul sentiero proveniente dai Corni di Canzo (Bocchetta di Moregge) e che proseguendo (a destra) prima della vetta si incontrano altri tratti attrezzati da non sottovalutare. Per ultimo,non dimenticare che dal Belvedere alla vetta del Moregallo 1276mt ci sono oltre 950mt di dislivello che sicuramente richiedono un discreto allenamento fisico.
Citazione

Aggiungi commento