I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Percorsi non attrezzati,su roccia od in ambiente Alpinistico.

I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda Blitz » 17/09/2017, 21:41

Orti di Tofana, Cima Formenton e Tofana III

A luglio io e il boss abbiamo lasciato un conto in sospeso, un conto con Cima Formenton, che ci ha respinti con una parete che non ci aspettavamo.

È ora di saldarlo.

In aggiunta, en passant, il boss mi racconta che ci sarebbe un vecchio sentiero militare che dallo sbocco del Vallon di Ra Ola sale dritto per dritto agli Orti di Tofana: è il Sentiero dei Due Alberi, quello che due anni fa avevo cercato, erroneamente, sul versante opposto del Vallon Ra Ola!
La cosa mi imp'ttanisce forte, sono ancora a in vacanza a Cortina e vengo da una settimana esaltante in cui ho passato piú tempo per monti che altro, mi sento carico sia fisicamente sia - soprattutto - psicologicamente, guardo i dislivelli e gli dico che vorrei incastrarlo col nostro giro.
"Blitz, guarda che io ho visto solo la primissima parte, non so che condizioni troveremo su, sicuro di sentirtela?"
SI

controllo meteo: il 21/22 agosto sarà bello, freddo in quota ma bello, perfetto per andare 8-)

Lunedí 21, ormai mojiti e rum-cooler del weekend sono smaltiti, sveglia presto, anzi mi sveglio io prima che suoni, mi vesto, zaino già pronto, via verso Fiames.

Cappuccino al bar dell' albergo
Arriva il boss: ANDIAMO

Ci incamminiamo lungo la strada della Val di Fanes

Immagine

strada che ormai è la terza volta in neanche due anni che percorro fino a Ponte Alto e da qua, per Ponte dei Cadoris, fino a in Po Ra Ola, dove si staccano i sentieri 401 per la Val Travenanzes, 407 per il Vallon di Ra Ola, e 409 verso Passo Posporcora

Immagine

Imbocchiamo il 407, e dopo alcuni metri, "DI QUA" mi fa il boss.
È il Sentiero dei Due Alberi! :naaemo:
Iniziamo ad inerpicarci lungo la traccia di sentiero che si infila dritta nel bosco

Immagine

di tanto in tanto dei vecchi bolli gialli confermano la strada

Immagine

Il sentiero sale tranquillo, com' è giusto che sia un sentiero militare di arroccamento, ma bisogna stare attenti doppiamente: in primis per non perdere la traccia, e poi per non impigliarsi nei resti di qualche reticolato, vere e proprie trappole

Immagine

Immagine

Uno addirittura lo troviamo a metà altezza di un albero :shock:

Immagine

Quando il bosco si apre un attimo, permette di godersi Taè, Taburlo e Croda Rossa :lovemo:

Immagine

Immagine

Raggiungiamo un bivio e prendiamo a destra verso una cengia

Immagine

subito troviamo i primi resti dei baraccamenti italiani

Immagine

Questa cengia, apparentemente una come tante, ha una storia molto particolare.
La parte orientale, accessibile da Ra Ola col Sentiero dei Due Alberi, era controllata dagli Italiani, mentre la parte occidentale, accessibile dalla Val Travenanzes, era controllata dagli Austro-Ungarici, con le rispettive posizioni di guardia molto vicine.
Nella zona vigeva una sorta di armistizio tra le due parti, arrivando al punto che gli ufficiali dei due eserciti si facevano reciprocamente visita per bere un caffè e scambiare due chiacchere, e nell' inverno 1916/1917 addirittura l' ultimo albero rimasto fu tagliato da un italiano ed un austriaco dividendosi poi la legna per riscaldare le rispettive baracche.
Armistizio che terminò improvvisamente nell' estate successiva: un ufficiale austriaco, in pausa caffè nella baracca italiana, fu preso prigioniero per ordine del nostro comando, deciso ad interrompere questo poco ortodosso modus vivendi (probabilmente non apprezzato neanche dai comandi austriaci): per ritorsione la sera del 28 agosto di un secolo fa gli austriaci attaccarono le posizioni italiane della cengia: una pattuglia frontalmente, una pattuglia da dietro inerpicandosi per le pareti sovrastanti, e una pattuglia martellandole dall' alto con bombe a mano, il tutto coadiuvato da un bombardamento di artiglieria dal Vallon Bianco.
Il risultato fu la cattura della guarnigione italiana, anche se rimaneva la spina nel fianco costituita dalla cima degli Orti.
(racconto dettagliato in Guido Burtscher, GUERRA NELLE TOFANE, Lint Trieste ripreso poi da Luciano Viazzi, LE AQUILE DELLE TOFANE, Mursia)

Arriviamo all' imboccatura della caverna italiana

Immagine

I segni della battaglia si vedono ancora: è tutto disseminato di schegge dei proiettili di artiglieria e di bombe a mano cileccate

Immagine

Proseguiamo lungo la cengia

Immagine

una rete

Immagine

un chiodo da roccia con attaccati i resti di un cavo metallico

Immagine

altri resti di ordigni e proiettili

Immagine

una scatoletta di carne di cui si intravvede ancora la scritta

Immagine

Arriviamo all' altro imbocco della caverna

Immagine

una mensola fa capolino con uno degli isolatori telefonici in porcellana ancora al suo posto

Immagine

Andiamo avanti, adesso la cengia si fa esile, il boss vuole che mi leghi, sfruttiamo chiodi e spit piantati probabilmente da chi ha segnato i bolli gialli anni fa

Immagine

arriviamo ad uno spigolo: in fondo, sulla parete, c' è un ponticello del sentiero austriaco ancora in piedi :shock:

Immagine

e girato lo spigolo compare il posto di guardia austriaco

Immagine

dritto davanti a noi invece, la Val Travenanzes con la muraglia di Castello e Casale

Immagine

Qua la cengia è interrotta da un breve salto, che durante la guerra era attrezzato probabilmente con una scaletta, di cui si trovano ancora gli ancoraggi e un palo di legno

Immagine

Immagine

Raggiungiamo la baracca: è mezza crollata, ma una mensola è ancora al suo posto!

Immagine

Il boss mi fa una sosta e mi concede un po' di metri di "autonomia" mentre armeggia con le corde

Immagine

ne approfitto per curiosare intorno alla baracca

Immagine

Mi avvicino al ponticello

Immagine

Sembra leggermi nel pensiero: "NON PENSARCI NEANCHE!"
Effettivamente, quell' affare non da chissà che garanzie, manca solo che si spacca e mi ci incastro dentro...

Bon, torniamo sui nostri passi lungo la cengia

Immagine

mentre la Croda Rossa ci guarda sorniona

Immagine

Arriviamo al bivio di prima, e riprendiamo a salire il Sentiero dei Due Alberi seguendo i bolli gialli

Immagine

stupendo, usciti dalla vegetazione il sentiero va su per ghiaie!

Immagine

Immagine

Una breve cengia ci porta verso le pareti sopra il Vallon di Ra Ola

Immagine

Dall' altro lato del vallone si vede una serie di postazioni, quasi sospese sulla parete, che controllavano questo sentiero

Immagine

Immagine

postazioni a occhio non del tutto abbandonate :lol:

Immagine

Questa cengia purtroppo segna anche la fine delle gioie e l' inizio delle tribolazioni: i bolli gialli non si trovano piú, fagocitati dalla selva di mughi :piaemo:

Iniziamo ad inerpicarci dritto per dritto, seguendo la linea di massima pendenza, i bastardi si fanno sempre piú fitti e piú alti, ad un certo punto questo è quello che vedo camminando

Immagine

Adesso ho capito a cosa si riferiva il boss dicendomi "non so che condizioni troveremo su"... a tratti per vederci reciprocamente dobbiamo agitare i rami...
In un momento di mughi meno asfissianti, il boss si gira e vede la faccia della disperazione, mi sto domandando dove caxxo sono andato a infilarmi e chi caxxo me l' ha fatto fare :botemo:
Sti infami mi stanno demolendo, sia psicologicamente che fisicamente, salire è un' agonia :?
ne sto tirando tante che il boss è quasi tentato di buttarmi di sotto, non ha tutti i torti, mal che si vuole...

Immagine

Incredibilmente, dopo un tempo che mi è sembrato un' eternità, ci appare davanti un' apertura

Immagine

e ritroviamo i bolli gialli

Immagine

ritroviamo anche una traccia di sentiero

Immagine

che ci porta ad uno spiazzo dove una vecchia trave conferma che siamo sulla strada giusta

Immagine

CIMA IN VISTA!!! :naaemo: :naaemo: :naaemo:

Immagine

ci portiamo sotto le pareti

Immagine

e raggiungiamo una cengia che corre giusto sopra il Vallon di Ra Ola

Immagine

Un reticolato ci da il benvenuto in zona di opreazioni

Immagine

seguito da una clip da fucile italiana

Immagine

eccoci: siamo ai resti del villaggio che sorgeva in cima agli Orti di Tofana!

Immagine

Postazioni, trincee e caverne qua si sprecano... per prima ne visito una che sorvegliava il Taè

Immagine

Immagine

Immagine

seguo il camminamento

Immagine

un' altra postazione sorveglia le provenienze dalla Cengia Paolina

Immagine

poi una galleria, dedicata al Maresciallo Giorgio De Marco dalla 4ª Sezione Mitragliatrici del Battaglione Cadore del 7° Rgt. Alpini

Immagine

Immagine

Purtroppo non abbiamo tempo per esplorarla: ne abbiamo perso troppo con quei cavolo di mughi e ne abbiamo appena per mangiare un boccone.
Questa volta niente pompelmo & barretta, mi sparo un panino formato famiglia 8-)

Il panorama intorno è stupendo, ma su tutto e su tutti è la Croda Rossa a tenere banco, guarda che bestia :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Giusto il tempo della sigaretta e di due foto, e il boss mi fa cenno di rimettersi in marcia: in 5 ore, tra digressione alla cengia e battaglia coi mughi, abbiamo fatto a malapena 600 metri di dislivello: ce ne mancano altri 1000, anche se da qua la strada ormai la sappiamo ed abbiamo pure un bel margine di tempo per eventuali problemi, un buon 70% di tempo in piú.

Bene, via in marcia, puntando alla cresta che collega gli Orti con il Formenton

Immagine

Scendiamo un breve saltino un attimo schifido

Immagine

poi via sotto la splendida cresta, una delle piú belle che abbia mai visto :lovemo:

Immagine

Bella e bizzarra, guarda che razza di conformazioni 8-)

Immagine

Raggiungiamo il sentiero della Cengia Paolina: lo percorriamo per un breve tratto, poi, dove questo gira a sinistra per scavalcare la cresta, noi tiriamo dritto

Immagine

La traccia è abbastanza evidente

Immagine

e anche in sua assenza, basta puntare alle postazioni che avevamo visitato a luglio, ora ben visibili

Immagine

Ci riportiamo sulla linea di cresta: sotto di noi le bizzarre formazioni che contornano il Vallon di Ra Ola, sullo sfondo Il Cristallo, seguito da Sorapiss e Antelao :lovemo:

Immagine

Immagine

Praticamente al culmine, quasi sulla verticale di Forcella de Ra Ola, raggiungiamo una postazione ricavata in una delle tante bizzarre formazioni che caratterizzano la zona

Immagine

sul retro c' è una targa in cemento ottimamente conservata della 150ª Compagnia del Battaglione Antelao

Immagine

Era la compagnia dell' allora giovane capitano Luigi Reverberi, divenuto poi famoso quasi trent' anni dopo - col grado di Generale di Divisione, al comando della Tridentina - per aver rotto l' accerchiamento sovietico a Nikolajewka portandosi davanti a tutti, saltando su un carro armato tedesco (uno dei pochi rimasti) ed incitando i suoi Alpini gridando il famoso TRIDENTINA, AVANTI! divenuto poi il motto dell' unità.
Con questa battaglia riuscí a portare in salvo gli Alpini della sua divisione (ancora compatta ed in grado di combattere) piú qualche migliaia di soldati italiani e tedeschi sbandati durante la rottura del fronte e la disastrosa ritirata.

Torniamo a noi, superata la postazione, cominciamo a camminare lungo una distesa di ghiaie che ci porta praticamente sopra il Ricovero Franceschini-Domini: ci siamo ricollegati con il sentiero di cresta del Formenton, la bestia è la davanti che ci aspetta

Immagine

Il passaggio sul versante cortinese viene salutato dai Colossi che ci danno il benvenuto: Sorapiss e Antelao sono sempre stupefacenti :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Immagine

ma chi si distingue per imponenza è il Pelmo, che sembra quasi volersi mangiare la stazione della funivia di Ra Vales :shock::shock::shock: :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

alle spalle, Croda Rossa, Taburlo and friends 8-)

Immagine

Cominciamo a risalire il percorso dell' altra volta

Immagine

adesso la strada la sappiamo, non perdiamo tempo divagando per le postazioni ed andiamo via abbastanza spediti, anche se la stanchezza si fa sentire e sto rallentando visibilmente, pur tenendo un passo ancora decente

Immagine

Immagine

Arriviamo alla cengia dove l' altra volta ero andato in blocco: questa volta non mi fa alcun effetto 8-)

Immagine

Anche se ci siamo già passati, le sorprese non mancano: è la volta della spoletta di una bomba

Immagine

ghiaione, passiamo sotto parete, altra cengia ed arriviamo al canalino dei tornanti picconati

Immagine

Lo saliamo, e mentre il boss prepara l' armamentario, mi godo la vista verso Rondoi, Baranci e Tre Scarperi, che da qua sembrano un' unica muraglia :lovemo:

Immagine

Sale il boss, questa volta abbiamo i trucchi per mettere le protezioni

Immagine

Salgo anch' io.
FINALMENTE
Siamo sulla cresta sommitale! :naaemo: :naaemo: :naaemo:

Immagine

Le rogne sono finite, da qua sarà solo un andar per ghiaie su e giú per la cresta fino a Cima Formenton.
Lascio andare la tensione, mi rilasso.
Non avrei potuto fare una caxxata peggiore :sbaemo:
Era stata proprio la tensione a farmi andare avanti, calata lei mi investe la stanchezza...
Probabilmente in questa settimana esaltante non mi rendevo conto di chiedere troppo al mio fisico, non abituato a stare cinque giorni su sette a ravanare, troppo poco riposo, giri pesanti, e adesso la mazzata della guerra ai mughi che mi ha consumato il grosso delle energie.
Mi sento improvvisamente sfinito, se prima, a passo lento, andavo comunque avanti, adesso invece è un penoso strascicarmi.

Il boss cerca di incitarmi e farmi forza, io non voglio mollare proprio adesso, dopo tutto quello che abbiamo passato, costi quel che costi, so che sto erodendo anche il pur ampio margine che avevamo, mi basta arrivare a Cima Formenton per il tramonto, poi da là è un facile sentiero fino in forcella, e poi un breve tratto di ferrata fino al bivacco.

Dal fondo, anche il gruppo del Bosconero sembra volermi fare coraggio

Immagine

Dai gambe forza, la cima è la!

Immagine

Comincia l' enrosadira :lovemo: è la seconda volta che la vedo "on the road"

Immagine

Ci portiamo in cresta, scavalchiamo, la cima sembra che qualcuno continui a spostarla :shock:

Immagine

Scavalchiamo di nuovo, ancora su ghiaioni, mentre il boss mi avvisa, lapidario: EFFEMERIDI SCADUTE

Immagine

Ma la cima questa volta non la sposta piú nessuno: ci siamo!

Immagine

Montiamo le frontali, adesso veramente non me ne frega piú niente, siamo su sentiero conosciuto e attrezzati, ci metteremo quel che ci metteremo...
Scendiamo alla forcella che separa Cima Formenton dalla Tofana di Dentro, attacchiamo la ferrata, e pian piano arriviamo finalmente al Bivacco Baracca degli Alpini, allestito dai dipendenti della funivia restaurando una baracca della guerra. Molte delle travi, cosí come gli sgabelli e parte degli arredi, sono ancora quelli originali, marcati col numero della Compagnia, la 68ª del Battaglione Cadore.

Ce l' habbiamo fatta! Sono riuscito a non mollare! Adesso ho capito cosa significa quando dicono che la mente può portare il corpo oltre quelli che pensi siano i limiti!

Buttiamo giú gli zaini e ceniamo, chiaccherando con tre polacchi che hanno anche acceso la stufa del bivacco (fuori c' è una bella riserva di legna): dentro fa un bel caldino!
Finito di cenare, mi fumo una sigaretta di gran gusto, poi ci buttiamo a nanna come missili: domani, pur essendo quasi tutta discesa, sarà comunque impegnativa.

La notte è un disastro...
La stufa fa un caldo della madonna, oltre ad un fumo che la mattina puzziamo tutti da carbone... fuori siamo intorno a zero gradi, dentro sto in mutande FUORI dal sacco lenzuolo e durante la notte sia io che il boss faremo fuori tutti i liquidi, da morire :?
Inoltre i polacchi vanno avanti un' altra ora a chiaccherare come niente fosse, riesco a prendere sonno solo quando finalmente si decidono ad andare a letto anche anche loro...
Ma il riposo dura solo un' ora e mezza: mi sveglio sentendo dei rumori di colpi di ferro... è uno dei tre che sveglia tutti rumegando con la stufa per tenerla accesa... ma come, se ci sono ottanta milioni di gradi qua dentro???? :sbaemo:
Lo fulmino con lo sguardo e con le parole, esco a fumare per sbollire, la sigaretta all' aperto davanti al panorama notturno solitamente mi rimette in pace, ed infatti funziona :okkemo:
Peccato che un' altra ora e mezza e...
TOW TOW TOW TOW TOW TOW
Un elicottero che sembra essere sopra la cima...
vuoi vedere che sono quelli del 4° Reggimento di Bolzano in esercitazione notturna? ocio che adesso mi vedo arrivare in bivacco un plotone di Alpini appena sbarcato sulla cima :shock:
Esco a guardare, il rumore è dovuto al rimbombo della conca, ma l' elicottero è basso, lo vedo atterrare a Cortina e poi ripartire verso Bolzano, mentre parte un veicolo coi lampeggianti blu...
Scoprirò il giorno dopo che il reparto l' avevo azzeccato, ma non era un' esercitazione: era la fine di un impegnativo soccorso iniziato nel tardo pomeriggio e durato non so quante ore per recuperare una ragazza che si era fracassata le gambe scendendo in doppia dalle Tre Cime. Il veicolo coi lampeggianti era un' ambulanza.
Chapeau al Soccorso Alpino ed ai militari del 4° Reggimento AV.ES. e un grosso in bocca al lupo di pronta guarigione all' alpinista infortunata.

Finalmente riesco a riprendere sonno e dormire quasi tre ore di fila, che lusso :aaaemo:

Ci svegliamo quando inizia ad albeggiare

Immagine

Facciamo una rapida colazione ed ecco il Sole fare la sua comparsa

Immagine

Ci mettiamo subito in marcia, lungo la ferrata Tofana III - Formenton

Immagine

La giornata si preannuncia subito spettacolare 8-)

Immagine

Immagine

Subito incontriamo una postazione, appena discosta dalla ferrata

Immagine

da qua gli Alpini dell' 85ª Sezione Mitragliatrici del 3° reggimento Alpini tenevano sotto tiro la Nemesis

Immagine

Immagine

La ferrata da qua cede il posto ad una lunga traccia sulle ghiaie fino alla cima

Immagine

sembra la Luna :lovemo: adoro queste cose

Immagine

il Sole inizia ad alzarsi sull' orizzonte, mentre in basso pigramente Cortina inizia a svegliarsi

Immagine

Siamo in cima, ai 3238 metri della Tofana di Dentro

Immagine

Il panorama è da sballo, di quelli che vorresti star seduto là per ore in venerazione; ad Ovest, baciate dal sole, ci danno il buongiorno:

Marmolada e Vernel :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Sella :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Odle :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Sono imbambolato, in stato di trance, ma il boss fa cenno di muovermi, che tra poco ha una sorpresa per me.

Iniziamo a scendere per la ferrata

Immagine

qualche metro piú in la, i resti della stazione di una teleferica pesante che arrivava da Ra Vales, si vede ancora il basamento di un traliccio

Immagine

ma non è ancora questa la sorpresa: scendiamo un altro po' e troviamo l' ingresso di una caverna.

Sembra una come tante

Immagine

ma non lo è: è la caverna delle meraviglie, dentro c' è ancora di tutto! :shock:

Appena entrati troviamo una carriola incastrata nel ghiaccio

Immagine

andiamo avanti con le frontali

Immagine

In un vano invaso dal ghiaccio, casse di materiale sono rimaste incastrate

Immagine

Andiamo avanti, un armadio

Immagine

e poi una luce, la seguo, e mi trovo affacciato sulla Val Travenanzes, come a volo d' uccello 8-)

Immagine

SPETTACOLO

Uno spettacolo che, a causa dei vandali, non sarà piú riproponibile: siamo gli ultimi visitatori, pochi giorni dopo infatti proprio il boss, su incarico del Parco Naturale, la chiuderà con una grata metallica a causa di "sottrazioni" di reperti bellici e danneggiamenti avvenuti nell' ultimo anno :evil:

Riprendiamo la discesa

Immagine

la ferrata corre appena sotto il filo di cresta, sotto di noi - come occhio di drago - compare il laghetto dei Jaze de Tofana: tutto ciò che resta del ghiacciaio, estintosi qualche decennio fa

Immagine

altra postazione, con mira sul Vernel

Immagine

ed arriviamo al masso che fa da tabella alla via

Immagine

oltre il masso, su una cengia, si vedono i resti di un villaggio di baracche

Immagine

mentre davanti, impressionanti, si manifestano le "canne d' organo" caratteristiche della Tofana II

Immagine

Ultimi metri di ferrata, fino ad una selletta

Immagine

Ci sganciamo dalla ferrata, da qua andiamo giú nel catino seguendo la via normale, quella seguita da Grohmann per la prima salita alla Tofana di Mezzo

Immagine

Arriviamo all' altezza del laghetto: la vista sulla Val Travenanzes, con le sue pennellate di colore, è qualcosa di stupendo :lovemo:

Immagine

Qua abbandoniamo la normale, e prendiamo a seguire le ghiaie gradonate che puntano alla dorsale che scende dalla Tofana di Dentro

Immagine

Ora che non ha piú la sua sorella a coprirla, si manifesta anche Lei, in tutta la sua spettacolarità: la Tofana di Rozes :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

L' ambiente qua è surreale, queste infinite ghiaie gradonate sono qualcosa di mistico... cammino e vaneggio, è una situazione quasi trascendentale...

Ad interrompere il misticismo, i reperti che saltano fuori anche qua, come il regolatore della spoletta di un proiettile a schrapnel

Immagine

Arriviamo ad un masso con un palo conficcato e l' indicazione di un bivio: è probabilmente questo il posto dove il tenente Carugati si era appostato coi suoi uomini, la notte tra il 9 ed il 10 agosto 1916, prima di occupare le posizioni austriache della Nemesis, chiamata cosí perché da qua doveva partire la loro vendetta per l' occupazione italiana di Forcella Fontananegra.

Immagine

Il masso ha per noi un valore importantissimo, per me soprattutto: indica l' inizio del motivo per cui sono venuto qua: dritti infatti si va alla Nemesis, a destra invece si prende la CENGIA JELINECK, spettacolare cengia che corre alta sopra la Cengia Paolina.

Mi guardo col boss, sono straeccitato ma allo stesso tempo teso, fumo una sigaretta per stemperare, ci mettiamo in marcia ed aggiriamo lo sperone

Immagine

La foto rende l' inclinazione, cosí come rende il macereto... quello che non si vede è il salto di quattrocento metri sopra la Paolina, e di la altri settecento sopra la Val Travenanzes.
Chiamo il boss.
Non me la sento.
"Blitz, ma sei sicuro, dopo tutto il casino che abbiamo fatto non te la senti qua"
Confermo, non me la sento
"Ok, dietro front".
Vorrei piangere, il posto è da cinema ma non riesco ad affrontarlo, mi sto letteralmente cag'ando sotto :sbaemo:
Vorrei bestemmiare, ma non mi vengono neanche le parole
L' adrenalina per l' eccitazione va a scontrarsi con la delusione, col senso di sconfitta...
Non riesce ad uscire neanche la rabbia, la frustrazione è troppo grande...
Non so se sono ancora i postumi della batosta dell' anno scorso, o se sia ancora presto per me, so solo che me la son fatta sotto davanti ad un percorso stupendo che mi sognavo da un anno...
Il boss capisce
"Hai mai fatto la discesa per Forcella del Vallon?"
No
"E allora dai, non pensarci su e seguimi, vedrai che spettacolo di posto!"

Immagine

Lo seguo pigramente, anzi, in uno sbattimento che non me ne frega niente di niente, sono passato letteralmente dalle stelle alle stalle, e per ritirarmi su di morale ci vuole qualcosa di veramente forte...

Ecco, quel qualcosa di forte arriva quando mi giro a guardare verso Fontananegra
ELAMADONNA :shock::shock::shock: :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

questa bastionata è qualcosa di pazzesco, da sognarsela di notte
è la botta di cui avevo bisogno, mi rida la carica per andare avanti, incredibili queste Tofane!

Torniamo verso la conca del laghetto

Immagine

ed iniziamo a scendere lungo la normale, che taglia tutta la parete lungo una cengia ghiaiosa, stupenda :lovemo:

Immagine

anche qua una scivolata significherebbe passare a miglior vita :?

Immagine

ma almeno un minimo di traccia c' è!

Immagine

guarda che razza di posti, guarda che razza di posti :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Affrontiamo l' ultima, brevissima salitina

Immagine

ed arriviamo ad una postazione, dove una lapide ormai poco leggibile dice 36ª Batteria da Montagna

Immagine

Immagine

La aggiriamo, siamo a Forcella del Vallon: qua inizia l' infinito canalone del Vallon Tofana, quello che scende fino al Rifugio Dibona

Immagine

La prima parte è un po'... come dire... ravanosa :lol:

Immagine

Poi ci buttiamo in picchiata Immagine

Immagine

Divoriamo letteralmente il ghiaione: in un attimo siamo già in vista di Fontananegra

Immagine

ed al Rifugio Giussani

Immagine

qua mangio come non ci fosse un domani, e neanche un dopodomani
ma ho ancora l' amaro in bocca per la Jelineck...
il boss da bravo uomo di montagna me lo fa annegare nelle grappe

La cosa pare funzionare, e quando ripartiamo sono un po' meno turbato, anche perché a fare da scacciapensieri c'è il bel ricordo della normale che abbiamo appena percorso...

Ci avviamo lungo il sentiero 404, verso il Rifugio Dibona

Immagine

lo scenario è impressionante: mentre la parte alta del Vallon Tofana è caratterizzata dallo stretto ghiaione che si lancia letteralmente giú incassato tra Punta Giovannina e la Tofana di Mezzo, la parte bassa invece, con la sua dolce mulattiera dai comodi tornanti, è caratterizzata dal tripudio di picchi e guglie che si innalzano :lovemo:

Immagine

Immagine

Immagine

MERAVIGLIOSO 8-)

Immagine

Arriviamo agli ultimi tornanti sopra il Rifugio Dibona

Immagine

Li scendo pigramente, il passaggio sta arrivando...

Lascio le Tofane con un gusto agrodolce... da una parte ho fatto un giro pazzesco che mi ha riservato sorprese e panorami incredibili, a partire dalla cengia sugli Orti, mentre dall' altra, quella cavolo di Cengia Jelineck mi ha fatto proprio girare le @@...
Forse era troppo presto, chi lo sa, prima o poi ci tornerò, e vedrò...

Per concludere, ringrazio il boss, la mia Guida, per avermi sopportato e supportato per questi due giorni (non ho un carattere facile, lo so), per non aver ceduto alla tentazione di buttarmi giú da una parete :lol: per avermi incoraggiato ed incitato quando stavo cedendo, e per avermi compreso quando non me la sono sentita di proseguire sulla Jelineck.
Franco lo so, ti ho messo a dura prova.
GRAZIE
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda Sixtynine » 18/09/2017, 7:13

Non ho parole Blitz!....il giro dei giri, stupendo!!!!!
Sixtynine
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/06/2017, 20:05

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda alfasierra » 18/09/2017, 8:00

Bellissimo report in posti fantastici e poco noti; complimenti per il giro, molto belle le foto e le note, molto istruttive, che ho letto con grande interesse essendo appassionato di storia della prima guerra mondiale in montagna.
Peccato per la cengia Jelineck . . . sarà per la prossima volta, non scappa, è lì che aspetta.
Peccato anche che la caverna subito sotto alla Tofana di Dentro sia stata chiusa, stavo pensando di farci una visita alla prima occasione e invece niente . . . cosa ci sarà ormai da portar via, dopo che i recuperanti per anni hanno setacciato attentamente tutti quei luoghi, ormai restano solo poche cose . . . vabbè pazienza la caverna si potrà ora guardare solo da fuori.
A proposito del sottotenente Gino Carugati, citato per la sua impresa militare e alpinistica che gli ha permesso di conquistare le posizioni austriache sulla Nemesis, c'è da dire che, assieme all'amico Antonio Berti, ha lasciato traccia della sua bravura di valente alpinista anche a Padova sui Colli Euganei, aprendo sulla parete est di Rocca Pendice nel 1909 la via che porta appunto il suo nome.
Ultima modifica di alfasierra il 18/09/2017, 13:23, modificato 1 volta in totale.
alfasierra
 
Messaggi: 82
Iscritto il: 01/07/2015, 17:16
Località: Abano Terme PD

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda LordSach » 18/09/2017, 8:25

WOW. Senza parole. Complimenti!
I Monti sono maestri muti e fanno discepoli silenziosi.

(Johann Wolfgang von Goethe)
LordSach
 
Messaggi: 25
Iscritto il: 05/01/2017, 21:02
Località: Vittorio Veneto (TV)

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda alfpaip » 18/09/2017, 9:31

devono essere stati due giorni di un'intensità pazzesca... e li hai raccontatti come meglio non avresti potuto, complimenti!!!

mi spiace un sacco per la rinuncia, conosco bene la sensazione che si prova... ma avrai sicuramente l'occasione di rifarti con gli interessi... :)
alfpaip
 
Messaggi: 611
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda Sergio69 » 18/09/2017, 12:44

Complimenti per il report, che percorre sentieri praticamente sconosciuti in uno dei posti più visitati al mondo come sono le Tofane.
P.S. La Jelineck è sempre li che ti aspetta. La terza sarà cicuramente la volta buona :vekemo:
P.P.S. intanto potresti imcominciare venerdo alla Caregata... :naaemo:
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 811
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda MOTP » 18/09/2017, 14:20

Come tanti altri sono senza parole, man mano che andavo avanti a leggere mi aspettavo che le sorprese finissero, invece sembra non abbiano fine! Ma questa cengia Jelineck che percorso fa e dove finisce?
MOTP
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 16/10/2016, 13:44
Località: Treviso

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda Sixtynine » 18/09/2017, 14:42

Mi sa che la prossima stagione ci faccio una scappatina.......

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

http://archivio.caiconegliano.it/Esp/Baborka/Baborka.htm
Sixtynine
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/06/2017, 20:05

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda MOTP » 18/09/2017, 15:12

Ah ho capito grazie mille! quindi alla fine si prosegue per la cengia paolina?
MOTP
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 16/10/2016, 13:44
Località: Treviso

Re: I SEGRETI DELLE TOFANE 21-22 agosto 2017

Messaggioda Sixtynine » 18/09/2017, 16:07

Ciao MOTOP,
Si può seguire la Paolina in uno dei due sensi o scendere in Val Travenance....
Sotto l'ultima foto ti ho messo il link della relazione che ho trovato.
Sixtynine
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/06/2017, 20:05

Prossimo

Torna a Arrampicata ed Alpinismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti