Cerca

Caratteristiche

  • Moderatamente difficile.
  • - 2.00h complessivamente
    - 40' la sola via ferrata.
  • - 150mt ca.
    - 100mt la sola ferrata
  • - rifugio "della Pietra"
    - ristorante Foresteria
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 2.7
Esposizione 3.2
Varietà passaggi 2.3
Impegno fisico 2.2
Interesse paesaggistico 3.2
Numero votazioni 29
VALUTAZIONE FERRATAPHOTOGALLERY Relazione GOOGLE.MAPS

Via Ferrata degli ALPINI

PIETRA di BISMANTOVA

BY - VIEFERRATE.it - ottobre 2014

La Pietra di Bismantova è una singolare formazione di arenaria che si presenta come uno stretto altopiano dalle pareti scoscese, che si erge isolato tra le montagne Appenniniche.

PERCORSO STRADALE

La località di riferimento è Castelnovo né Monti, facilmente raggiungibile percorrendo la SS63 che da Reggio Emilia porta al Passo del Cerreto (varie indicazioni lungo il percorso). Dal centro del paese si imbocca la SP108 e, poco dopo il cimitero, si prosegue lungo la SP 26 che conduce all'ampio ed organizzato parcheggio -Piazzale Dante 880mt- dove si lascia l'auto.

AVVICINAMENTO

Si risale la lunga scalinata in cemento e dopo alcuni metri lungo la stradina che conduce all'Eremo di San Benedetto si trova, a destra, l'indicazione per la Via ferrata con segnavia CAI 699 . Dopo circa 10' di cammino sotto la maestosa parete, a tratti strapiombante dove iniziano alcune vie di arrampicata, attraversando alcuni esposti terrazzini erbosi si raggiunge il primo breve tratto attrezzato dove però non è ancora presente la targa ufficiale della Via .

LA FERRATA

Si sale inizialmente in diagonale sfruttando una roccia particolarmente appigliata fino ad un soprastante terrazzino panoramico dove un breve sentiero attrezzato aggira uno spigolo raggiungendo un tratto di discesa. I primi metri della discesa sono attrezzati e piuttosto verticali anche se la roccia molto gradinata ed alcune utili staffe metalliche ne agevolano il passaggio che risulta così essere divertente , poi si prosegue la discesa attraverso un comodo sentiero fino ad un nuovo tratto attrezzato che, aggirando uno spallone roccioso, conduce all'ingresso di una piccola "grotta" nella quale ci si deve calare per uscirne poi qualche metro al di sotto. La calata consiste in una paretina di 2-3mt poco appigliata e verticale non particolarmente impegnativa ma che richiede comunque attenzione e come già specificato se ne esce lungo un sentiero detritico sottostante che, successivamente senza attrezzature, prosegue per circa 10' nel bosco , stando attenti a tralasciare alcune tracce di sentiero che si inerpicano sulla sinistra, giungendo all'attacco della seconda parte della Via e dove si trova anche la targa identificativa della ferrata . I primi 6-7mt di roccia NON sono attrezzati quindi si sale in verticale senza attrezzature di protezione pur con difficoltà contenute visti gli ottimi appigli naturali presenti e si raggiunge la base di un primo breve diedro molto ben attrezzato con maniglie metalliche infisse nella roccia fino ad un primo piccolo punto di sosta dal quale si può vedere lo sviluppo del secondo lungo diedro da superare . Si "attacca" il diedro portandosi lentamente sulla parete sinistra di esso in quanto lì si sviluppando le attrezzature e lo si risale sfruttando, per i piedi le varie staffe/maniglie presenti, mentre come appigli la roccia offre varie divertenti possibilità arrivando così ad un secondo e stavolta più comodo punto di sosta rappresentato da una cengia erbosa . Un traverso privo di difficoltà porta ad un piano inclinato attrezzato con cavo scorrimano che termina presso una nicchia rocciosa dove è presente il "libro di Via" e dove la Via prosegue superando un breve "salto" roccioso attrezzato. Si è alla base di un lungo diedro racchiuso tra pareti particolarmente verticali ma nello stesso tempo piuttosto gradinate così da rendere ancora una volta la progressione sicura e divertente comunque sempre assistiti da una consistente quantità di maniglie metalliche ; rapidamente si guadagna un brevissimo traverso , si risale parzialmente uno spigolo in notevole esposizione e si supera una cengia inclinata che termina con alcuni facili gradoni attrezzati . Si è ormai in dirittura d'arrivo in quanto si tratta ormai di risalire l'ultimo breve diedro attrezzato anche con alcune grandi "graffe" metalliche e superare, in forte esposizione, uno strapiombetto che permette di raggiungere, in diagonale, la scaletta metallica terminale mentre, alla destra, lo sguardo viene attratto dal tagliente profilo roccioso della Pietra che contrasta con la sottostante fascia pedecollinare Appenninica . Ormai si tratta solo di percorrere i pochi pioli metallici ed uscire sul terrazzino sommitale - 1.15h ca. dal piazzale - 1041mt.

