TERZA GRANDE MT 2586

Percorsi non attrezzati,su roccia od in ambiente Alpinistico.

TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda ONURB » 15/07/2017, 20:34

Gran bella "normale" la Terza Grande .
continuo l'esplorazione di queste bellissime zone e ritorno a dormire al rifugio Fabbro dopo esserci stato poco fa x la salita al Bivera......ora me ne manca un altra,molto interessante........piu' avanti
la zona e' bellissima,di quelle che piacciono a me,isolata,selvaggia,ancora naturale perché non antropizzata piu' di tanto.....infatti,come sul Bivera,anche oggi in quasi 7 ore di uscita abbiamo trovato solo una coppia all'attacco della normale x la cima.
la salita per il passo di Mimoias,inserito fra la Creta di Mimoias e le creste di Enghe e' in un contesto di rara bellezza e serenita',quello che io definisco sempre come posti bucolici...nn c'e' anima viva
poco dopo il passo Oberenghe una traccia sale ripida verso l'attacco alla normale ,segnato da bolli rossi frequenti....difficile perdersi,credo anche in caso di nebbia
roccette e cengie continue di modesta difficolta' tecnica primo grado o poco piu') ma cosparse di ghiano mobile a cui prestare attenzione soprattutto in discesa....ma sono sempre le solite frasi....d'altronde queste sono le dolomiti...e' cosi' ,punto e fine.
nella parte finale c'e' qualche passaggio piu' impegnativo e nel canale finale una corda a penzoloni aiuta ,sia in salita che soprattutto in discesa,a raggiungere la cima con croce e una piccola madonnina a terra,leggermente spostata, che non avevo mai visto in altre cime.
vista spaziale dalla cima a 360 gradi......oggi si vedeva benissimo,anche la pioggia che stava scendendo copiosa in zona Rinaldo e Peralba,non tanto distante,e che ci ha fatto decidere di scendere prima del previsto.....trovarsi sotto un diluvio in discesa in mezzo ai canali non deve essere un esperienza entusiasmante.
nel ritorno per cercare di fare un giro ad anello,siamo scesi per il sentiero 314 attraversando un bellissima vallata con ricca vegetazione e ritornando al pp ,anche se con una controsalita ulteriore
totale 1350 mt salita,con circa 6/7 ore nette

ho inserito questo giro in "alpinismo"...... potrebbe essere un po' forzato....ma sarebbe stato forzato inserirlo anche in "escursionismo" ....e' la classica normale che e' una via di mezzo fra le due categorie......diciamo un EE sostenuto...un'alpinistica facile ....... come il Sassolungo di Cibiana ......il Piz Sagron....la Creta Forata.......il Popera.....il Cristallino di Misurina.......fra quelle che ho fatto e che mi vengono in mente cosi' di botto.....tutte fra il primo e il secondo grado con discese sul "marcio"
di piu' io non faccio.....ma di grande soddisfazione ,soprattutto perché me le scelgo fuori dal casino.......
"se rampega prima con la testa,dopo con i pei e solo alla fine con le man" (B.Detassis)
ONURB
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 08/11/2011, 18:50
Località: Verona

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda Sergio69 » 16/07/2017, 13:44

Gran bel giro complimenti.
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 811
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda dokkodo54 » 17/07/2017, 21:37

ONURB ha scritto:ho inserito questo giro in "alpinismo"...... potrebbe essere un po' forzato


Concordo. In "alpinismo" è decisamente forzato.
Ma non per questo meno interessante, anzi... ;)
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda FaFo » 18/08/2017, 20:01

Chiedendo permesso, sperando di non disturbare, riprendo questo thread per postare il mio racconto di oggi.......

Internet, nel bene e nel male, ci ha cambiato la vita: per me che 'nasco' escursionisticamente già in piena era digitale (con innumerevoli siti e relazioni di montagna da poter consultare) è pazzesco pensare a come potesse essere difficile ma affascinante la pianificazione di un' escursione anche solo vent'anni anni fa.
L' idea per l' escursione di oggi è nata proprio grazie a questo forum. In primavera un utente di cui non ricordo il nome fece un bel report sulla zona delle dolomiti pesarine- creta di mimoias........... che belle zone, ma 'ndo cazzo sono?? Mai sentite! Mi informo e tengo buona l' idea per il futuro.......
Poi, un mese fa, il buon ONURB si palesa con un report sulla cima che avevo scelto di fare...... adesso non ho più scuse...... messo in lista.......
A dir il vero per oggi avevo pensato a qualche itinerario più "da Agosto", a quote più alte....... ma poi ho pensato che la settimana di Ferragosto è meglio evitare zone rinomate per non trovarsi in mezzo all' effetto centro commerciale la prima Domenica di saldi.
E così, stamattina, mi dirigo verso Belluno lungo la A27.
Quando sono al casello di Conegliano faccio per uscire come se avessi appuntamento con il Sergio69.......... sollievo! Mi ricordo che Sergio è in vacanza e che oggi non mi tormenterà! Al casello trovo un tale che mi chiede un passaggio per la montagna.........vabbè, salta sù e arrivati in montagna ognuno per la sua strada......
Parliamo del più e del meno e notiamo che abbiamo parecchie cose in comune: conosciamo il forum di vie ferrate, conosciamo alcuni Somari (tra cui un tipo così disturbato da viaggiare sempre con il litro di vino nello zaino) e oggi abbiamo lo stesso obiettivo: la Terza Grande.......possiamo andare assieme!
Arriviamo al parcheggio nei pressi di una curva lungo la SP619 poco sotto il bivio per forcella Lavardet. Appena sceso dalla macchina sento delle urla e mi preoccupo seriamente pensando che ci sia qualcuno in pericolo di vita, in realtà è uno sloveno che a quanto pare ha dimenticato di mettere sotto carica le batterie dell' amplifon........fa parte di un gruppo che deve aver 'cannato' la partenza del sentiero e sono alla ricerca di non si sa cosa......
Noi partiamo subito lungo la forestale direzione casera Mimoias che non raggiungiamo prendendo il sentiero 202 direzione passo Mimoias ed (Ober)Enghe che parte sulla sinistra subito dopo il guado del torrente.
Più saliamo e più siamo "incastrati" tra l' assurda parete nord della Creta di Mimoias e le magiche forme della Cresta di Enghe.
Arriviamo al passo Mimoias dove cominciamo a vedere il nostro obiettivo di oggi: il luogo è oltremodo rilassante ma, da lontano, si sente lo sloveno molesto che sale e allora subito si riparte. Con alcuni saliscendi in breve siamo al bivio con il 314: in discesa si va verso la val Frison, noi si va in salita verso il passo Oberenghe.
Al passo ci accorgiamo che sta per raggiungerci un giovane che sale a velocità doppia della nostra..........quando arriva non credo ai miei occhi: questo tale avrà almeno settant' anni!
(a ben pensarci: tutto torna; ha il doppio della mia età e va al doppio della mia velocità: è matematica proporzionale!)
Al passo la segnaletica non è poi così chiara: non bisogna farsi ammaliare da una vaga traccia che risale verso sinistra lungo la vegetazione. Bisogna invece seguire il bel sentiero in leggera discesa che si mantiene a sinistra e che in breve ricomincia a salire verso la nostra meta.
Appena riprende a salire il sentiero è sfiancante, molto faticoso e su fondo instabile ma in breve arriviamo a toccare la roccia: è l' inizio della normale.
La normale alla Terza Grande non è affatto banale e mi ritrovo appieno nella descrizione di ONURB.
Tra l' altro i tratti più difficili sono verso la vetta: una paretina non particolarmente inclinata ma molto liscia e, a seguire, un caminetto molto tecnico con corda solo nella parte finale. Proprio qui mi viene in aiuto il consiglio che sempre mi ricordava mio nonno: "."
.......uomo severo, di poche parole ma incisive e penetranti......... nonno! Ma che razza di consiglio davi? Guarda che qui il problema sarà in discesa!
Appunto! La cosa che più va tenuta in considerazione è che si scenderà per dove si sale con tutte le attente valutazioni del caso.
Arriviamo in vetta e il panorama è magnetico. Il mio accompagnatore sembra esperto della zona e comincia ad elencarmi le cime: ..........Terza media.......mi piacerebbe andarci ma è troppo difficile per noi!
"Scolta Gigio, parla per te; apparte che adesso si chiama 'scuola secondaria di primo grado'; e cmq io non avrei problemi a superare brillantemente gli esami!"
"Ma no FaFo, cosa hai capito? Intendevo che quello è il monte chiamato Terza Media e che per noi, meri escursionisti, non è raggiungibile!"
"Scusami, non avevo capito. E' che sono oltremodo nervoso perché nel mio kit di soccorso mancano il tagliaunghie e il rimmel e il nervoso ottenebra la mente"
A ben pensarci l' unica cosa veramente indispensabile che manca nel mio kit sono i profilattici........al libero arbitrio preferisco il libero accoppiamento, abbassa i livelli di testosterone e conseguentemente anche l' aggressività. [cit.]
Ora un pò di foto:
Scuole dell' obbligo.jpg
Scuole dell' obbligo.jpg (84.19 KiB) Osservato 3444 volte

Creta di Mimoias.jpg
Creta di Mimoias.jpg (51.77 KiB) Osservato 3444 volte

Roccia rocciosa.jpg
Roccia rocciosa.jpg (63.75 KiB) Osservato 3444 volte

Nel frattempo, ahinoi, arrivano in vetta gli sloveni di cui prima e il solito simpaticone continua a sbraitare a voce alta facendo sfoggio di cultura generale salutando in ben 6 lingue diverse........ magari imparasse anche l' alfabeto muto!
E' ora di scendere e affrettiamo un po' la cosa sia per gli sloveni molesti sia perché alcune nuvole minacciose si dirigono verso di noi e mai al mondo vorrei farmi questa discesa con il bagnato.
All' inizio del camino il mio accompagnatore comincia a dirmi che lui qua, se avesse la corda, farebbe una discesa in tripla con nodo marciamond come gli hanno insegnato al corso di alpinismo basico per escursionisti acidi..............."Scolta Gigio, risparmia il fiato e concentrati per scendere che altrimenti ti lascio qua e vieni giù con i tuoi amici sloveni che ci hanno anche una bella corda, loro!"
Arrivati alla fine della normale tiriamo un sospiro di sollievo ma guai ad abbassare troppo la guardia: molti dei più grandi alpinisti son morti durante i rientri da vie difficilissime su banali sentieri!
Conclusioni:
grazie a ONURB per il report stimolante;
grazie al "tipo" che mi ha piacevolmente accompagnato oggi;
grazie alla massa che è andata in tutt' altre zone lasciando questa bella zona isolata e riservata a pochi escursionisti;
sgrazie al gruppo di sloveni molesti;
grazie al forum che ha permesso tutto questo;
......è proprio vero: internet ci ha cambiato la vita.......

Ora, fuor di cazzate, mi permetto di dire la mia sulla questione "dove lo mettiamo (il report)? Escursionismo o alpinismo?
Il problema è che sono due categorie troppo generiche; servirebbe suddividerle ulteriormente in varie sottocategorie ma poi sai che casino ne verrebbe fuori?
Allora, usando il caro e sempremenoutilizzato buonsenso, basta ricordare a chi legge che nessuno di quelli che scrive su questo forum lo fa per lavoro: a chi legge resti almeno l' onere di valutare se l' itinerario è alla sua portata. Ad esempio io oggi son partito pensando di farcela ma avevo ben in mente che dovevo salire pensando alla discesa e che avevo disponibile un' opzione sempre valida: non proseguire oltre e fare dietrofront!
Dirò di più: senza quel cavetto alla fine dell' ultimo camino mi sarei FERMATO a pochi metri dalla cima, senza patemi, proprio pensando alla discesa più che alla salita; e comunque, anche con l' aiuto del cavetto, in generale, questa normale la considero quasi ai limiti delle mie possibilità (con margine di sicurezza).

Dopotutto ormai c'è internet e, nel bene e nel male, le informazioni non mancano.........
FaFo
 
Messaggi: 305
Iscritto il: 21/08/2014, 20:11
Località: Terme Euganee

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda alfpaip » 18/08/2017, 20:26

FaFo ha scritto:Arriviamo in vetta e il panorama è magnetico. Il mio accompagnatore sembra esperto della zona e comincia ad elencarmi le cime: ..........Terza media.......mi piacerebbe andarci ma è troppo difficile per noi!
"Scolta Gigio, parla per te; apparte che adesso si chiama 'scuola secondaria di primo grado'; e cmq io non avrei problemi a superare brillantemente gli esami!"


Ahahahahah... muoro... :-D
alfpaip
 
Messaggi: 611
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda Giusna » 18/08/2017, 21:16

Grande FaFo!

Aggiungo delle foto al report

l'assurda parete nord della Creta di Mimoias
Immagine

il Passo di Mimoias
Immagine

la Terza Grande dal Passo di Oberenghe con la vaga traccia (da evitare) che risale verso sinistra lungo la vegetazione
Immagine

la Cresta di Enghe
Immagine

il perfido ghiaino (costante lungo la normale)
Immagine

il camino sotto la cima
Immagine

la cima con il dettaglio della Madonna
Immagine
"Non c'è montagna più alta di quella che non scalerò" (L. Cherubini)
Avatar utente
Giusna
 
Messaggi: 49
Iscritto il: 22/01/2016, 16:42
Località: Pordenone

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda ONURB » 19/08/2017, 7:53

Bravissimi i "giovani ragazzi della Caregata 2016" che ,blandi blandi,integrano i miei scarni e crudi racconti, con le giuste e appropriate foto .....non sono neanche degno........molto bene....Fafo ormai hai sorpassato il Blitz in quanto a romanzare i tuoi racconti :)non ti ho mai chiesto che lavoro fai ma hai del talento narrativo.....ho una dritta di un editore.....non si sa mai...... ( Blitz che mi pare che quest'anno batta la fiacca .....almeno nel postare i suoi giri...con notevole ritardo..... :x )
a proposito Giusna...e il Latemar come e' andata? non vedo ancora il tuo post....con le foto naturalmente......su dai :P
"se rampega prima con la testa,dopo con i pei e solo alla fine con le man" (B.Detassis)
ONURB
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 08/11/2011, 18:50
Località: Verona

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda alverspir » 19/08/2017, 14:07

:aaaemo: :aaaemo: :aaaemo: sono pienamente d'accordo con Alfpaip... sto muorendo anch'io...
Non ti ho creduto Fafo quando parlavi di aver raccolto a Conegliano un autostoppista... forse ancora ancora una autostoppista.
Poi ho pensato e ripensato - mentre sosrseggiavo il tuo racconto - con chi diavolo ti sei accompagnato... zio baretta, con quell'amico del Giusna... logico! Se escludi Sergio chi potrebbe trovarti a Conegliano? Qualcuno del vicino Friuli...
Bravi ragazzi. State gustando posti ed ambienti fuori dal caos, dalla moda e dalla consuetudine. Vedo che lo spirito giusto non vi manca e ci vedremo presto per uno scambio di impressioni.
Avatar utente
alverspir
 
Messaggi: 1592
Iscritto il: 08/11/2011, 13:09
Località: Favaro Veneto VE

Re: TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda FaFo » 19/08/2017, 15:45

x alfpaip:al prossimo racconto scrivi che ti fa schifo che altrimenti pare che ti pago per fare il mio fan! :lol: :lol:

x ONURB: sei degnissimo Bruno e ti ringrazio per gli innumerevoli spunti escursionistici che ci dai ........e poi ti ricordo che sei stato proprio tu a spronarmi a scrivere i racconti dei miei giri.

x alver: (in)utile dire che in tasca avevo una certa relazione..........

x Giusna: ottima compagnia, grande giro, tutto perfetto però................ è da 24 ore che ci penso e ripenso e non riesco più tenermi tutto dentro: abbiamo fatto il brindisi di fine giro a colpi di coca cola! Siamo vergognosi e irrecuperabili! :maaemo: :maaemo:
FaFo
 
Messaggi: 305
Iscritto il: 21/08/2014, 20:11
Località: Terme Euganee

TERZA GRANDE MT 2586

Messaggioda alfpaip » 19/08/2017, 18:31

FaFo ha scritto:x alfpaip:al prossimo racconto scrivi che ti fa schifo che altrimenti pare che ti pago per fare il mio fan! :lol: :lol:


Ma va... mi ero già fatto stampare una maglietta con scritto "fafo you're my idol"... poi però ho letto questo:

FaFo ha scritto:abbiamo fatto il brindisi di fine giro a colpi di coca cola! Siamo vergognosi e irrecuperabili! :maaemo: :maaemo:


e le ho dato fuoco dopo averla innaffiata con un paio di litri di spritz... :aaaemo:
alfpaip
 
Messaggi: 611
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Prossimo

Torna a Arrampicata ed Alpinismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron