Cerca

Caratteristiche

  • Difficile.
  • - 30' avvicinamento
    - 1.10h la salita
    - 1.00h il rientro a Case di Civago per il sentiero 631A.
  • - 400mt dislivello totale
    - 145mt il solo tratto attrezzato
    - 230mt sviluppo ferrata
  • - abitato di Civago
    - rifugio Ospitale San Leonardo
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche \
Esposizione \
Varietà passaggi \
Impegno fisico \
Interesse paesaggistico \
Numero votazioni \
VALUTAZIONE FERRATA GOOGLE.MAPS

Via Ferrata al MONTE PENNA

MONTE PENNA

segnalata da ROBERTO BELLETTI - 2014

Sul lato est del massiccio del Cusna, non si può fare a meno di notare una conformazione rocciosa, una “ penna ” che delimita in maniera decisa i dolci pendi, verdi e coperti di boschi, del gruppo del Cusna. Proprio su una di queste caratteristiche formazioni  rocciose di arenaria compatta, tipiche dell’Appennino emiliano, si trova la ferrata del Monte Penna, divertente ma impegnativo percorso di recentissima realizzazione (settembre 2014).

PERCORSO STRADALE

Da Reggio Emilia si prende la SS63 (passo del Cerreto - Spezia) fino a Felina. Da qui a destra sulla SP64 fino a Gatta. Poco dopo il ponte sul Secchia, si imbocca la SP9 per Villa Minozzo. Attraversata Villa Minozzo, si seguono le indicazioni verso Civago. Raggiunto il paese di Civago, occorre seguire a destra le indicazioni per Case di Civago e imboccare la strada che conduce al rifugio Ospitale San Leonardo. Dopo poche centinaia di metri la strada si fa sterrata. Si può lasciare qui l'auto (ampie possibilità di parcheggio), oppure proseguire ancora sulla strada sterrata fino a un grosso masso e un cartello con divieto di accesso (anche qui ampio parcheggio). Il sentiero di avvicinamento alla ferrata, indicato da un cartello , si stacca sulla destra alcune decine di metri prima del cartello stradale.

AVVICINAMENTO

Se raggiungere il sentiero di avvicinamento è molto comodo, altrettanto non si può dire dell'attacco della ferrata. L'avvicinamento è assai ripido e si sviluppa su instabili pietraie alternate a tratti di bosco  . Segni a vernice bianca su rami e ometti di sassi indicano la direzione da seguire. Una corda fissa aiuta a superare un tratto di sentiero disagevole nei pressi dell'attacco . Giunti al di fuori del bosco, una scomoda quanto esposta traversata sotto le pareti porta finalmente all'inizio delle attrezzature .

LA FERRATA

Ci si aggancia al cavo su un tratto steso in orizzontale , ma la ferrata mostra immediatamente la sua vera natura. Dopo pochi metri, infatti, il cavo schizza in verticale attraversando un bellissimo diedro da percorrere in spaccata . Alcune staffe aiutano la progressione nei punti più poveri di appoggi. Usciti dal diedro, un breve tratto su erba  porta sotto ad una paretina verticale con l'uscita leggermente in strapiombo. Anche qui alcune staffe aiutano a integrare gli scarsi appoggi naturali. Segue una placchetta da superare in aderenza  e successivamente un aereo spigolo . Aggirato lo spigolo, si affronta un breve camino reso un pò scomodo dalla presenza del cavo , salito il quale  si percorre un breve tratto erboso che termina alla base di una paretina. Questa inizia con un lieve strapiombo dove occorre valutare bene gli appoggi naturali . Dopo lo strapiombo la parete si appoggia e alcune staffe aiutano la progressione. Superata la parete, termina la prima "sezione" della ferrata . Un tratto su erba conduce alla seconda "sezione" che è anche quella più impegnativa . Qui, un breve e non difficile salto di roccia  porta alla base dei due punti chiave della via. Il primo è costituito da una parete verticale, con partenza decisamente strapiombante, che si supera con l'aiuto di alcune staffe . Altre staffe poste su una parete verticale portano al passaggio più bello e tecnico della via: una pancia strapiombante  da superare con delicatezza e decisione, giocando con l'equilibrio e sfruttando non solo le attrezzature artificiali ma anche alcuni appoggi naturali che non risultano evidenti a prima vista. L'uscita dal punto chiave porta a doppiare uno spigoletto esposto e quindi a una bella parete verticale  che rappresenta una delle ultime difficoltà della via. L'aderenza su esigui appoggi e alcune staffe consentono di superare questo esposto tratto . La ferrata è quasi al termine. Restano da affrontare una non difficile paretina  in obliquo, una breve ma esposta cengia  e una divertente parete appoggiata . Superata quest'ultima paretina, in breve si giunge al termine delle attrezzature e al libro di via . Quindi si prosegue su sentiero in salita all'interno del bosco seguendo i segni a vernice bianca, fino a raggiungere il bivio con i sentieri 607 e 631/A.

DISCESA

Giunti al bivio con i sentieri 607 e 631/A  è possibile ritornare al parcheggio in circa 1.00h, seguendo entrambi gli itinerari in direzione Case di Civago. Tramite il 607 si può raggiungere direttamente il parcheggio ma, come indica il cartello, è un sentiero assai ripido e scomodo da evitare dopo le giornate di pioggia. Il 631/A, invece, consente (facendo attenzione in qualche punto dove la segnatura è un pò carente) di raggiungere in modo più comodo il rifugio Ospitale San Leonardo , un luogo carico di storia che merita sicuramente una visita. Dal rifugio è possibile rientrare al parcheggio in circa 30 minuti seguendo la strada forestale (sentiero n.605).

CONSIDERAZIONI

Ferrata ottimamente attrezzata che si sviluppa lungo la "Penna di Civago" , una formazione di roccia arenaria che si trova in Val Dolo, poco sopra l'abitato di Civago (Appennino Reggiano). La ferrata è relativamente breve ma atletica e occorre non lasciarsi ingannare dal fatto di essere in Appennino o di trovarsi a una quota relativamente bassa (il parcheggio è a quota 1040mt). La via si sviluppa quasi tutta su pareti verticali e nel percorrerla ci si trova sempre in elevata esposizione. Molti passaggi, compreso il passaggio chiave (che non è all'inizio ma quasi alla fine della via), sono strapiombanti e possono creare serie difficoltà se non si è in possesso di una adeguata tecnica di arrampicata o se ci si è già "bruciati" le braccia nelle parti precedenti del percorso. Il breve tratto su erba che separa le due "sezioni" della ferrata aiuta a riposarsi, ed è bene approfittarne prima di affrontare la parte più impegnativa della via. Assolutamente da non sottovalutare. Periodo consigliato: primavera/autunno.

Commenti   

0 #14 Paolo M. 2020-07-18 14:59
Percorsa il 18/07/2020
Ottima Ferrata, come già detto da molti da non fare come prima ferrata. Richiede una preparazione buona ma alla portata di tutti (io ad esempio ho 57 anni). Unico neo l'arrivo al posteggio, chi non è di civago rischia di girare un po' a vuoto...le indicazioni a. Leonardo non sono molto visibili...
Citazione
0 #13 Chris 2020-06-02 16:07
Percorsa il 02/06/2020 Bella ferrata, ricca di appigli artificiali e naturali,bellissimo il passaggio chiave da non sottovalutare, rientro per sentiero tranquillo, non adatta a neofiti, complimenti al tracciatore!!!
Citazione
0 #12 Manuel 2019-10-27 18:07
Percorsa il 27/10/19. Ferrata in condizioni perfette. Avvicinamento ripido su sassoni di 30min in sentiero poco segnato, guidano delle corde appese agli alberi. Ferrata tecnicamente difficile e divertente, con pareti in negativo, ASSOLUTAMENTE NON FARE COME PRIMA FERRATA. Con pause e foto 1,10h di ferrata. Sentiero di 10min poco segnato per raggiungere il bivio, poi 40min di facile sentiero dolce nel bosco ben segnato (631) per scendere al rifugio s. leonardo, quindi al parcheggio (si incontrano 2 belle antiche cascine ormai abbandonate con muri a secco, inglobati dal sottobosco). Consigliata a chi già mastica da qualche anno di ferrata, livello D di arrampicata giusto, da non sottovalutare. L'Appennino non regala l'emozione delle vette dolomitiche, ma qualche scorcio sulla valle merita scatti fotografici.
Citazione
-3 #11 Daniele 2018-09-11 18:00
Percorsa il 09/09/2018 Avvicinamento da prendere con calma,ferrata piacevole con un passaggio a strapiombo impegnativo. Tornando alla macchina,allungando di dieci minuti si puo bere una birretta al rif.S.Leonardo.
Citazione
+3 #10 Filippo 2018-07-24 11:12
Percorsa il 07/07/2018.. Ferrata molto corta (40 minuti circa dall’attacco) ma impegnativa, con passaggio chiave nella parte finale da superare con buona tecnica e di fisico. Il resto della ferrata richiede comunque attenzione e non appare mai banale. Una nota negativa va al sentiero (se così si può chiamare) di avvicinamento: lungo, mal segnato e coni elevata pendenza. Nel complesso ferrata soddisfacente per la difficoltà ma non particolarmente bella dal punto di vista paesaggistico. Consiglio la ferrata vicina El Barranco del Dolo:
Citazione
+1 #9 Aurica e Filippo 2018-07-15 21:15
Percorsa il 15/07/2018. E' stata la nostra quinta ferrata. Non abbiamo molta esperienza ma abbiamo una buona preparazione fisica. L'abbiamo trovata molto divertente, ed equilibrata. Le staffe nei posti giusti ma senza togliere il gusto della rampicata. Non consigliamo come prima ferrata per un passaggio impegnativo e per molti punti di tirata di braccia. E' indicata come -D e si fa rispettare. La salita fino all'attacco è spassosa e piena di fragoline e lamponi.
Abbiamo avuto l'onore di conoscere l'ideatore e costruttore di questa ferrata e anche dell'altra EL BARRANCO del DOLO che si trova a pochi km intento a fare manutenzione. Consigliamo di farle tutte e due nello stesso giorno.
Citazione
-9 #8 Alessandro Rossi 2017-06-04 11:41
Percorsa il 06/2017 Ferrata molto corta ... non oltre 35/40 minuti dall'attacco all'uscita.
Un solo passaggio duro ... di fisico...poi per il resto secondo me non ne vale la pena assoluta.
Citazione
+14 #7 Roberto 2016-08-22 16:09
Percorsa il 08/2016 Relazione ben fatta...la difficoltà c'è tutta. Almeno per me che sono volato nel vuoto nel passaggio più tecnico! Meno male che il dissipatore e l'imbrago han fatto il loro dovere. Bisogna arrivarci ben riposati e non utilizzare troppo le braccia nei passaggi precedenti e sicuramente avere una tecnica migliore della mia.
Citazione
+5 #6 Max 2016-04-17 17:55
Percorsa il 17/04/2016 in giornata ventosissima. In alcuni punti il cavo serviva a non farsi portare via dal vento! Ambiente bellissimo e "tipo alta montagna" già dall'avvicinamento. Passaggi chiave impegnativi e che richiedono una buona preparazione atletica e/o conoscenza delle tecniche di arrampicata. Ferrata davvero divertente e con buona esposizione. Una volta sceso fatta anche la ferrata El Barranco del Dolo. Complimenti a chi le ha attrezzate. Merita sicuramente un altro giro in giornata più soleggiata e mite!
Citazione
-1 #5 Flavia 2016-04-11 19:29
Percorsa il 10/04/2016 Bella ferrata. Sarebbe molto impegnativa se non fosse per i numerosi appigli artificiali, bellissimo il paesaggio!
Se si e' gia a Civago consiglio di fare anche quella del Barranco del Dolo, in giornata essendo abbastanza corte si possono fare benissimo entrambe!.
Citazione

Aggiungi commento