DISCESA

Per il ritorno si consiglia di seguire il sentiero che attraversa boschi e prati sulla sommità della Pietra . Questo permette di ammirare i panorami che si aprono dai punti di arrivo delle numerose vie lunghe di arrampicata. Il sentiero scende poi dalla parte opposta rispetto alla via appena percorsa e, costeggiando le pareti in senso antiorario, porta in breve al rifugio "della Pietra" vicino all'eremo (circa 30' dall'arrivo della ferrata). E' tuttavia anche possibile, invece di percorrere il sentiero che scende a destra nel bosco, "tagliare" i prati sommitali della Pietra e scendere per una variante più impervia in quanto presenti alcune, comunque facili, roccette (ritorno dalle vie di arrampicata) ed incrociare poco più a valle il sentiero ufficiale abbreviando così il ritorno di 10'.

CONSIDERAZIONI

Data la bassa altitudine, è percorribile preferibilmente in primavera od in autunno anche inoltrato. La Via ferrata, abbondantemente attrezzata nonostante l'ottima qualità della roccia, risulta avere però un cavo di diametro piuttosto ridotto.

Commenti   

+4 #48 Luca C. 2018-06-27 09:30
Percorsa il 24/06/2018 in una giornata bellissima ma particolarmente calda. Hanno sistemato i due chiodi allentati nella prima parte ed hanno abbassato ad un paio di metri liberi il punto di attacco della seconda parte. Abbiamo trovato il cavo nuovo quasi ovunque e ben teso. Il libro di ferrata è pieno e andrebbe sostituito. Ferrata molto bella, varia nel primo tratto e verticale ed esposta nel secondo, non è mai banale e assicura scorci veramente notevoli. Ottima ed utile la relazione.
Citazione
+2 #47 Alfonso Gallo 2017-09-09 14:11
Percorsa il 09/09/2017 per la seconda volta. Ferrata divertente, abbastanza corta e ben attrezzata, divisa in due parti: la prima caratterizzata da un continuo saliscendi, e la seconda che, in costante verticalità ed esposizione (mai eccessiva comunque) conduce verso il pianoro sommitale. Da evitare dopo qualche giorno di pioggia per l'accumulo di terriccio sotto le scarpe che fà perdere un pò aderenza sugli appoggi. Non la consiglierei ad un neofita come prima ferrata, ma con un minimo di allenamento fisico (e niente vertigini) e magari un accompagnatore esperto, si può fare lo stesso. ATTENZIONE: trovati 2 chiodi un pò allentati nella prima parte subito dopo il terrazzino panoramico che aggira poi uno spigolo (poco prima del primo tratto di discesa). Prestare attenzione!
Citazione
+2 #46 Paolo Marchesi 2017-08-23 16:55
Percorsa il 08/2017 Ferrata bellissima sopratutto per il panorama. Non adatta a chi teme di vertigini o a chi ha dolori alle articolazioni. Se batte il sole il filo effettivamente si scalda. Però è abbastanza fattibile: io ho 54 anni, condizioni fisiche nella media e ho fatto qualche arrampicata in gioventù. Sono riuscito senza particolari difficoltà. Ne vale la
Pena.
Citazione
+2 #45 Lorenzo 2017-07-08 19:57
Percorsa il 07/2017 Bellissima ferrata e ringrazio tutti voi per le descrizioni fatte.
Ferrata non banale per la forte esposizione e verticalità specie nell'ultimo tratto.
Il punto da stare più attenti è la discesa della piccola grotta. Per il resto consiglio di andarci, se di Estate, la mattina presto oppure dopo le 16 perchè è molto esposta al sole e il cavo della ferrata diventa in poco tempo rovente e poi perchè non si rischia di trovare persone sul percorso .
Bellissimo percorso e vedute eccezionali. Da circa 2 mesi hanno pure inaugurato la nuova ferrata Ovest che è decisamente più semplice e adatta ai più piccoli anche se, la ferrata degli Alpini, l'ho percorsa con mio figlio che ha 11 anni.
Citazione
0 #44 Fabio N. 2016-06-05 07:54
Percorsa il 04/06/2016. Tutto il comprensorio della Pietra è percorribile ad eccezione della zona dell'eremo, chiusa per lavori dopo la frana dello scorso anno. Ferrata non banale in costante verticalità dalla targa fino al termine. Il tratto iniziale è stato protetto con una corda fissa. La difficoltà maggiore è l'accumulo di terriccio sotto agli scarponi che fa perdere aderenza sugli appoggi.
Citazione
+1 #43 Carlo Andrea 2016-04-11 07:07
Percorsa il 04/2016 nonostante la chiusura per lavori di alcune aree della Pietra, la ferrata è aperta e l'attrezzatura è a posto. Molto bella anche se obbliga un po' all'utilizzo del cavo e degli appoggi artificiali in alcuni punti.
Citazione
+6 #42 Andrea A. 2015-06-25 17:12
Percorsa il 06/2015
Bella ferrata che richiede poco avvicinamento. A mio avviso da non sottovalutare la discesa nella grotta, del tutto priva di appigli. Non banale nemmeno la discesina attrezzata poco prima della suddetta grotta. Da segnalare infine quei 5 o 6 metri di salita incomprensibilmente privi di cavo.
Citazione
+3 #41 Umberto ferrari 2015-05-17 20:07
Percorsa il 17/5/15 Attenzione oggi ho percorso la ferrata, e ho trovato due pioli abbastanza inportanti allentati, soprattutto uno,che potrebbe sfilarsi facilmente, per il resto diciamo tutto ok. Bella la via peccato un pò corta!!.
Citazione
+4 #40 Steve Milani 2015-01-23 00:00
Percorsa il 08/2014. Ferrata non da sottovalutare e non indicata per i neofiti, se non debitamente assistiti. L'ultimo tratto, una quindicina di metri prima della scaletta di uscita, richiede assoluta assenza di vertigini: si transita su una cengetta non più larga di 50-60 cm, strapiombante per decine di metri. Suggerirei di cambiare il cavo di sicurezza (comunque ben teso) con altro di diametro leggermente superiore. Concordo sul grado di difficoltà globale: moderatamente difficile.
Citazione
+1 #39 Matteo Veronesi 2015-01-23 00:00
Percorsa il 27/07/2014 Bellissima ed emozionante, con alcuni tratti un pò impegnativi ma nel complesso si affronta agevolmente. L'ultimo tratto di ferrata presenta l'attacco a circa 3 metri quindi occorre raggiungerlo con molta cautela (in gruppo può servire una corda). Stupenda e da rifare!!!
Citazione

Aggiungi commento