Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Percorsi non attrezzati,su roccia od in ambiente Alpinistico.

Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda MOTP » 27/06/2018, 11:03

Ooooh finalmente arriva l'estate, non ne potevo più, finalmente si torna in montagna. è vero, dovrei studiare per la maturità ma chi resiste ad un bel giro in montagna? soprattutto ad inizio stagione? è così che un paio di settimane fa decido con il vecchio di affrontare una facile via di roccia giusto per rispolverare un po' le cose.
Direzione: Val Canali
Arriviamo in valle non troppo presto, è la seconda volta che in tempi recenti mi trovo qui, da piccolo mi portavano spesso ma non ero in grado di percepire la bellezza delle crode circostanti; l'anno scorso invece ero salito al bivacco Minazio ma la giornata era piovosa e non si vedeva granchè. oggi la maestosità del luogo mi lascia stupefatto, in paricolare Sass Maor e sass D'ortiga.
Una volta arrivato la valle mi accoglie così :lovemo:

Immagine

Immagine

Immagine
Pale del Rifugio e Sass d'Ortiga


Iniziamo subito a camminare dal parcheggio di Malga Canali, prima per mulattiera e poi per un sentierino, consigliato dalla segnaletica, che si tiene dalla parte opposta del torrente ma che non sale di quota. Arrivati in fondo alla valle inizia la vera salita verso il Rifugio Treviso, una dozzina di lunghi tornanti non troppo impegnativi conducono in circa 20 minuti al rifugio. si tratta del rifugio della mia città ed anche se è la prima volta che lo raggiungo mi sento comunque un po' a casa.
non ci fermiamo troppo al rifugio, subito imbocchiamo un sentiero che dopo pochi metri ci accorgiamo essere quello che sale a Forcella D'oltro e non a Forcella delle Mughe, poco male, dietrofront e becchiamo subito il sentiero giusto. Il Dente del Rifugio è chiaramente sopra di noi e vediamo già qualche cordata impegnata nelle varie sue vie.
(scoprirò nel pomeriggio che in zona è attivo un corso cai, per fortuna però loro salivano la Punta della Disperazione)
Fatichiamo più del dovuto a raggiungere l'attacco visto un fraintendimento della relazione che pareva indicare soli 5 minuti dal Rifugio :mmemo:
Aaaah questa relazione, ci farà dannare per tutto il giorno...
Comunque... dopo un po' raggiungiamo la base dello zoccolo del Dente, la nostra via è quella più a sinistra, all'attacco troviamo già una cordata composta da due simpatici signori/giovani che ci terranno compagnia per il resto della via. Meglio così, è la prima mia via da capocardata, e la prima in ambiente dopo il corso di alpinismo dell'anno scorso, quindi un po' di sicurezza non fa male.
dopo aver ripassato un po' di manovre con il vecchio, che poveretto il corso l'ha fatto 10 anni fa e non è che ha arrampicato molto in questi anni, saliamo la prima parte dello zoccolo, ancora slegati viste le basse difficoltà e l'alta concentrazione di mughi..

Immagine

Immagine
Roccette e mughi all'attacco

Raggiungiamo l'altra cordata alla base di un caminetto di 3° dove decidiamo di legarci, facciamo così un primo tiro di 60 metri, con non pochi attriti, fino all'attacco vero e proprio.

Immagine
Caminetto di 3°

Immagine
Vista sulla Cima dei Lastei

Da qui inizia il calvario, l'altra cordata ci precede ma non sembra interpretare bene la relazione, almeno a mio parere, infatti ci accorgeremo poi che i vari tiri non sono stati rispettati appieno, io cercherò di correggere già dal 2° tiro ma anche la chiodatura della via non aiuta: fittoni resinati e soste a spit sono sparsi un po' ovunque, non solo nei punti di sosta, quindi sbagliare è facile. Ad ogni modo raggiungiamo la sosta della fine del 1° tiro sotto un camino di 4° grado, lo salgo e sosto appena sopra per cercare di aggiustare la via.

Immagine
Camino-fessura di 4°

Ora proseguo per una parete di 3°/4° con ottimi appigli e divertentissima arrampicata. è proprio vero che la roccia delle Pale è eccezionale, inoltre la via è ricca di clessidre che offrono maggiore sicurezza, davanti a me si staglia la grande parete della Pala del Rifugio, mi ha proprio incuriosito, un giorno spero di salire una delle sue vie. Senza troppe difficoltà raggiungiamo gli ultimi 2 tiri. il penultimo lo faccio quasi senza protezioni, la mente e il corpo vanno con sicurezza e non sento il bisogno di fermarmi a cercare clessidre o fessure per protezioni, la roccia è ottima e mi sembra di volarci sopra. Tutto ciò mi è anche concesso dalle difficoltà non troppo elevate. Arrivo alla penultima sosta su un bel terrazzino sotto la parete finale. A questo punto della via abbiamo superato l'altra cordata che è appena dietro di noi e mi trovo quindi a prendere le redini del gioco. Parete di 3°, fessura di 4° e roccette finali mi portano in vetta, gioioso mi alzo in piedi sulle rocce sommitali dove approfitto di uno spuntone per recuperare il vecchio. La cima da una bella vista sulla valle e sulle cime circostanti, inoltre dietro di noi si staglia uno strano gendarme a forma di fungo che pare stare in piedi per miracolo. :shock: :shock:

Immagine

con un tiro di 4°+ si portebbe salire anche lui ma noi decidiamo di scendere direttamente il sentierino che porta alla forcella tra Dente e Pala del Rifugio, da dove, passando in un buco sotto un grosso masso, troviamo la prima delle tre catene per le calate in doppia nel canale verso il Vallone delle Mughe, tutte e tre da 20-25 metri.
Atterriamo nel fondo del vallone dove le cordate cai, anche loro in discesa, stanno facendo un gran baccano muovendo molti detriti.. :?

Immagine
Vallon e forcella delle Mughe


Il colpo d'occhio sul Sass d'Ortiga è spettacolare, le sue due cimette con un enorme masso incastrato in mezzo attirano e spaventano allo stesso tempo. In poco tempo ritorniamo all'attacco della via dove recuperiamo un po' di cose che avevamo lasciato e scendiamo velocemente al parcheggio.
Questa giornata mi ha fatto innamorare ancora di più delle Pale, è la mia terza avventura qui e non vedo l'ora che arrivi luglio quando avrò l'occasione di attraversarle da nord a sud con la tenda. Per ora è uno dei miei gruppi dolomitici preferiti. Il ruolo di capocordata inoltre mi ha fatto acquisire molta più sicurezza con la croda, l'anno scorso da secondo sulle stesse difficoltà (Torre pian dei Buoi) ero nel panico e azzeravo passaggi di 4°, oggi da primo sul 4° ci volavo sopra, la soddisfazione personale è enorme.

Chiudo con un pensiero, solo due parole: trovo sia un gran peccato che utenti molto apprezzati per i loro racconti non scrivano più nulla delle loro uscite. Personalmente mi divertivo molto a leggerli ed erano spesso spunti per inventare qualcosa di nuovo da girare. Spero che, se leggeranno, torneranno a fare quello che facevano una volta.. Magari è solo la fine di un ciclo, ma in tal caso mi piacerebbe spendessero due parole a riguardo.
Un saluto, Mattia
MOTP
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 16/10/2016, 13:44
Località: Treviso

Re: Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda fudos » 27/06/2018, 16:27

wwwooowww complimenti per la gita, e soprattutto grazie delle foto :naaemo: :naaemo:
Avatar utente
fudos
 
Messaggi: 1317
Iscritto il: 03/11/2011, 7:45

Re: Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda FaFo » 27/06/2018, 19:17

Bella MOTP!
Anche se è una salita alpinistica che non sarei in grado di fare (e nemmeno mi interessa provarci) o letto volentieri la relazione. Belle foto: io amo quelle zone. :lovemo:
PS:h
FaFo
 
Messaggi: 305
Iscritto il: 21/08/2014, 20:11
Località: Terme Euganee

Re: Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda dokkodo54 » 27/06/2018, 21:58

Bravo MOTP, bel racconto e complimenti per la tua salita da capocordata.
Quando sali da primo cambia tutto, ed è così che impari veramente a muoverti in roccia.
Continua così e continua a farci partecipi delle tue emozioni.

Buone Montagne,
dokkodo
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda MOTP » 28/06/2018, 12:45

Grazie a tutti!
Dici bene Dokko, da capocordata è un'esperienza completamente diversa
MOTP
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 16/10/2016, 13:44
Località: Treviso

Re: Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda alfpaip » 30/06/2018, 11:11

Complimenti motp, per il racconto e l’esperienza... (anche se, uhm beh pffff, il dettaglio delle poche protezioni potevi tenerlo per te ;) )

La Val canali è meravigliosa, mi dispiaccio sempre di averla frequentata così poco...prima o poi tornerò, almeno per quel sass d’ortiga che mi aspetta da tanto tempo...

A proposito, non so se io sono uno di quelli a cui ti riferivi, che non raccontano più i loro giri... ad ogni modo, per quanto mi riguarda, non racconto nulla perché nulla faccio... questa stagione dovrò trascorrerla da spettatore, mio malgrado...

Buone montagne!
alfpaip
 
Messaggi: 609
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Re: Dente del Rifugio - Spigolo Franceschini

Messaggioda MOTP » 30/06/2018, 19:59

Tranquillo alfpaip, mi riferisco abbastanza in generale ad utenti che hanno smesso di frequentare il forum perché da come appare, stanchi del clima che si respira qui dentro (è una mia impressione, non dico che sia la realtà). La mia non è una critica o un giudizio, solo un invito a pensarci e a tornare.
In ogni caso mi ha sempre fatto piacere leggere i tuoi racconti, spero non sia nulla di grave che ti costringe a saltare la stagione
MOTP
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 16/10/2016, 13:44
Località: Treviso


Torna a Arrampicata ed Alpinismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron