Cerca

Caratteristiche

  • Sentiero per escursionisti esperti con un breve tratto attrezzato molto facile.
  • 2.30-3.00h
  • salita:
    600mt
  • Esercizi di:
    - Rancio 
    - Laorca – Lecco
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 1
Esposizione 1.5
Varietà passaggi 1
Impegno fisico 1.5
Interesse paesaggistico 3
Numero votazioni 19
VALUTAZIONE FERRATA LEGGI I COMMENTI PHOTOGALLERY Relazione GOOGLE.MAPS

Sentiero Attrezzato del MEDALE

PUNTA ALMANA

segnalato da LUCA CALVI - Maggio 2009

Il Corno di Medale (1028mt)   si erge a bastione protettivo della città di Lecco e rappresenta nella storia dell'alpinismo il trait-d'union tra l'alpinismo classico e quello moderno. Una montagna certamente “bassa”,ma che presenta interesse per alpinisti classici,amanti delle vie d'arrampicata sportiva moderna,nonché per escursionisti amanti delle ferrate o dei semplici sentieri. Noto agli escursionisti per la bellissima ed “ambita” Via Ferrata degli Alpini,il Medale offre un secondo sentiero attrezzato,spesso chiamato Sentiero di Rientro o Sentiero Attrezzato del Medale,decisamente più facile della via ferrata degli Alpini,ma non privo di interesse e assolutamente non banale per l'escursionista medio.

PERCORSO STRADALE

Da Lecco,seguire la vecchia strada per la Valsassina e, raggiunto il rione di Rancio,voltare a sinistra per via Quarto e parcheggiare l'auto in prossimità del Cimitero. Da un ampio slargo nella strada, poco prima del cimitero,si notano segnavia e tabelle che riportano percorsi e tempi di percorrenza per il rifugio Piazza e per la ferrata del Medale.Si segue la strada asfaltata fino a dove gira a destra seguendola in salita verso il fianco destro (faccia alla parete) del Medale,fino all'ex rifugio Medale -550mt-,dove tabelle e segnavia indicano chiaramente per il Corno di Medale.Fin qui calcolare una ventina di minuti. Una seconda possibilità è andare a parcheggiare a Laorca, seguendo la strada che sale verso Ballabio e poi prendendo a sinistra via Paolo VI fino ad uno slargo ove è possibile trovar parcheggio.

AVVICINAMENTO

Abbondanti segnalazioni indicano di seguire la strada di servizio delle reti paramassi che in un quarto d'ora portano all'ex rifugio Medale.Dall'ex rifugio si seguono gli abbondanti segnavia che portano in una sorta di canalone tra il Corno di Medale ed il Pizzo Boga.Questo canalone diventa ben presto molto ripido e pietroso,ma,se da un lato presenta la necessità di passo sicuro e fermo,dall'altro ha il pregio di guadagnare rapidamente quota.

PERCORSO ATTREZZATO

Dopo una tratto più ripido,sempre comunque all'ombra della vegetazione, il sentiero arriva ad un tratto più esposto,dove si incontrano una cengia ,prima terrosa  e poi erbosa  che adduce ad una sorta di canalino ,attrezzati con catena.I passaggi sono elementari e in salita non si sente assolutamente la necessità di usare le attrezzature,che evidentemente sono state poste soprattutto per agevolare la discesa di escursionisti ed alpinisti che scendono dalla cima.Risultano,invece,utili,in caso di fondo umido o bagnato. Dopo il termine del tratto attrezzato,il sentiero continua a salire molto ripidamente,arrivando ad un bivio sulla cresta: a destra si andrebbe verso il Coltignone o verso la cresta di collegamente con il San Martino, mentre,tenendo la sinistra, con pochissimi minuti di facilissime roccette,in leggera discesa, si arriva sulla cima del Corno di Medale ed alla panoramicissima croce .Dalla partenza, calcolare 1.15-1.30h.

DISCESA

Oltre a tornare per il sentiero seguito in salita,è anche possibile scendere di alcuni metri dalla croce del Medale,seguendo le catene della via ferrata,fino a prendere un sentierino che, staccandosi sulla destra, traversa,abbassandosi,le pareti del San Martino,passando oltre alcune vallette,fino a congiungersi col sentiero che scende dal rifugio Piazza poco sotto la Cappelletta e da qui tornare a Rancio o Laorca. Calcolare circa 1.15-1.30.Un'ulteriore e più interessante possibilità è offerta dal sentiero di cresta che congiunge la Corna di Medale al San Martino. Tornati sui propri passi fino al crocevia incontrato in salita poco sotto la cima del Medale, seguire la crestina,ben segnata, salendo direttamente un cimotto con alcune roccette e scendendo alla successiva selletta,dove,ad un bivio,si terrà la sinistra. Il sentiero,tenendosi in quota, porterà abbastanza velocemente,per cresta e poi con qualche tratto esposto ma facile,a raggiungere il Crocione del San Martino,da dove sarà possibile scendere o direttamente,per il Sentiero Silvia,o per il sentiero normale che porta a poca distanza dal rifugio Piazza, da dove sarà poi possibile rientrare a Rancio o Laorca lungo il sentiero turistico. Per questa variante, che consigliamo vivamente, calcolare un paio di orette.

CONSIDERAZIONI

Il Sentiero Attrezzato del Medale,più che una via ferrata, è un sentiero per escursionisti esperti parzialmente attrezzato che permette di salire in linea diretta alla Corna di Medale ed è generalmente usato come via di discesa da parte degli alpinisti che salgono le vie della Corna o da parte degli escursionisti che salgono per la Ferrata degli Alpini.Sebbene non presenti difficoltà tecniche degne di tale nome,è un sentiero ripido e in alcuni punti esposto che può diventare pericoloso in caso di pioggia o di fondo bagnato. Il sentiero,piuttosto ripido in vari tratti, si presta benissimo a fare da banco di prova per chi voglia avvicinarsi al mondo dei sentieri per Escursionisti Esperti e,successivamente,ai sentieri attrezzati ed alle vie ferrate.

Commenti   

0 #2 Luca Perego 2015-01-23 00:00
Fatto in discesa,di ritorno dalla ferrata del Medale.Sentiero molto facile,anche la parte attrezzata, ma ripido e abbastanza scivoloso,sia per l'umidità del terreno che per la presenza di foglie e radici sul tracciato.Prestare attenzione. Comunque si tratta di un normalissimo sentiero con un pezzo (corto) attrezzato.
Citazione
0 #1 Donato Mancarella 2015-01-23 00:00
Ripido sentiero con un corto tratto attrezzato.Attenzione in presenza di terreno bagnato o,peggio ancora,ghiacciato.
Citazione

Aggiungi commento