Cerca

Caratteristiche

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 1.3
Esposizione 1.3
Varietà passaggi 2
Impegno fisico 2
Interesse paesaggistico 3.5
Numero votazioni 41
VALUTAZIONE FERRATA PHOTOGALLERY Relazione PHOTOGALLERY Esterna GOOGLE.MAPS

Sentiero Attrezzato GIOVANELLI

BURRONE di MEZZOCORONA

BY - VIEFERRATE.IT - 2014

PERCORSO STRADALE

Da Mezzocorona-Tn -219m- seguiamo per 1,5 km la strada verso ovest sino al bivio a destra (indicazioni per “Burrone”). Seguiamo, sempre in auto, la stretta praticabile che transita tra i vigneti sino al parcheggio a destra.

AVVICINAMENTO

Qui comincia il sentiero vero e proprio che sale ripidamente nel bosco. Pochi minuti di cammino e siamo a un bivio. A destra il cartello segnala “sentiero facile”, a sinistra “sentiero esposto”. Scegliamo la variante più difficile che ci porta a scendere per un breve tratto sino al ponte sul torrente. Risaliamo comodamente la costa opposta sino alla base della parete dove troviamo le prime funi metalliche.

LA FERRATA

Si segue la sottile cengia assicurata  sino a raggiungere la base di una splendida cascata  che forma qui una bella vasca di acqua cristallina. Si affronta quindi il tratto probabilmente più impegnativo della ferrata nel quale alcune scale metalliche sono state sostituite da una serie di staffe, esposte, che salgono, in ambiente piuttosto suggestivo, subito a fianco della cascata, per una trentina di metri circa. Si accede al terrazzo soprastante dove si procede su cengia in falsopiano, assicurati con fune metallica come corrimano . Poco oltre, alla destra, ci si ricongiunge con la variante più facile che quindi permetterebbe volendo, di saltare,con comodo sentiero, le verticali rampe di scale che abbiamo appena percorso. Proseguiamo aggirando uno zoccolo roccioso per cengia attrezzata (funi fisse), per poi continuare per circa 20' su sentiero normale che scavalca alcune roccette  e facili gradoni non esposti . Un profondo spacco viene scavalcato con una breve scaletta  inclinata, ancora alcuni tratti di facile sentiero neppure troppo ripido  alternato a roccette attrezzate   e la visuale che si apre sulla piana Rotaliana di Mezzolombardo   quindi raggiungiamo l'imbocco del burrone vero e proprio (430m - targa commemorativa relativa alla costruzione del sentiero). Affrontiamo una bassa galleria scavata nella roccia e aperta sulla sinistra  (attrezzata con funi metalliche fisse; attenzione alla testa: tassativo l’uso del caschetto). Le funi e una breve scaletta  ci portano in pochi istanti sul fondo dell’orrido dove ammiriamo sulla destra alcuni magnifici salti d’acqua . Guadiamo il torrente per affrontare con una serie di "graffe" metalliche  l’umida e viscida parete di fronte a noi. Subito oltre, segue a destra un breve traverso e una terza piccola scaletta che ci permettono di entrare tramite una passerella in legno  nella parte più nascosta dell’orrido che risaliremo ora in leggera pendenza,da qua si può ben vedere lo sviluppo del tratto iniziale . Seguiamo in salita il torrente fra le due strettissime pareti rocciose  che creano sopra di noi una volta. ll sole penetra in questa, che costituisce la parte più interna del burrone, soltanto per pochi minuti al giorno rischiarando questo fantastico scenario di natura selvaggia. Non vi è altra alternativa che rimontare il greto nella semioscurità guadando più volte il corso d’acqua e osservando sulla nostra testa la strettissima striscia di cielo lasciata dalle due pareti strapiombanti ai nostri lati. La progressione avviene passando da un masso alla'altro cercando di fare attenzione agli appoggi umidi e scivolosi. Infine l’angusto orrido si allarga e in breve siamo all’uscita della parte più spettacolare della gola: ricompare la vegetazione e proseguiamo lungo lo stretto valloncello scavalcando qualche salto più scomodo con brevi tratti attrezzati (funi, maniglie e pioli metallici)  . Poco più in alto non finiamo di stupirci: sulla destra una magnifica cascata alta un centinaio di metri precipita dal paretone soprastante in un unico balzo verticale. Una breve, evidente deviazione dal sentiero permette di portarsi proprio alla base della cascata. Dopo questa breve, doverosa digressione, la nostra avventura prosegue alla sinistra della cascata in questione in salita lungo una scala non particolarmente verticale  terminando di rimontare il valloncello con le ultime attrezzature della ferrata. In ultimo,una lunga scala metallica ci porta definitivamente nel bosco ed allontanandoci dal torrente che ha generato il Burrone. Tolta l’attrezzatura per ferrate procediamo in salita nel fresco della faggeta; intersechiamo una più larga carrareccia che non deve trarre in inganno:occorre procedere oltre mantenendo il sentierino nel bosco, i segnavia sono comunque chiari ed evidenti e nonostante sentiero e carrareccia siano indicati con la stessa numerazione -505- è necessario seguire sempre l'indicazione Monte (Villaggio degli Shumy). In breve siamo alla Baita dei Manzi (876m - 2.30h dalla partenza), bellissimo rifugio non gestito dove troviamo panche per ritemprarci e una fresca fonte d’acqua. Da qui,in mezz'ora circa su larga strada forestale, traversiamo nel bosco sino al piccolo abitato di Monte di Mezzocorona (891m - 3.00h dalla partenza).

DISCESA

Possiamo ora rientrare a Mezzocorona o sfruttando la veloce funivia che porta al paese in appena 5 minuti, oppure seguendo il sentiero n.504 che in un’ora circa, con numerosi tornanti, riporta in paese. Da notare, sia con la funivia che col sentiero, il magnifico panorama sulla piana Rotaliana in direzione di Trento, con bella visione della Paganella  e del Bondone. Consigliabile sicuramente sostare e ritemprarsi agli organizzati Spiazzi di Monte , sovrastati dalla bella cima di Rocca Piana , prima di iniziare la discesa. Da Mezzocorona, un paio di chilometri lungo strada asfaltata (un’ulteriore mezzora di cammino) ci riportano al parcheggio presso il quale abbiamo lasciato l’automobile.

CONSIDERAZIONI

Una ferrata davvero ricca di pregi paesaggistici. Il sentiero ideale per il neofita che vuole avvicinarsi al mondo delle vie ferrate. I tratti attrezzati sono brevi e tecnicamente senza problemi. Al tempo stesso,le rampe di scale sono assai esposte abituando i nuovi a sopportare il vuoto sotto i piedi: in quest’ottica il percorso, per quanto facile, non deve essere sottovalutato. I più esperti non potranno certo entusiasmarsi per l’aspetto tecnico, tuttavia tutti, proprio tutti non potranno che sorprendersi di fronte alla meraviglia di una oscura forra con numerosi salti d’acqua che viene sapientemente risalita da un percorso ben scelto. Un percorso quindi da consigliarsi ad ogni persona voglia percorrere un itinerario fuori dagli schemi che entusiasma e sorprende pur essendo lontano dai più celebri tracciati dolomitici. Da rilevare la quota molto bassa dell’intera escursione: questo rende la ferrata perfettamente percorribile anche nelle mezze stagioni. L’unica avvertenza è quella di evitare il percorso dopo forti piogge per la possibile piena del torrente, mentre pericolosa può essere la forra con neve e ghiaccio in pieno inverno per via del possibile vetrato su rocce e infissi. Da notare che sia tornando a valle tramite il sentiero n.505 oppure tramite la cabinovia in entrambi i casi ci si ritrova a circa 2km dall'auto. L'impianto di risalita varia gli orari delle corse a seconda che ci si trovi nei giorni festivi o feriali ed a seconda della stagione quindi meglio informarsi prima di iniziare l'escursione passando direttamente all'ufficio informazioni della stazione a valle o telefonando.

