Cerca

Caratteristiche

  • Sentiero per escursionisti esperti con due brevi tratti attrezzati facili.
  • 5.30-6.00h
  • 1100mt complessivi.
  • Esercizi di:
    - Lecco
    - Piani dei Resinelli
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche \
Esposizione \
Varietà passaggi \
Impegno fisico \
Interesse paesaggistico \
Numero votazioni \
VALUTAZIONE FERRATA PHOTOGALLERY Relazione GOOGLE.MAPS

Sentiero Attrezzato GER

MONTE COLTIGLIONE

segnalata da LUCA CALVI - 2009

Il Monte Coltignone - 1479mt, assieme al Medale ed al San Martino si erge a bastione protettivo della città di Lecco e costituisce una sorta di basamento meridionale del gruppo delle Grigne. Se il versante che dà sui Piani dei Resinelli è estremamente dolce ed è frequentatissimo per il sentiero del Parco Valentino (oasi naturale di rara bellezza), il versante meridionale offre un itinerario di salita dal sapore decisamente più aspro e forte, tale da soddisfare il palato raffinato degli escursionisti che amano salire su pendenze accentuate e su sentieri non particolarmente battuti ove incontrare un camoscio è più facile che incontrare altri escursionisti. Tale sentiero ha preso il nome di Sentiero GER, ovvero “Gruppo Escursionisti Rancesi” e segue una linea molto bella prima traversando dalla cima del Medale fin sotto le pareti del Dente del Coltignone per andare a prendere il canalone che, dopo un tratto attrezzato non lungo, deposita direttamente sui ripidissimi prati sommitali al cospetto di un belvedere tale da lasciare senza fiato.

PERCORSO STRADALE

Il sentiero attrezzato GER al Coltignone prende avvio dalla selletta posta immediatamente sotto (o dietro, a seconda dei punti di vista) la cima del Medale che può essere raggiunta in vari modi:
1- da Lecco,seguire la vecchia strada per la Valsassina e, raggiunto il rione di Laorca,voltare a sinistra per via Paolo VI e parcheggiare l'auto in prossimità di un piccolo slargo ove è possibile parcheggiare. Qui segnavia e tabelle riportano percorsi e tempi di percorrenza per il Monte Medale ed il Coltignone. Seguendo il sentiero attrezzato del Medale, in circa 1.15-1.30h si raggiunge la selletta immediatamente al di sotto della cima del Medale, da dove si diparte, tenendo la destra, la crestina che dà inizio al sentiero attrezzato GER al Coltignone;
2- da Lecco raggiungere il rione di Rancio e seguire il sentiero per il rifugio Piazza,salendo poi al crocione del San Martino o per sentiero normale o lungo il Sentiero Silvia. Seguendo la cresta verso destra, in direzione del Medale, si arriverà quasi in piano alla selletta di cui all'itinerario 1. Calcolare circa 2.00h;
3- sicuramente più appagante, ma anche ben più faticoso, è raggiungere il Medale per la via ferrata degli Alpini al Medale e scendere alla selletta di cui sopra. Da Rancio calcolare circa 2.30h.

PERCORSO ATTREZZATO

Dalla selletta, proseguire in direzione della possente mole del Coltignone , seguendo una crestina che, in salita, porta a scavalcare un primo cimotto  con qualche breve passo su roccette,per poi discendere ad una seconda selletta dove incontriamo il sentiero che giunge dal San Martino. Da qui, tenendo la destra, in un ambiente sempre più avvincente, inizia un lungo traverso sotto il Dente del Coltignone, con qualche piccola risalita ma restando sostanzialmente quasi in piano. Dopo aver attraversato una prima vallecola un po' esposta, attrezzata con qualche metro di cavo  e catena , il sentiero prende a traversare in salita fino ad infilarsi nel ripido canalone che scende direttamente dalla cima del Coltignone. Il canalone, di rara bellezza,in uno stupendo e solitario scenario dolomitico pur a due passi dalla città di Lecco e dal caos dei Piani dei Resinelli, riserva all'escursionista una risalita abbastanza lunga di un pendio sempre più ripido, in direzione di una strozzatura che forma una evidente caverna visibile già dalla prima parte del canalone . Raggiunta, non senza fatica, tale caverna , ha inizio il percorso attrezzato vero e proprio che, pur non presentando difficoltà tecniche rilevanti, risulta abbastanza faticoso e richiede piede sicuro e fermo. A parte una paretina di pochi metri (mediamente difficile) che sale da sinistra a destra , anche il percorso attrezzato si svolge, come il resto del canalone, su un terreno pietroso e franoso,che costringe le gambe ad un esercizio supplementare di fatica per l'equilibrio e la carenza di punti non franosi ove poter tirare il fiato . Fortunatamente, dopo aver risalito una specie di cengia  e poi un canalino , un'ultimo canalino  ed un'ultima crestina attrezzata depositano l'escursionista sui ripidissimi prati sommitali , tramite i quali,in pochi ma sofferti minuti, si raggiunge la panoramica e boscosa cima del Coltignone, dove i panorami ripagano abbondantemente delle fatiche sostenute (calcolare circa 1.30-2.00h dalla selletta retrostante il Medale fino alla cima).

DISCESA

Per la discesa si segue il sentiero turistico che,quasi in piano,passando per la vicina Cima Calolden,porta in una ventina di minuti all'obbrobrio ambientale rappresentato dal grattacielo dei Piani dei Resinelli,da dove,una volta raggiunto il rifugio SEL; si prende il sentiero della Val Calolden che, in meno di due ore di stupendo sentiero nel bosco che costeggia un torrente,ci riporta al rione di Laorca ed all'automobile (in totale calcolare dalla cima del Coltignone circa 2.30h). Un'ulteriore possibilità di discesa è rappresentata dal sentiero della Val Verde “Riccardo Spreafico”: dalla cima del Coltignone,seguendo i seganvia ed il sentiero turistico del Belvedere, invece di proseguire per la Cima Calolden, prendere a sinistra per il Forcellino. Da qui, seguendo la segnalazione (non sempre chiara), scendere nella Val Verde per un sentiero ripido e rirara bellezza,con qualche tratto attrezzato, fino ad un bivio che permette (con qualche faticoso saliscendi) di tornare al rifugio Piazza da dove si può tornare a Rancio di Lecco o a Laorca. Per questa opzione calcolare almeno 3 ore.

CONSIDERAZIONI

Il Sentiero Attrezzato GER al Coltignone,più che una via ferrata,è un sentiero per escursionisti esperti con qualche tratto attrezzato che permette, magari unito al Sentiero del Medale o alla ben più difficile ferrata degli Alpini al Medale,di salire in linea diretta al Monte Coltignone ed al suo ben noto Belvedere. Si presta benissimo a molteplici concatenamenti di sentieri, con percorsi più o meno lunghi, di difficoltà tecniche modeste (a parte l'opzione per la Ferrata degli Alpini, ovviamente), ma di sicura soddisfazione per l'escursionista amante dei grandi panorami e dei luoghi non troppo frequentati. A dispetto della facilità “tecnica” dell'itinerario, tuttavia, dobbiamo far notare che non si tratta di un percorso adatto a principianti, in quanto lungo, faticoso, con alcuni tratti anche esposti privi di assicurazione e, soprattutto, con un fondo franoso tale da richiedere un passo assolutamente sicuro ed un buon allenamento. Particolare attenzione va rivolta, da ultimo, ai non pochi fittoni, resti della “sistemazione” a gradini di parte del sentiero,pronti a far inciampare o, peggio, ad infilzare chi, inavvertitamente, scivolasse sul sentiero stesso. Per quanto riguarda,invece,il punto di vista panoramico e paesaggistico, il sentiero GER è semplicemente una piccola favola.

Commenti   

0 #3 Luigi Nava 2015-01-23 00:00
Percorsa il 04/10/2014 bella non difficile, panoramica.
Citazione
0 #2 Luca Perego 2015-01-23 00:00
25/03/2012 Bel sentiero, facile ma piuttosto faticoso nei tratti ripidi. Il tratto attrezzato è molto facile con solo i primi tre metri che presentano maggiori difficoltà, ma sempre assolutamente elementari. Il caldo si fa sentire. Da evitare i mesi e i giorni più caldi.
Citazione
0 #1 Francesco Scandelli 2015-01-23 00:00
01/11/2011 Sentiero piuttosto faticoso e per gran parte incassato nel canalone che scende direttamente dalla cima. Molto interessante dal punto di vista paesaggistico l'uscita dal canale sui prati sommitali. I tratti attrezzati sono pochi, di questi a mio avviso è utile solo il primo che si incontra in corrispondenza della grotta. Attenzione agli spuntoni metallici posti in corrispondenza di alcuni gradini in salita.
Citazione

Aggiungi commento