Cerca

Caratteristiche

  • Difficile a causa di una sezione centrale priva di staffe con placca priva di appigli. Il resto difficoltà più contenute.
  • - 20' avvicinamento
    - 1.00h la Via ferrata
    - 10' il rientro all'auto
  • - avvicinamento 185mt in discesa
    - 150mt il solo tratto attrezzato
    - 260mt sviluppo ferrata
  • - abitato di Civago
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 3
Esposizione 3
Varietà passaggi 3
Impegno fisico 1.5
Interesse paesaggistico 1.5
Numero votazioni 23
VALUTAZIONE FERRATAGOOGLE.MAPS

Via Ferrata EL BARRANCO del DOLO

Costa rocciosa del DOLO

BY VIEFERRATE.it - maggio 2015

La Barranco del Dolo è una Via ferrata piuttosto recente in quanto inaugurata nel gennaio 2015 e si sviluppa lungo una sorprendente cresta rocciosa che risale dal letto del torrente Dolo fino alla sede stradale.

PERCORSO STRADALE

Da Reggio Emilia si prende la SS63 (passo del Cerreto - Spezia) fino a Felina. Da qui a destra sulla SP64 fino a Gatta. Poco dopo il ponte sul Secchia, si imbocca la SP9 per Villa Minozzo. Attraversata Villa Minozzo, si seguono le indicazioni verso la frazione Civago-Re a circa 20km. Poco prima di raggiungere l'abitato di Civago -1km- si imbocca una galleria piuttosto breve, all'uscita dalla quale dopo circa 100mt, alla sinistra, si trova una piazzola con segnaletica  che non deve trarre in inganno in quanto questo è il punto di arrivo della Via. Proseguendo invece, lungo la strada asfaltata per poche decine di metri, si trova una seconda piazzola utile, così come la prima, come parcheggio mentre l'attacco del sentiero di avvicinamento si trova subito dopo questa seconda piazzola presso una terza, stavolta piuttosto piccola, "nascosta" da uno sperone roccioso presso la quale vi è al limite posto per una sola auto.

AVVICINAMENTO

Giunti quindi a questa terza piccola piazzola lungo la sede stradale che dall'uscita della galleria porta alla frazione di Civago si nota, attualmente, alla sinistra della piazzola stessa ed una decina di metri all'interno del bosco un "timido" volantino pubblicitario  relativo all'inaugurazione che conferma trovarsi lì il sentiero di avvicinamento all'attacco della Via. Si scende nella boscaglia lungo traccia di sentiero a tratti piuttosto ripida seguendo come riferimento i vari bolli bianchi presenti nella vegetazione   e costeggiando nella parte terminale il corso del torrente  si giunge in circa 20' alla base della placconata rocciosa .

LA FERRATA

I primi metri di cavo  portano subito ad alcune staffe  dalle quali si staccano i primi metri verticali   ben assistiti anche da comodi appoggi per i piedi giungendo presso un traverso  che sfruttando una "comoda" sporgenza per i piedi  porta ad un secondo stacco verticale. Si supera una breve placca anch'essa attrezzata con staffa  e fornita di un ottimo appoggio roccioso   guadagnando così un secondo traverso  attrezzato stavolta con 2 staffe metalliche  per arrivare alla base di un terzo salto verticale . Si sfruttano stavolta alcuni vistosi gradoni    che non richiedono la presenza di staffe artificiali ed in pochi metri si abbandona temporaneamente la parete rocciosa uscendo su un pendìo erboso che funge anche come prima possibilità di sosta . Si "attacca" la seconda placconata, piuttosto levigata, e sfruttando alcune sporgenze oblique per i piedi   si guadagna la vicina cengia  dalla quale si può valutare la bella fessura che taglia la sovrastante placca  particolarmente esposta ma ottimamente attrezzata con varie staffe. Si inizia la salita, eventualmente utilizzando le staffe anche come appigli , e gradualmente senza particolari difficoltà si guadagna quota    fino ad un traverso  dal quale si può notare la notevole esposizione del tratto verticale appena superato . Continuando lungo il traverso si aggira lievemente uno spigolo  trovandosi di fronte alcuni metri verticali che vista l'assenza di staffe metalliche e nonostante alcuni comodi appoggi iniziali risultano avere caratteristiche di difficoltà discretamente superiori alla Via fin qui percorsa. Ci si porta verso la parte alta del camino    con alcune trazioni sul cavo vista la placca particolarmente levigata  e si riparte per uno "strappo"   fino alla sommità della cresta dove è possibile e consigliato riposare . La cresta assume linee sempre più "taglienti" e spettacolari. Si riparte risalendo alcuni innocui gradoni    lungo un pendìo obliquo e, costeggiando una placca  ormai in costante forte esposizione, si presenta il secondo dei 2 tratti con difficoltà più sostenute della media  seppur vistosamente più breve. Ecco che allora si parte tirando sul cavo   arrivando su un pulpito roccioso dal quale è evidente la povertà di appigli della placca appena superata . Da questo pulpito la successiva risalita verticale torna ad avere caratteristiche più simili ai tratti iniziali della Via ovvero torna la presenza di staffe artificiali quindi si riparte  con maggior tranquillità, al di là dell'eventuale stanchezza, si supera questa placca finale   raggiungendo, dopo alcune semplici roccette , nuovamente la sommità della cresta . Si tratta ora solo di percorrere il filo di cresta assicurati al cavo che funge sostanzialmente da scorrimano    fino al vicino libro delle firme alla base della caratteristica ed "affilata" Torre finale .

RITORNO

Dalla cresta, nel senso di salita, si entra a destra nella boscaglia ed in pochi minuti si sale  verso la vicina sede stradale  dove in una delle piazzole si è lasciata l'auto e dalle quali si intravede nella vegetazione parte della cresta percorsa .

CONSIDERAZIONI

Ferrata ottimamente attrezzata con la caratteristica però di avere le maggiori difficoltà nella parte centrale senza possibilità di evitarle. La cresta ha caratteristiche estetiche davvero sorprendenti ed inaspettate vista la folta vegetazione nella quale si trova. Da sottolineare però le difficoltà attuali -maggio 2015- nel trovare il sentiero di avvicinamento essendo praticamente inesistenti le indicazioni.

Commenti   

0 #21 Federico 2020-08-03 09:42
Percorsa il 03/08/2020 ATTENZIONE! le indicazione per il ritorno sono poco precise: alla fine della ferrata, proseguendo in salita si arriva ad un trivio; proseguire a sinistra seguendo l'indicazione per Civago, sentiero 690; (la frase "si entra a destra nella boscaglia" può essere fuorviante e far pensare di andare a destra invece,per Gazzano)

Percorsa in data 2/8/20, bella ferrata di media/alta difficoltà con passaggi interessanti, ottimamente attrezzata; paesaggisticamente affascinante e parecchio esposta, si risale dal letto del torrente fino ad avere l'intera veduta sulla vallata
Citazione
+2 #20 Vanni 2019-06-21 16:27
Percorsa il 15/06/2019 di primo mattino. Ferrata molto bella, impegnativa ma con i giusti stacchi tra verticalità, cenge e terrazzini per recuperare. Comunque da non sottovalutare e non adatta ai principianti. Consigliatissima. Da riprovare per migliorare la progressione in arrampicata
Citazione
0 #19 Stefano 2018-09-18 19:55
Percorsa il 06/2018. Avvicinamento in discesa nel bosco di circa 1/2h. Dopodiché si comincia la salita inizialmente facile poi man mano sempre più di
difficile. La parte centrale presenta una difficoltà sostenuta a causa della mancanza di staffe ed appigli su placca completamente liscia. Occorre buona prestanza fisica e assenza di vertigini. Da fare in giornata insieme alla ferrata del monte Penna.
Citazione
+1 #18 Daniele 2018-09-11 17:52
Percorsa il 09/09/2018 avvicinamento a mio parere molto bello,ferrata medio impegnativa e da non sottovalutare ma molto divertente. Con una giornata di sole il panorama è bellissimo.
Citazione
+2 #17 Aurica e Filippo 2018-07-15 21:24
Percorsa il 15/07/2018. E' stata la nostra sesta ferrata fatta dopo il monte Penna. Non abbiamo molta esperienza ma abbiamo una buona preparazione fisica. L'abbiamo trovata molto divertente, ed
impegnativa. Richiede conoscenza di tecniche di arrampicata in ottime condizioni staffe solo nei punti strettamente necessari. Non consigliamo come prima ferrata ne per chi soffre di vertigini e senza una buona forma fisica; molti punti di tirata di braccia ed alcuni punti molto esposti. E' indicata come -D e si fa rispettare. Attenzione ai temporali improvvisi, noi siamo stati colti di sorpresa.

Abbiamo avuto l'onore di conoscere l'ideatore e costruttore di questa ferrata e anche dell'altra monte Penna che si trova a pochi km intento a fare manutenzione. Consigliamo di farle tutte e due nello stesso giorno.
Citazione
0 #16 Brunello Bertelli 2018-06-18 14:20
Percorsa il 17/06/2015 un gioiellino. Ambiente particolare . Divertente e non lunga. Per chi avesse energie (più corda e rinvii) bella palestra di roccia all'uscita e a 5 minuti dalla macchina . complimenti agli attrezzatori
Citazione
0 #15 Paolo M. 2017-10-17 14:00
Percorsa il 09/10/2017, bella e suggestiva. La zona in bassa stagione è poco frequentata per cui meglio non essere soli. Per il resto tutto ok.
Citazione
+2 #14 Anna 2017-07-02 16:33
Percorsa il 02/07/2017 ambiente suggestivo, itinerario non da sottovalutare, anche se abbastanza breve, qualche passaggio tecnico e per chi non conoscesse la tecnica dell' arrampicata, tirare sulla fune. Ottima l'attrezzatura.
Citazione
0 #13 Stefano 2017-03-19 18:07
Percorsa il 19/03/2017. Molto carina e ben tenuta. Tutto sembra nuovo. Trovata facilmente perché in prossimità della piazzola di sosta c'è un bel cartello che la segnala. Da li parte un sentiero ben tracciato che porta all'attacco.
Citazione
+1 #12 Cristian Rotondella 2016-12-26 15:44
Percorsa in data 26/12/2016: ferrata mediamente impegnativa in un contesto paesaggistico molto suggestivo. Alcuni tratti richiedono un discreto impegno fisico e una minima conoscenza tecnica. Sconsigliata a chi è alle primissime armi.
Citazione

Aggiungi commento