Commenti   

0 #52 Giovanni 2018-09-13 14:59
Percorsa il 09/2018 di Sabato, c`eravamo solo io e la mia fidanzata nonostante la giornata di sole, la ferrata e` semplicissima ma molto piu acquatica di quanto non sembri dalla descrizione, la maggior parte del tempo si e` sempre in mezzo a piccole o grandi cascate e la camminata nel burrone e` di fatto in mezzo a un torrente, aspettatevi di dover spesso saltare da un sasso all`altro e bagnarvi le scarpe comunque. A parte questo super divertente e spettacolare il burrone, adatta anche per una prima esperienza.
Citazione
+2 #51 Sandrone 2018-07-26 18:41
Percorsa il 07/2018nFerrata non impegnativa ma molto suggestiva per il paesaggio che attraversa. Il burrone e' spettacolare, anche la cascata altissima e' da vedere. L'ho percorsa di pomeriggio, avendo fatto la Rio Secco la mattina.
Citazione
0 #50 Sonny 2018-06-28 08:00
Percorsa il 24/06/2018 temperatura ideale, il mattino il primo tratto è quasi tutto in ombra quindi non si suda troppo.
Era la mia prima ferrata con attrezzatura, l'ho trovata piuttosto semplice, sono però una ragazza molto sportiva e non soffro di vertigini.
Caschetto indispensabile, nel salire si smuovono facilmente i sassi che possono finire sulla testa delle persone dietro.
Il burrone è qualcosa di spettacolare, la cascata è meravigliosa, assolutamente da non perdere.
Terminata la ferrata si può proseguire dalla cima del monte di Mezzocorona (noi abbiamo mangiato a Malga Kraun a circa un'ora di facile percorso tra i boschi). Per la discesa consiglio di non prendere la funivia ma fare il sentiero in discesa che è molto suggestivo e panoramico (non serve attrezzatura), abbiamo visto anche uno stambecco!
Citazione
0 #49 William 2018-06-14 13:54
Percorsa il 09/06/2018 Paesaggi meravigliosi lungo la Ferrata. AL primo bivio consiglio di fare la variante 505A sulla sinistra che porta alla cascatella e ad una scala di 20/25 metri all'attacco della ferrata.
Premesso che ho 58 anni e senza allenamento, la ferrata è molto semplice non presenta alcuna difficoltà tecnica se non la lunghezza del tratto di ritorno molto faticoso perchè molto lungo (almeno per me). Se la dovessi rifare alla fine della ferrata al bivio prenderei la strada delle Longhe sulla sinistra che mi permetterebbe di arrivare all'auto piu' agevolmente senza passare da Monte. Sulla funivia ho incontrato una persona e mi ha riferito che una volta ha trovato 6 auto sotto alla ferrata con i finestrini rotti, se avete in programma di rientrare da Monte parcheggiate vicino alla funivia visto che è in centro e non nel prato sotto alla ferrata che è in campagna. Costo della funivia: 5 euro a testa per la discesa.
Citazione
+2 #48 Maurizio Giorgi 2018-04-08 17:04
Percorsa il 08/04/2018.
Luogo incantato bellissimo e particolare.La ferrata ,secondo me, non ė di media difficolta' ė facile ma alcuni passaggi ,come la prima scala molto lunga e verticale, devono essere adeguatamente affrontati.Assolutamente sbagliato procedere senza caschetto.Soprattutto nella prima parte ė facile smuovere sassi e farli cadere in testa a chi ė sotto.Lungo il sentiero di rientro anche se poco esposto e largo non bisogna perdere la concentrazione.
Citazione
+2 #47 Daniele Gheller 2017-08-28 20:32
Percorsa il 26/08/2017
Ferrata che non presenta difficoltà rilevanti in un ambiente veramente molto suggestivo. Il burrone è un qualcosa da vedere assolutamente.
La consiglio a tutti: esperti e neofiti.
Citazione
0 #46 Alice e Stefano 2017-07-27 21:05
Percorsa il 27/07/2017, per noi è stata la quarta ferrata, paesaggi meravigliosi, canyon mozzafiato! Segnaliamo di prestare particolare attenzione durante la risalita del torrente nel burrone non solo per la presenza di acqua e roccette scivolose, ma soprattutto per la caduta sassi...abbiamo infatti avuto un incontro ravvicinato con una piccola frana che fortunatamente è caduta qualche metro più avanti rispetto a noi, ma ci siamo spaventati poiché nella frana c'erano almeno 4 sassi di circa 20 centimetri che sono sbattuti a destra e a sinistra scendendo lungo le opposte pareti del canyon.
Citazione
+2 #45 Enrico 2017-04-23 09:49
Ferrata percorsa in data 22/4/2017 con l'immancabile cugino Marco.Percorso assai ameno.Abbiamo optato per la variante difficile e le due scale iniziali sono veramente assai aeree, molto esposte ma fattibili con calma e concentrazione a patto che non si soffra di vertigini.Attenzione alla terza scaletta, quella che supera la spaccatura in obliquo, presenta il mancorrente assai lasco,non fateci troppo affidamento, ho già segnalato alla sat il problema.Per il resto è una favola la più bella ferrata fino ad oggi percorsa...attenzione alla parete con staffe all'interno del burrone, non proprio banale a tratti scivolosa...Fine ferrata Baita da Manzi trenta minuti (di passo stanco!) Ottimo spot per riposare con fonte d'acqua.Baita da Manzi funivia altra mezz'ora per forestale ben segnata..nel paesino di Monte altra fonte fronte parco giochi.Funivia da brivido ma in cinque minuti mozzafiato si è in paese.No libro di via.Da fare e rifare cento volte per la incomparabile bellezza.
Citazione
+2 #44 Giuseppe Solazzi 2017-02-09 20:47
Percorsa il 09/05/2017. Ferrata semplice, ma spettacolare sotto il profilo paesaggistico, una delle più belle mai fatte. Ottimamente attrezzata; adatta ai neofiti. Da fare almeno una volta. Consiglio ritorno da Spiazzi per la splendida vista. Complimenti ai manutentori.
Citazione
-3 #43 Daniele Marton 2016-08-01 08:30
Percorsa il 30/07/2016. Ferrata molto (troppo) semplice, senza difficoltà tecniche, esposta solo sulle scale iniziali. Ho agganciato i moschi solo un paio di volte, più che altro per il fatto di avere i piedi bagnati, forse unico fattore di "pericolo" della via. Il sentiero è bellissimo, il canyon in certi punti è emozionante, mi ha fatto commuovere per la sua bellezza.
Citazione

Aggiungi commento