Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Percorsi non attrezzati con difficoltà tecniche contenute.

Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda alfpaip » 28/08/2017, 15:28

questa escursione giaceva nel mio cassetto dei desideri da parecchi anni… ma si sa, certi cassetti son talmente pieni di tutto, che alcune cose ci si scorda di averle… o di sognarle… un anno fa però, mentre si disquisiva di catinaccio davanti a una birra, un amico ha fatto risuonare il campanello nella mia testa…

perciò eccoci qua, a un anno di distanza da quella chiacchierata, ad andare a riscoprire assieme questo vecchio sentiero perduto nel cuore più selvaggio e autentico del regno di re laurino… per chi non lo conoscesse, il sentiero paola era la vecchia via d’accesso diretta al rifugio antermoia, chiuso dopo che la grande frana staccatasi dalla crepa di lausa sud nel 1993 ne compromise parte del tracciato… e mai più ufficialmente riaperto… tuttavia, ogni tanto, qualche appassionato di questi luoghi lo percorre, tanto più che i vecchi segnavia sono ancora ben visibili seppur sbiaditi e, anzi, la parte bassa del sentiero è perfettamente mantenuta grazie all’opera dei valligiani…

a dirla tutta, il sentiero paola non è uno solo… o meglio, esiste un sentiero principale che parte dalla frazione di muncion e arriva appunto al rif. antermoia, cui si aggiungono però due varianti: una superiore che conduce alla crepa di lausa nord e una inferiore che si stacca dalla val udai e si ricongiunge al sentiero paola vero e proprio, sotto l’aut da muncion… dato che i giorni liberi scarseggiano sempre più, abbiamo deciso di provare a percorrere tutte le varianti tra andata e ritorno…

se il buongiorno si vede dal mattino, ecco come si presentavano le crepe di lausa quando ho aperto gli scuri della mia finestra…

Immagine


il tracciato originale del sentiero paola ha inizio nei pressi dell’ultima casa di muncion, subito prima che cominci il divieto di transito sulla strada per gardeccia…

Immagine


si segue per un breve tratto la stradina, che ben presto diventa sterrata… si lascia sulla destra una stalla e, prima di addentrarsi nel bosco, si passa di fianco a un fienile…

Immagine


già da qui si possono apprezzare i primi scorci sulle cime della val di fassa… sulla vallaccia, ad esempio…

Immagine


quando la strada forestale sembra biforcarsi, si tiene sempre la sinistra… in breve la stradina comincia a salire con discreta pendenza verso le pendici dell’aut da muncion…

Immagine


su di un masso si rintraccia anche il primo, sbiaditissimo segnavia…

Immagine


dopo una ventina di minuti di piacevole passeggiata si perviene ad un ampio crocevia di sentieri, caratterizzato da un crocifisso, una panchina e una mangiatoia… si imbocca la mulattiera subito a sinistra di quest’ultima e, percorsi pochi metri, si nota il segnale che ci conferma di essere effettivamente sulla retta via…

Immagine


la mulattiera si restringe presto a sentiero e da qui in poi è pressoché impossibile sbagliare direzione… la traccia è ben mantenuta e anche i segni biancorossi si fanno più frequenti…

Immagine


con rapide serpentine ci si inerpica nel bosco, per uscirne ormai a ridosso delle pareti rocciose…

Immagine


ora il nostro sentiero piega verso est per contornare il fianco del monte, mantenendosi in quota e offrendo piacevoli visuali…

Immagine


quasi senza accorgersene, si arriva così in vista della busa di lausa e della forcella del polenton…

Immagine


poco oltre si incontra il famoso, curioso cartello stradale di “caduta massi”, che segna anche il punto d’intersezione tra il sentiero paola originale e la variante bassa dalla val udai… purtroppo il cartello, originariamente piantato nelle ghiaie, dev’essere stato abbattuto da qualche slavina o smottamento ed è stato perciò sistemato su un albero…

Immagine


continuando a circumnavigare l’aut da muncion, si sale con modesta pendenza alternando tratti in mezzo al bosco ad altri in cui occorre attraversare delle colate di ghiaia, a picco sulla valle sottostante…

Immagine

Immagine


alcuni punti franati richiedono qualche attenzione in più…

Immagine


usciti definitamente dal rado bosco, la traccia si fa a tratti più labile mentre il sentiero punta deciso in direzione della crepa di lausa sud, raggiungendo il margine della ciclopica frana…

Immagine


prima di concentrarsi sull’attraversamento della vasta colata detritica, vale la pena soffermarsi ad ammirare un po’ il panorama…

Immagine


lungo la frana non è ovviamente presente alcuna traccia, tuttavia osservando bene si notano alcuni ometti disseminati qua e là… in particolare, ne individuiamo uno sulla sommità di un grosso masso e decidiamo di puntare a quello…

Immagine

Immagine


attraversato orizzontalmente il fronte della frana, se ne risale il margine destro su terreno tutto sommato agevole, così da aggirare i salti di roccia e guadagnare un bel prato costellato di stelle alpine, dove tornano a comparire anche i vecchi segnavia…

Immagine

Immagine


siamo finalmente nel cuore della selvaggia busa di lausa, un solitario e bucolico balcone panoramico, racchiuso tra la forcia larga e il polenton, e sovrastato dalla lunga dorsale delle crepe di lausa…

Immagine

Immagine


a est lo sguardo spazia lontano fino alle tofane…

Immagine


pur in assenza di un vero e proprio sentiero, ometti e segni rossi ci guidano lungo le balze erbose, sul margine destro dell’anfiteatro e puntando abbastanza direttamente alla base del polenton…

Immagine


la risalita del vallone può essere caratterizzata da un incedere a volte monotono, ma l’uniformità del percorso è ampiamente compensata dal continuo mutare e ampliarsi dell’orizzonte…

Immagine

Immagine


alle spalle della crepa negra fa la sua comparsa anche il re del cadore…

Immagine

Immagine


per i più assetati, su uno dei risalti rocciosi si trova anche un buon punto di approvvigionamento idrico…

Immagine


siamo ormai prossimi all’agognata forcella…

Immagine


sul versante opposto, la vista si apre sulle cime che sovrastano il rifugio antermoia, e si intuisce la prosecuzione del sentiero…

Immagine


anche la fauna locale sembra essere d’accordo sulla direzione da intraprendere…

Immagine


a nord ovest, invece, si individua chiaramente il percorso della variante che corre sotto le crepe di lausa…

Immagine


per l’andata, propendiamo per questa seconda opzione… i mufloni torneremo a salutarli dopo pranzo… per raggiungere la prosecuzione del sentiero, occorre però prima traversare verso sinistra in direzione di una forcelletta - seguendo il crinale o traversando su terreno delicato e un po’ esposto - e quindi rimontare un breve caminetto…

Immagine

Immagine


guadagnata così la conca ghiaiosa ai piedi delle crepe di lausa, si notano alcuni sbiaditi segnavia e un’esile traccia provenire direttamente dalla busa di lausa…

Immagine


non avendo intuito da quale punto del sentiero principale si stacca questo approccio diretto alla conca, ci ripromettiamo di investigare nel pomeriggio… ora invece riprendiamo la nostra ascesa, lungo la traccia ora ben marcata sotto le pareti… dopo pochi passi si transita ai piedi della scura forcella dei camosci…

Immagine


data la prossimità dell’intaglio, mi faccio tentare dalla curiosità e, mentre i miei compagni di cammino proseguono, io mi concedo una breve deviazione per mettere il naso dall’altra parte… giunto in forcella, la visuale si dischiude sui cront, sul sottostante passo delle scalette e sul lago secco, per l’occasione rimpinguato come mai mi era capitato di vedere ad agosto inoltrato…

Immagine

Immagine


tornato sui miei passi, raggiungo i compari e via lungo l’aspro catino detritico…

Immagine


ai piedi dell’ultimo ripido risalto, la traccia si perde nuovamente tra le ghiaie… qui è meglio non seguire i vaghi segni di passaggio verso le pareti (come bovinamente fatto dal sottoscritto :oops: ), bensì puntare verso le rade chiazze erbose sulla destra del vallone, fino a rinvenire nuovamente qualche ometto e una labile traccia…

Immagine


si giunge così finalmente sull’ampia, bellissima e panoramicissima sella tra l’anticima e la cima vera e propria della crepa di lausa nord… nonostante ci sia già transitato un anno fa, lo scenario che si spalanca all’orizzonte mi lascia ugualmente senza respiro… :lovemo:

Immagine

Immagine


attendiamo che davide faccia visita all’ometto di vetta…

Immagine


e ci dirigiamo al vicino passo di lausa, dove incontriamo i primi escursionisti della giornata… anche se il sentiero attrezzato delle scalette rimane uno dei percorsi meno frequentati del gruppo, tra quelli noti...

Immagine


da qui si imbocca il sentiero 583 che cala rapido lungo i lastees de antermoa in direzione del rifugio…

Immagine


a metà via, sulla destra si può già scorgere la forcella del polenton, vista dal lato opposto a quello da noi salito…

Immagine


ma l’attrazione principale non può che essere il meraviglioso, magnetico, lunare e (me ne sono colpevolmente accorto solo ora) cuoriforme lago… :lovemo:

Immagine


le cui acque purtroppo questa volta sono piuttosto torbide e non consentono alla croda del lago e al molignon di specchiarvisi dentro da par loro…

Immagine


ed eccoci finalmente qui, dopo circa cinque ore di marcia (a ritmo molto tranquillo) al recentemente rinnovato rifugio antermoia che, da quest’anno, non è più gestito dal mitico almo giambisi bensì da martin riz, “reduce” della tragedia della val lasties…

Immagine


la nuova gestione mi ha fatto un’ottima impressione: prezzi accettabili, servizio rapido e cortese ma, soprattutto, buona cucina… dopo la doverosa birra e uno sconveniente selfie… :oops:

Immagine


è già ora di rimettersi in marcia...

[continua...]
alfpaip
 
Messaggi: 613
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda alfpaip » 28/08/2017, 15:42

mio padre decide di salutarci per scendere direttamente a valle lungo la val de dona, mentre davide e io ci incamminiamo lungo le balze erbose alle spalle del rifugio…

Immagine


ben presto ricompaiono tracce e segnavia che, tenendosi in quota, puntano verso il polenton… su di un masso si rinviene anche un vecchio cartello in metallo…

Immagine

Immagine


siamo ormai prossimi al fondo del vallone glaciale in cui scorrazzavano indisturbati i mufloni… verso sud est si apre invece il solco che digrada verso il pian dei ciavai e le cascate di soscorza…

Immagine

Immagine


sulla piana ghiaiosa ometti e segnavia scompaiono di colpo, mentre due labili tracce salgono parallele sul versante sinistro del vallone… indecisi su quale imboccare, optiamo per fare fifty-fifty e imboccarne una ciascuno… davide sceglie quella alta, un po’ più ampia, io mi avvio su quella più bassa e meno marcata…

Immagine


nessun abbozzo di segni rossi o altro, fino a quando non ne scorgo uno in lontananza, dal lato opposto della conca… evidentemente il sentiero originale correva su quel versante o al centro del solco, ma frane e smottamenti hanno completamente eliminato qualsiasi accenno di sentiero…

Immagine


ad ogni modo, questa volta ho avuto più fortuna io… la mia traccia mi conduce direttamente alla base del canalino che scende da forcella del polenton, mentre il percorso alto costringe il mio socio a scendere qualche metro per roccette friabili…

Immagine

Immagine


d'un tratto ricompaiono anche le indicazioni…

Immagine


non resta ora che risalire il breve canale, facendo un po’ di attenzione al terreno instabile…

Immagine


rieccoci nella busa di lausa… :rosemo:

Immagine


memori dei buoni propositi di poche ora prima, torniamo verso la forcelletta di rocce nerastre e, tuffandoci lungo il ghiaione, andiamo a intercettare la continuazione della traccia che scende dalle crepe di lausa…

Immagine


la seguiamo per un breve tratto, finché non si perde tra i prati… continuando però diagonalmente ci ricongiungiamo al sentiero principale all’altezza di un ometto…

Immagine


soddisfatta la nostra curiosità, ci rimettiamo in cammino percorrendo a ritroso la via seguita in salita…

Immagine


arrivati alla grande frana, notiamo anche un punto di attraversamento alternativo, più alto rispetto a quello scelto all’andata e anch’esso punteggiato da radi ometti…

Immagine

Immagine


recuperato il sentiero, si scende veloci verso l’aut da muncion, alti sopra il solco della val udai…

Immagine


fino al cartello stradale…

Immagine


qui si piega bruscamente a sinistra per imboccare la variante bassa, che si tuffa subito nel bosco…

Immagine

Immagine


bosco comunque abbastanza rado da permettere ancora qualche bella prospettiva sulle cascate di soscorza…

Immagine


la discesa è rapida e in poco tempo ci si ritrova con i piedi sul sentiero 580 della val udai… a identificare l’inizio del sentiero paola, pochi indizi ben nascosti…

Immagine

Immagine


qui si conclude di fatto la nostra esplorazione… non resta che percorrere l’ultimo tratto del segnavia 580 prima e 579 poi, che ci riportano comodamente a muncion…

Immagine

Immagine

Immagine


anche i segnali stradali ci rammentano che l’escursione è terminata… :(

Immagine



finalmente, dopo tanti anni, sono riuscito a togliermi un’altra piccola, grande soddisfazione e a (ri)scoprire un altro pezzettino del mio amato catinaccio… non ci sono dislivelli impossibili né difficoltà tecniche rilevanti, ma solo l’appagamento dato dal trascorrere qualche ora circondati solo dalla quiete e dalla bellezza della montagna… :)
alfpaip
 
Messaggi: 613
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda ONURB » 28/08/2017, 17:09

bravissimo.......esplorazione fuori sentieri.....il top per l'escursionista "evoluto" .....questo,per me ,significa andar per monti........non serve essere alpinisti da quarto grado in su....conta lo spirito e la voglia d'avventura......

P.S.
per fortuna che fai poche escursioni altrimenti fra te e i Blitz ci vuole mezz'ora a passar le foto scattate e postate........scherzo naturalmente..... :P
"se rampega prima con la testa,dopo con i pei e solo alla fine con le man" (B.Detassis)
ONURB
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 08/11/2011, 18:50
Località: Verona

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda FaFo » 28/08/2017, 19:01

Complimenti alfpaip, report molto coinvolgente!
Talmente bravo da meritare un premio, che ne dici di questa?
DSC_1011-1.jpg
La spilla del desiderio
DSC_1011-1.jpg (40.93 KiB) Osservato 3826 volte

PS: è ancora nel suo cellophane originale! (da 8 mesi)
FaFo
 
Messaggi: 305
Iscritto il: 21/08/2014, 20:11
Località: Terme Euganee

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda alfpaip » 28/08/2017, 19:20

ONURB ha scritto:per fortuna che fai poche escursioni altrimenti fra te e i Blitz ci vuole mezz'ora a passar le foto scattate e postate........scherzo naturalmente..... :P


Sì, forse mi sono fatto prendere un po' la mano... :D ... ma quando sono nei "miei" luoghi mi parte lo scatto compulsivo...

Comunque devo ammettere di avere un certo debito nei confronti di questo forum, che ha contribuito a risvegliare uno spirito esplorativo che si era un po' sopito...


FaFo ha scritto:Complimenti alfpaip, report molto coinvolgente!
Talmente bravo da meritare un premio, che ne dici di questa?
DSC_1011-1.jpg


Oh, meraviglia!!! Non avrei osato sperare in un tale onore... anziché un tatuaggio, potrò farmi direttamente un bel piercing... :D
alfpaip
 
Messaggi: 613
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda Blitz » 28/08/2017, 20:31

Orcavacca Alf cosa sei andato a scalumar fuori!!!
Da cinema! spettacolo!!!
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda Sergio69 » 29/08/2017, 7:44

FaFo ha scritto:Complimenti alfpaip, report molto coinvolgente!
Talmente bravo da meritare un premio, che ne dici di questa?
DSC_1011-1.jpg

PS: è ancora nel suo cellophane originale! (da 8 mesi)

SACRILEGIO!!! :arremo: :nooemo: :nooemo: :arremo:

P.S. Alfpaip, complimenti per il giro 'fuori sentiero'. Spettacolare. :lovemo:
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 820
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda alverspir » 29/08/2017, 15:35

ONURB ha scritto:bravissimo.......esplorazione fuori sentieri.....il top per l'escursionista "evoluto" .....questo,per me ,significa andar per monti........non serve essere alpinisti da quarto grado in su....conta lo spirito e la voglia d'avventura......
P.S. per fortuna che fai poche escursioni altrimenti fra te e i Blitz ci vuole mezz'ora a passar le foto scattate e postate........scherzo naturalmente..... :P


Bravi fioi. Cmq quoto in tutto Onurb, anche sulle foto...
Avatar utente
alverspir
 
Messaggi: 1592
Iscritto il: 08/11/2011, 13:09
Località: Favaro Veneto VE

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda Blitz » 29/08/2017, 20:35

Eh Michele, Bruno, e pensate che siamo solo in due a fare report cosí :lol:
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: Sentiero Paola - Crepe di Lausa, Catinaccio

Messaggioda alfpaip » 30/08/2017, 0:10

Sì, però io faccio tre giri all'anno... come numero totale di scatti in una stagione, secondo me non entro nemmeno nella top ten... :D
alfpaip
 
Messaggi: 613
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Prossimo

Torna a Escursionismo-Trekking

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti