Strada Sanmarchi

Percorsi non attrezzati,su roccia od in ambiente Alpinistico.

Strada Sanmarchi

Messaggioda alverspir » 15/09/2013, 11:43

Ciao Bruno!
Ti devo qualche parola, in attesa della relazione compelta in ogni particolare (gallery compresa).
Il tratto Muatti-Voltolina + Cengia del Doge, che poi corrisponde al secondo tratto della Strada Sanmarchi, è in effetti il più tosto ed impegnativo di tutte le Marmarole. Se il primo tratto (Tiziano-Musatti) lo si considera un bel percorso ma dove appoggi solo i piedi e lo risolvi in poche ore (tra biv. e biv.) il secondo è qualcosa di grande.
Abbiamo avuto fortuna (previe info e accertamenti vari) nel non trovare neve nè tantomeno vetrato sulla via. Direi che in qualche caso le temperature basse hanno 'impaccato' alcuni tratti di ghiaie in discesa dandoci una migliore stabilità sotto i piedi.
Al bivacco dopo il tramonto siamo rimasti sugli 0° ma la fortuna di aver trovato ottima legna presso la sorgente (albero caduto e semi frantumato) prima del biv., ci ha dato modo di avere per qualche ora un fuoco nel... caminetto artigianale dietro il rifugio; siamo riusciti a cenare e ad arrivare alle 21 circa all'esterno, cosa piacevole oltre che suggestiva.
Tornando alla Sanmarchi direi due cose:
- se non nevica e le temperature restano su questi livelli la via è pulita e potrebbe essere fattibile ancora per 15 gg.
- il tratto incriminato (il traverso): senza ombra di dubbio se vi fosse del vetrato sarebbero ca**i acidi! E' un tratto (subito dopo forc. Croda Rotta) in ombra per tante ore e ci sono circa 50 metri sprotetti, inclinati e... gradevolmente esposti, seguiti da un tratto più breve su placche levigate ma con fune e poco oltre un altro tratto di circa 20 metri sprotetto su esili passi in cengia col solito ghiaino. In condizioni d'asciutto si fa con calma e con occhio. Con bagnato, neve o vetrato diventa 'na rogna.
Abbi pazienza e buttò giù la relazione.
Una ultima cosa: la Strada Sanmarchi per chi fa montagna è assolutamente da fare.
:maaemo: :maaemo: :maaemo:

alcune istantanee:
IMG_1838.JPG
lo sherpa giustamente per il nome si porta parte della legna al bivacco...
IMG_1838.JPG (241.03 KiB) Osservato 3278 volte

IMG_1864.JPG
il caminetto del bivacco Musatti e sullo sfondo i Cadini
IMG_1864.JPG (162.17 KiB) Osservato 3278 volte

IMG_1873.JPG
si tira notte attorno al fuoco
IMG_1873.JPG (243.26 KiB) Osservato 3278 volte
Avatar utente
alverspir
 
Messaggi: 1592
Iscritto il: 08/11/2011, 13:09
Località: Favaro Veneto VE

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda alverspir » 15/09/2013, 11:46

solo altre tre...
IMG_1888.JPG
sotto il Mescol di prima mattina...
IMG_1888.JPG (226.76 KiB) Osservato 3277 volte

IMG_1903.JPG
sherpa in perlustrazione visiva...
IMG_1903.JPG (234.48 KiB) Osservato 3277 volte

IMG_1974.JPG
x Bruno: il traverso trovato pulito...
IMG_1974.JPG (224.99 KiB) Osservato 3277 volte
Avatar utente
alverspir
 
Messaggi: 1592
Iscritto il: 08/11/2011, 13:09
Località: Favaro Veneto VE

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda ONURB » 15/09/2013, 12:23

......................l'ho visto adesso questo post................ti ho risposto e fatto una domanda prima dall'altra parte....................................adesso che ho visto la foto ho capito........e' un traverso su roccia.......................si puo ' fare.........................Alver quando prima o poi ci rivedremo.......hai birra media pagata...............come minimo........................................sei un grande..................ciao.................
"se rampega prima con la testa,dopo con i pei e solo alla fine con le man" (B.Detassis)
ONURB
 
Messaggi: 777
Iscritto il: 08/11/2011, 18:50
Località: Verona

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda alverspir » 15/09/2013, 14:59

ONURB ha scritto:...............mi sa che faro' il canalone in salita e la stella alpina in discesa:potrebbe essere un'idea valida? ) ..............................e l'Antelao ........................chiassa' che non riesca a farne qualcuna..................

Per la Stella Alpina neanche a parlarne, vale la pena farla in salita e direi più sicura. Per il rientro basta andare cauti sul canalone, non credo ti manchi la gamba per farlo con sicurezza... e con testa.

p.s. Sanmarchi: il traverso (e anche quello successivo più corto) è essenzialmente su roccia ma nei primi metri coperto di ghiaino; probabbilmente ad inizio stagione ce ne sarà di più. Prima della fune c'è più roccia ma a tratti sempre sporco.

p.s. Antelao: metti mai che il prox anno ci facciamo una somarata al Galassi ed allora ti invitiamo...
Avatar utente
alverspir
 
Messaggi: 1592
Iscritto il: 08/11/2011, 13:09
Località: Favaro Veneto VE

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda Blitz » 15/09/2013, 21:43

Penso sia superfluo dire che mi aspetto una relazione coi controfiocchi :okkemo:
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda SHERPA61 » 16/09/2013, 6:21

Vorrei chiosare la “sanmarchi” (o anche “sanMARKKNOPFLER”….come mi ha suggerito Enrock.. :lovemo: ) con due tre annotazioni tecnico-logistico-antropologiche:

Onurb : Bruno, non dire stupidate su Stella Alpina e simili…..tu hai tutta l’esperienza per farti “tranquillamente” la Sanmarchi….so che giri hai fatto gli ultimi anni…..solo premurati di verificare che ci siano già passati e non ci sia ghiaccio sul giro…

Sanmarchi : Alver ha già detto tutto, e la relazione sarà il viatico per chi la vuole percorrere, personalmente vorrei solo aggiungere che al di la del traverso di cui alle preoccupazioni di Onurb, anche i ripidissimi verdi iniziali (parzialmente attrezzati) fino a forc. Medol non sono da sottovalutare, e inoltre è decisamente pericoloso il transito a Forc. Vanedel, in quanto la stessa è alla fine di una discesa nella quale è praticamente impossibile non scaricare una caterva di sassi, che vengono convogliati dal colatoio proprio e direttamente sulla forcella; noi ci siam compattati tutti in 4 metri e siam scesi e risaliti dalla parte opposta col turbo, proprio perché prima di scendere in forcella con l’attrezzato, e pur camminando “sulle uova”, ognuno aveva mandato giù la sua bella carriola di sfasciumi.
Considerato l’accesso al Musatti, il tipo di percorso ecc……è obbligatorio (a mio avviso) arrivare qui con una gran gamba….e…con degli scarponi di cui ci si fidi ciecamente…..non è un giro da “scarpe approach”..

Enrock-Serena-Luck : sti Somarelli qua continuano a stupirmi……sanno camminare…..sul difficile-rotto-sporco….il terreno più difficile, infido e pericoloso si trovi in Montagna; hanno un’umiltà estrema, e la capacità di passare dalla battuta-cazzata-scherzo al silenzio-concentrazione assoluti sui passaggi difficili-pericolosi…….bravi bocie……bravi....

Muress : con Alver abbiam deciso di fare un pubblico plauso al Maurizio-Muress perché anch’esso ha fatto la sua parte, in primis volendo con tutte le forze questo grande giro…….e poi perché si è dimostrato adeguato allo stesso; dal 17.10.2009 quando l’ho conosciuto con Antico sul Sengio Alto ne è passata di acqua sotto i ponti……altra dimestichezza con l’attrezzato….altri scarponi….altro Muress..!!…..bravo.

Alverspir : beh….è un grande.:!!.. :vekemo:
….con il folletto…..far Montagna è una gran cosa; tra di noi c’è una stima-fiducia reciproca che ha avuto la sua genesi “sul campo”, e personalmente (essendo uno che ha sempre camminato in solitaria, proprio per non “inquinare”) trovo il suo approccio-filosofia alla Montagna perfettamente in linea con le mie idee; è umile…minuzioso nel preparare il giro, …studiamo nel dettaglio le escursioni, in divenire ci confrontiamo sulle scelte da fare, siamo sempre in sintonia sulle stesse, basta una sguardo per intenderci….(quello di sabato sulla forcella Croda Rotta….!!??...quando avevamo “capito”..); non ha MAI un atteggiamento da “sapiente” come deve essere in Montagna……mentre i bocie camminano e fanno la loro parte, noi cerchiamo di evitare ogni tipo di errore……e alla fine…..quando siamo con le gambe a pezzi verso l’auto….ci confrontiamo ancora sul come e cosa abbiam fatto di giusto o meno…..si…..grazie Alver….(e grazie Arterio).

e per finire.....

:maaemo: :maaemo: :maaemo: :maaemo: :tieemo:
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1160
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda Storm Sentry » 17/09/2013, 11:57

che bello...



Mauro...secondo te io ce la posso fare a farla...? (sempre con calma) o è meglio che aspetto ancora un po'?
Arrivi in cima dopo aver rinunciato a tutto quello che credevi necessario alla sopravvivenza e ti trovi solo con la tua anima.In quel vuoto puoi esaminare,in un'ottica diversa,te stesso e tutti i rapporti e gli oggetti che fanno parte del mondo
Avatar utente
Storm Sentry
 
Messaggi: 1513
Iscritto il: 03/11/2011, 10:29
Località: Belluno

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda SHERPA61 » 17/09/2013, 17:30

allora Storm........non è che aspettando e basta prima o poi puoi fare una cosa...no?
io ti ho visto li sulle ferrate dei falchi e poi alla Sega....
quest'anno hai alzato il tiro....e fatto delle belle ferrate, ma l'"attrezzato" centra poco con la Sanmarknopfler.....nel senso che quello che c'è lo fai tranquillo.....e sul "libero" che ti devi gestire.
devi cominciare ad andare sul rotto....sul brecciolino....su quei terreni li di merda........devi andare sull'esposto sprotetto e marcio......
tipo...che ne so......comincia a fare lo "Zandonella"....oppure il sasso vernale.....o la normale alla creta delle chianevate.....prima di fare una Sanmarchi, che di per se non è difficilissima in senso alpinistico, ma la gente come dice il Fedi si ammazza sui gradi facili.....tanto più se sono sprotetti e sporchi...
insomma......apprezzo l'entusiasmo....ma cavolo...non è che appena una dice che vuole fare una cosa (Pale di san martino..??) tu ti ci butti dentro......
abiti sotto le montagne.......vai su e giù per un po' di monti......
magari una volta vieni a farti l'alta via dei rondoi.......quello è un buon terreno......di confronto.....
oppure andiamo a forcella duranno e sulle cime centenere.....giusto per cominciare prender confidenza...
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1160
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda muress » 17/09/2013, 19:42

Ebbene c'ero anch'io a fare la Strada Sanmarchi. Ne approfitto per ringraziare pubblicamente i compagni d'avventura che mi hanno fatto vivere un'esperienza unica in un ambiente che più bello non si può. Erano anni che aspettavamo il momento giusto per percorrerla e, finalmente, dopo rinvii su rinvii ci siamo riusciti. Le condizioni erano veramente perfette, non troppo caldo, non troppo freddo, sole sempre, niente neve o vetrato, praticamente nessuno in giro a parte noi e un gruppetto di spagnoli che ci seguiva ad un'oretta di distanza. Per me un'ottima conclusione del programma montano 2013.
Alcune considerazioni tecniche. La Sanmarchi non è una via ferrata! Sia chiaro. Ci sono tratti attrezzati, mai banali, ma sono solo una parte del tutto. E' una via a carattere prettamente alpinistico, con passaggi su terreni di vario tipo, dall'attrezzato allo sfasciume, dall'erba alla paretina infida di primo, dalla cengia esposta al traverso ancora più esposto, dal sentiero normale al canalone friabile e maledetto. Insomma c'è tutto.
Per le mie capacità non l'ho trovata mai eccessivamente difficile, almeno dal punto di vista puramente tecnico. I problemi maggiori sono dati dall'ambiente severissimo, dalla lunghezza, dall'isolamento, dal continuo saliscendi, dal continuo pericolo di smuovere sassi e, non ultimo, dal fatto che devi organizzarti molto bene prima, perché i punti di appoggio non sono i comodi rifugi o gli alberghi tranquilli di fondovalle o, men che meno, una funivia.
Sul famoso passaggio di 50/60 metri dopo forcella di Croda Rotta.....io devo ammettere che, se non me lo avessero scritto e riscritto sulle guide, non mi sarei manco accorto che era uno dei più delicati (ho avuto ben più difficoltà nel successivo canale franoso).....ma perché non c'era traccia di neve . Col vetrato e con il ghiaccio invece diventano cazzi, ma non solo nel passaggio dopo forcella di Croda Rotta, bensì in tutta la via.
Insomma bella gente, un'esperienza unica. Montagna vera che più non si può. Da fare e rifare. E chi lo sa che non la ripeta negli anni venturi..... magari iniziando dal Tiziano.
muress
 
Messaggi: 471
Iscritto il: 10/11/2011, 14:04
Località: Rimini

Re: Strada Sanmarchi

Messaggioda Storm Sentry » 18/09/2013, 9:04

Grazie Mauro per il consiglio!
immaginavo che fosse "un po' troppo in là"...ma con calma voglio iniziare a fare il grande passo "dal cavo allo sbifido"

cmq sì volentieri...ci sentiamo!!!! ;)
Arrivi in cima dopo aver rinunciato a tutto quello che credevi necessario alla sopravvivenza e ti trovi solo con la tua anima.In quel vuoto puoi esaminare,in un'ottica diversa,te stesso e tutti i rapporti e gli oggetti che fanno parte del mondo
Avatar utente
Storm Sentry
 
Messaggi: 1513
Iscritto il: 03/11/2011, 10:29
Località: Belluno

Prossimo

Torna a Arrampicata ed Alpinismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 2 ospiti

cron