Pelmo trilogy

Percorsi non attrezzati,su roccia od in ambiente Alpinistico.

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda Sixtynine » 18/07/2017, 16:00

Alver scrive
My personal advice: salite in compagnia di amici perchè per quanto possa essere attraente la solitudine, la condivisione è qualcosa che ripaga. Non tutti certo ma quelli che sanno cosa vuol dire...


E Sergio poco dopo
Il giro è stato semplicemente il più spettacolare che ho fatto quest'anno, ma sarebbe stata comunque poca cosa senza la vostra compagnia.


E io aggiungo che quando si va in giro con queste persone le difficoltà si dimezzano e le emozioni si raddoppiano, grazie Alessandro, Dario, Mauro, Michele e Sergio.
Sixtynine
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/06/2017, 20:05

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda VinciMountain » 24/07/2017, 8:24

Complimenti!
Avatar utente
VinciMountain
 
Messaggi: 1006
Iscritto il: 08/11/2011, 18:55
Località: val di Fiemme/val di Fassa

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda gianverd » 24/07/2017, 10:00

alverspir ha scritto:Saliamo il giorno prima al rif. Venezia, principalmente per non avere sulle spalle una bestiale levataccia, la strada in auto ed almeno un'oretta di noioso avvicinamento. Poi la cena e la compagnia in rifugio son cose che si fanno apprezzare.
Contrattempo: qualche ometto sbagliato, scarne ed incomplete indicazioni lette, tracce fuorvianti, mettici tutto questo ed altro saliamo troppo in alto a destra e non individuamo il punto dove risalire la bastionata. Sotto di noi arriva un nutrito gruppetto ed a quanto pare non riescono manco loro a districarsi...
Noi e loro sparpagliati in giro a cercare... noi pensiamo cosa corretta scambiare loro le nostre impressioni e quello che stiamo verificando...
Sento dire poco sotto da qualcuno "son salita già due volte ma non ricordo dove...", ah bene! siamo a cavallo...

Io l'ho fatta da solo :cry: nel lontano 2007, senza pernottare al Venezia, levataccia bestiale :shock: , strada in auto e un'ora di avvicinamento da Zoppè di Cadore :o . Anch'io come voi all'inizio pur facendo la Cengia di Ball ho perso l'orientamento un paio di volte e sono arrivato in cima a ora tarda. :roll: Discesa da spaccare le gambe perchè non ne avevo più. :maaemo:
Bel report complimenti
saluti
GV
Avatar utente
gianverd
 
Messaggi: 450
Iscritto il: 09/11/2011, 10:28
Località: Treviso

Puntini sulle i……

Messaggioda SHERPA61 » 25/07/2017, 19:40

Allora, …..
Ho voluto lasciar “decantare” un po’ le Emozioni…..
Son stato una settimana per vulcani nelle Eolie……
Ora è il momento….

Premessa : il Monte Pelmo per me è il “3.000” più bello, particolare….unico ..delle Dolomiti tutte.
Dal 1984 quando ho iniziato a dormirci sotto, a San Vito di Cadore, senza conoscerne nemmeno il nome, ad oggi…..ha sempre (per me) rappresentato il massimo della maestosità dei monti e del “differenziale” tra Uomo e Natura…ok..??....;

altra premessa: tanto sta Mark Knopfler allo Sherpa…..così sta Grohmann ad Alver…..(per cui è del tutto evidente la sua poca, stranamente, attendibilità quando c’è sto nome in mezzo).

Ora….

Considerazione tecnica : la cengia di Grohmann è roba per gente dal piede-gamba-passo assolutamente “fermo” e adeguato ad escursioni dal basso grado alpinistico ma dall’alto tasso di pericolosità; NON corrisponde a verità l’idea trasmessa da Alver che in caso di scivolata “hai qualche possibilità di fermati”…si…..900 metri sotto …sul sentiero tra Staulanza e Rif. Venezia…..; poi è vero che io e il Mick…guardandoci…andando avanti …ci dicevamo (con lo sguardo)…. “beh..dai…..non è proprio sta cosa.”….ma eravamo entrambi inattendibili…
Il Mick poi, sconta una condizione di forma esaltante nonostante gli anni e gli acciacchi…per cui tende ad “appiattire”….aggiungeteci che eravamo entrambi di ritorno da una Montagna marcia di merda come il campanile di Val Strut , per cui, qualunque cosa sarebbe stata meglio…

Considerazione personale : è stata un’escursione ed una Montagna che , complice la precedente avventura del 2002 (15 anni fa..!!), ha assunto per il sottoscritto, un coacervo di emozioni, significati, simboli, e “conquiste” difficilmente replicabili .
Come ha detto il Mick….”per due di noi è stata sicuramente l’ultima volta”….

Quando dopo 5 ore di salita Alver, conscio della cosa, e (fatalità) mi si gira e fa (eravamo i primi due……dopo che da ore chiudevo il gruppo) : “vai Mauro…….è tua”…..io son passato davanti…..e …..quello che ho provato e semplicemente “intimo”….fortemente “intimo”…l’han visto i miei compagni di salita…e l’han letto i pochi che possono accedere al forum del Somariteam.

Per il resto (e non son parole mie) le considerazioni giuste le han già fatte alcuni di voi che “masticano” Montagna


alfpaip ha scritto:che meravigliosa cavalcata!!!

bravi, bravissimi... :)


Campioncino ha scritto:Grandioso giro alpinistico sia dal punto di vista ambientale fisico e psicologico. :delemo: ci vediamo tra qualche settimana


ONURB ha scritto:Fantastiche foto ,giro bellissimo.......chapeau......
il Pelmo e' una bestia mastodontica...........


alfasierra ha scritto:Giro grande, immenso, maestoso, complimenti!
Le numerose e belle foto rendono molto bene l'idea delle difficoltà, sembra di essere lì a faticare e a tenere sempre alta la concentrazione;
.


……..è proprio così ragazzi……il Pelmo per la Grohmann è come Michelle Pfeiffer….la cosa più affascinante che ho fatto in Montagna.

Namasté

p.s. un grazie di cuore ai pirati che han condiviso tanta fatica, adrenalina, emozione col sottoscritto....siete stati una stupenda "lente di ingrandimento"....GRAZIE
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1160
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda michelin75 » 25/07/2017, 20:55

Qui bisogna solo guardare e tacere...guardare e tacere...GRANDIOSO RAGAZZI.
Grazie mille.

Michelin75
Avatar utente
michelin75
 
Messaggi: 348
Iscritto il: 22/08/2014, 13:23

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda pudra » 28/07/2017, 23:47

Favoloso :lovemo:
Estimatori del Monte Melma
http://www.facebook.com/groups/35014032 ... up_comment
Melma Day domenica 25.11.2018
si salgono tutti i versanti del Monte Melma (bici, escursionismo e alpinismo)!
Avatar utente
pudra
 
Messaggi: 554
Iscritto il: 15/06/2012, 10:37
Località: Isole Cayman ma vengo spesso in provincia di Milano per vedere se siete ancora vivi

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda Sixtynine » 15/09/2017, 18:34

Meglio tardi che mai.
un piccolo tributo fotografico ai miei compari.....

Regnava un silenzio reverenziale.....
Immagine

La guida.
Immagine

Alla ricerca di Fitman.
Immagine

Chi è il più losco dei due?
Immagine

Pelmetto e prima parte di cengia.
Immagine

Il primo spigolo....e in lontanaza il secondo.
Immagine

Sergio guarda a cosa ti stavi tenendo!
Immagine

Immagine

Margine di errore?.....nessuno!
Immagine

Immagine

Passo sincronizzato
Immagine

Con la scusa delle foto sempre a riposarsi!
Immagine

Sticazzi!!!.... quanto è larga sta cengia!
Immagine

Immagine

Immagine

Ultimo pezzo....
Immagine

Verso la cima
Immagine

Immagine

La spalla sud.
Immagine

In cima.
Rito Himalayano.
Immagine

Il modello....
Immagine

Attenti a quei due!
Immagine
Sixtynine
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/06/2017, 20:05

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda SHERPA61 » 15/09/2017, 19:40

grazie Paolo.

davvero.
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1160
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda Sergio69 » 15/09/2017, 19:56

Bellissime foto. :lovemo:
Mi pareva di esserci davvero... :lol:
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 810
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: Pelmo trilogy

Messaggioda alfpaip » 15/09/2017, 20:05

Foto fantastiche!!!

Ancora complimenti :-)
alfpaip
 
Messaggi: 609
Iscritto il: 12/09/2012, 13:39
Località: Padova

Precedente

Torna a Arrampicata ed Alpinismo

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite