Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiamo.

Parliamo di tecniche di progressione,utilizzo attrezzature,materiali,testi,ect..

Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiamo.

Messaggioda Arterio Lupin » 03/10/2013, 18:27

http://www.up-climbing.com/it/news/alpi ... -nel-vuoto

Una cordata sbaglia una doppia ed invece di usare autobloccanti per la risalita o un sano paranco, preferisce chiamare l'elicottero...

Un articolo che vale la pena leggere.

Fedipos, ne parliamo al Baldo???

Saluti a tutti.
Arterio Lupin
 

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda fedipos » 03/10/2013, 19:15

Se hai piacere di sentire dal vivo la mia solita teoria che il 95% di quelli che vanno in montagna a titoli diversi sono idioti, non ci sono problemi. Farò un proclama ma non intendo discutere di un cazzo di tecnica. Il forum è pieno di scienzini, io mi prodigo con quelli che vengono sul campo, stanno zitti, imparano e poi tirano le somma. Ho appena fatto uno stage di tre giorni interi,quindi potrete chiedere di persona a chi ha partecipato.
fedipos
 
Messaggi: 1641
Iscritto il: 08/11/2011, 22:07

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda Arterio Lupin » 03/10/2013, 19:22

Non me ne potrebbe fregar di meno di sentir parlare di tecnica.. Sarebbero due palle micidiali ed inutili...

La tecnica è una cosa seria che va affrontata sul campo ed a piccoli gruppi. Tu ce lo insegni.


Mi piacerebbe solo discutere dell'atteggiamento assolutamente "easy" e della totale scioltezza con cui si chiede l'intervento dell'elicottero al giorno d'oggi...

Siccome - oltretutto - non si parla di grandi conoscenze tecniche per saper realizzare un Bakmann per la risalita su corda... Non ci resterà altro che parlare di pigrizia mentale..

In fin dei conti, non occorre essere scienzini e tanto meno occorre essere fisici o "studiati"... Sono poche le manovre necessarie per la sicurezza. Il problema sembra essere il "tener il cervello acceso". Non ci sono studi o corsi con Fedipos che tengano, se uno spegne il cervello o non vuole risolversi il problema perché tanto per la soluzione basta un click al cellulare...

In ogni caso meglio così che leggere di un qualche altro incidente... A me, tuttavia, rimane sempre un "però" in gola...
Arterio Lupin
 

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda Daryo » 08/10/2013, 14:16

Arterio Lupin ha scritto:Una cordata sbaglia una doppia ed invece di usare autobloccanti per la risalita o un sano paranco, preferisce chiamare l'elicottero...

Un articolo che vale la pena leggere.



La butto li' provocatoriamente, ma mica tanto (ovviamente ho letto l'articolo, e mi sono pure comprato su Amazon il libro da cui sono tratte le pagine che quel sito linka per spiegare il Bakmann e il paranco).

Io non so *nulla* di materiali ma sto cercando di cominciare... e qualsiasi cosa faccia o dica c'e' qualcuno nello "scenario" della gente che va in montagna che mi dà del mona, e temo sia un paradigma.

-) Se compro un libro(o gireggio per Internet) e leggo come si fanno i nodi o anche solo concetti generali di sicurezza, sono un mona: niente batte l'esperienza sul campo, e quello che leggo potrebbe essere viziato da errori o vetustà
-) Se vado a fare esperienza sul campo da solo sono un mona: non sono abbastanza esperto per farla da solo, perchè non c'e' nessuno che mi corregge mentre mi alleno
-) Se vado a fare esperienza con gli amici sono un mona: statisticamente, c'e' qualcuno che non sa una mazza e rischia più del dovuto, e mette nei guai anche te
-) Se chiedo info sui materiali sono un mona: di per sè sono sicuramente tutti super sicuri a meno che non me li autocostruisco col meccano o il lego, il resto è questione del punto 2
-) Se vado a fare un corso "cittadino" sono un mona: vogliono solo i miei soldi, e la sicurezza è sottovalutata sull'altare di marketing e della competizione sportiva
-) Se mi porto dietro sul cellulare tutte le dispense CAI coi nodi, le tecniche di cordata e le manovre di autosoccorso sono un mona: un vero montanaro deve sapere tutto a memoria e aver sperimentato in prima persona tutto, come McGuyver... leggere un documento è da ingegneri sfigati, anche se può salvarti la vita

--->> sono un mona a voler andare in montagna in modo più "serio", perchè le sei frasi sopra per certi versi sono tutte vere.

Se ne deduce che chi è nel percorso di imparare (e credo che questo valga *per tutti*, per me che comincio, per quei tizi che sono "a metà" e probabilmente anche per fedipos che è agli apici) è schiacciato:

a) da sotto: dalla propria voglia di imparare e rischiare un peletto di più di quanto sa; dal non aver messo in conto un qualche tipo di imprevisto/situazione
b) da sopra: da una certa cultura elitaria e snob di chi va in montagna per tradizione tramandata "de visu"; e dalla mancanza di modelli di riferimento *chiari* e *certi* con un certo grado di disponibilità.

Effetto: la gente cerca i fedipos (che però son rarerrimi) o usa il rasoio di occam e rischia troppo, tanto comunque nel 99,9% dei casi ti va bene istess, soprattutto se hai i soldi per pagarti il soccorso, altrimenti non cominci mai e fai la fine di Buridano e del sua asino (io ahah)

Anche io spero di parlarne al Baldo, anche se sarò il calimero nell'angolo ;)
Daryo
 
Messaggi: 57
Iscritto il: 23/04/2013, 16:19

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda Laustorre » 08/10/2013, 19:47

....Daryo....?....10 euro a Mona e diventi milionario.... :okkemo:
Ti rispondo,secondo quello che è il mio parere...un Mona appunto.
Vedi,io sono andato a fare uno stage con Fedipos.....sono andato anche a trovarlo a casa.....ci ho fatto un paio di uscite.Mi stava sul cazzo prima,e se non fosse per la sua splendida famiglia,mi starebbe sulle palle anche ora.
Ma......sono andato convinto di sapere delle cose,imparate a corsi,insegnate da amici,imparate con un pochino di esperienza da solo....con dei materiali....e con umiltà.
Risultato.....sapevo 100 cose....le so ancora...solo che effettivamente,sul campo poi mi bastano e mi sono bastate in emergenza( con i miei figli...niente di che.....ma grazie Fed....) 3 cose fatte bene,ripetute alla noia....da fare a occhi chiusi.
Tre cose.
Poi....tu osservi padre e figlio e si mandano a fare in culo su come e chi fa il nodo migliore o più velocemente...e suo figlio e un drago....ma sono fronzoli da super esperto....da 8000.....da soccorso o speleologia.
Il nocciolo del problema a mio avviso...e che la gente non sa nemmeno da che parte sia il verso per moschettonare sulla catena....o peggio...se vuoi inorridire,fatti un giro sulle foto postate dai falesisti su you tube....e guarda come sono messi i rinvii....a casaccio....
Io so so cento cose,ma se ti può interessare ti spiego le tre di Filippo....poi le discuti magari con lui.
Sei milanese no?....io della provincia....ci si trova....si ragiona su una ferrata...su una paretina....poi andiamo alla Bradipata e ci facciamo insultare....o magari prima ci facciamo insultare alla Bradipata e poi andiamo e ridercela su per C rozzi lecchesi e comaschi....vedi se non viene anche Arterio a sfancularci.
Abbraccio
Laustorre
 
Messaggi: 665
Iscritto il: 08/11/2011, 15:36
Località: provincia pavese

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda fedipos » 08/10/2013, 20:30

Sapete perchè io amo il Nepal, e dopo nove spedizioni ri-parto per la decima a natale? Perchè in quel paese ci sono due grandi religioni, l'Induismo e il buddismo che anzichè mettere bombe l'uno nei templi e/o monasteri dell'altro, si sono perfettamente integrate, nel senso che molte cerimonie, credenze, usanze dell'una si sono osmotizzate con quelle dell'altra. Ossia ognuno ha fatto suo quanto di buono c'è nella religione dell'altro. Cosa centra con i nostri discorsi? Molto di più di quanto pensate. Io ho avuto semplicemente la volontà-interesse-passione-fortuna di poter fare due attività ,quali la speleologia e l'alpinismo, vivendo decenni di evoluzioni tecniche, vivendo in prima persona "l'invenzione " di tutte le tecniche di risalita e discesa su sola corda, tutte le tecniche di auto-soccorso in grotta, quando sei a 15/20 ore dall'ingresso e uno si fa male ma non puoi tenerlo fermo per altre 30 ore aspettando le squadre, e avanti di questo passo. Ho già detto, scrittto, riscritto, che tecnicamente la speleologia è avanti secoli di anni luce rispetto al discorso montagna e voi dovete cercare di capire che io non posso non incazzarmi con tutto il discorso portato avanti dai corsi di alpinismo, con le nozioni di autosoccorso insegnate nei corsi stessi ecc. Nozioni vecchie, obsolete, praticamente roba da australopitecus afharensis rispetto a quello che si potrebbe insegnare se ci fosse un pò di umiltà da parte del settore montagna, soccorso compreso, e andando dagli speleo dicendo:" ma è vero che siete in grado, un uomo da solo, di recuperare nel vuoto un compagno su un pozzo da settanta metri con il contrappeso ?" Allora capite che quando sento parlare di prusik e di risalita con i bakmann non mi viene da piangere, mi viene da ridere. Perchè? Perchè a 29 anni, fiondato per diciotto metri in un crepo a campana, ho impiegato quasi due ore a tirarmi fuori con i bakmann, non certo con i prusik, solo che se nel crepo ci vado adesso a 64 anni, con i t-block vengo fuori in mezz'ora a farla lunga. Quindi o la gente che vuole fare-imparare-verificare-sperimentare si tira fuori da una certa mentalità e si ficca nella testa di lasciar stare manuali,foto, filmati e tutte le stronzate di sta terra,oppure ficcatevi nella testa che non ne venite fuori. All'ultimo stage, un caro amico che tutti conoscete, aveva la bava alla bocca perchè voleva imparare il paranco con i t-blok. Io, che sono uno stronzo, non solo non lo ho insegnato, ma neanche l'ho fatto vedere per il semplice motivo che era prematuro, però li ho cacciati su una corda con i t-block e hanno iniziato a verificare cosa sono le tecniche disponibili oggi. Io, molto più semplicemente di quello che molti pensano, non sono un mostro, ho solo avuto la possibilità-capacità di sintesi di due mondi tecnicamente molto diversi, che mi hanno permesso di arrivare fin qua, e come dice il Laus, di scontrarmi perennemente con la mia creatura, che riesce a definire obsoleto il sottoscritto: rendo l'idea? Obsoleto tecnicamente il Fed! Questo per cercare di far capire dove siamo a livello tecnico. Buona serata a tutti.
fedipos
 
Messaggi: 1641
Iscritto il: 08/11/2011, 22:07

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda Storm Sentry » 09/10/2013, 20:02

fedipos ha scritto:All'ultimo stage, un caro amico che tutti conoscete, aveva la bava alla bocca perchè voleva imparare il paranco con i t-blok. Io, che sono uno stronzo, non solo non lo ho insegnato, ma neanche l'ho fatto vedere per il semplice motivo che era prematuro, però li ho cacciati su una corda con i t-block e hanno iniziato a verificare cosa sono le tecniche disponibili oggi.


:delemo: :delemo: :delemo:
Arrivi in cima dopo aver rinunciato a tutto quello che credevi necessario alla sopravvivenza e ti trovi solo con la tua anima.In quel vuoto puoi esaminare,in un'ottica diversa,te stesso e tutti i rapporti e gli oggetti che fanno parte del mondo
Avatar utente
Storm Sentry
 
Messaggi: 1513
Iscritto il: 03/11/2011, 10:29
Località: Belluno

Re: Autosoccorso versus comodo salvataggio CNSAS: Riflettiam

Messaggioda Valdo » 21/07/2021, 16:20

Ciao a tutti,
sicuramente chi è meno esperto deve appoggiarsi a qualche guida o a qualcuno con anni di esperienza alle spalle e nonostante tutto anche l'esperto deve essere consapevole che l'errore o il problema potrebbe capitare in ogni secondo, quindi essere sempre prudente e usare il cervello.
Saluti a tutti.

__________________
Posa di pavimento resina e cemento > Visita EmilPav.it
Valdo
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 22/05/2018, 9:31


Torna a Equipaggiamento-Tecnica-Materiale informativo.

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti