Le basi in ferrata

Proponi o chiedi informazioni riguardo i più svariati percorsi attrezzati.

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda dokkodo54 » 18/01/2020, 19:58

Caro Lorenzo88,
mi piace l'entusiasmo col quale partecipi al forum, ma permettimi un consiglio: cerca di non esagerare.
Una frase del tipo
Lorenzo88 ha scritto:in ferrate a me non insegna piu niente nessuno.

non la vedo molto bene.
A parte che per tutti c'è sempre da imparare, non vorrei dovermi trovare prima o poi nell'inconsueta posizione di difendere il fedipos :lol: :lol: :lol:

Riguardo al tuo post sulle "basi" in ferrata, repetita juvant, e personalmente son d'accordo su quasi tutto quanto hai scritto, con qualche eccezione.

Guanti: qui son d'accordo con gianverd, se ti vengon le vesciche nelle mani per me hai qualche problema di progressione, oppure hai scelto la ferrata sbagliata.
Personalmente, mai usato guanti in ferrata. C'è anche da dire che le ferrate che, mi par di capire, piacciono a te, io le evito come la peste. Questione di gusti: massimo rispetto per i tuoi ma a me gli itinerari "ciapa e tira" non "mi" piacciono, e in quelli dove vado io dei guanti non ho mai sentito il bisogno.

Torcia: una frontale ben carica nello zaino secondo me non dovrebbe mai mancare. Tu non sai se "torni nel pomeriggio", quella è la tua intenzione su come dovrebbe svolgersi la giornata. Ma ci sono anche gli imprevisti. Una frontale nello zaino non pesa poi così tanto.

Bussola & altimetro: non li hai nemmeno citati e neanch'io li ritengo fondamentali. Per me van bene quelli del cellulare, se ci sono, altrimenti senza.

Mappa cartacea: questa invece nello zaino io ce la metterei. Per quanto tu possa studiare a tavolino l'itinerario, c'è sempre la possibilità di trovarsi a doverlo variare in corso d'opera. In questi casi è meglio avere con se una buona mappa. Vanno bene anche quelle digitali, ma quelle su carta hanno il pregio che non si scaricano, e il peso è trascurabile.

Lasciar detto dove si va: pratica forse considerata superata dai cellulari, ma sempre valida in aggiunta a questi. Funziona anche in caso di batteria scarica, mancanza di campo o in qualunque altro dei mille casi di impossibilità nell'utilizzare il telefono.

Quanto alla preparazione fisica, io faccio allenamento prevalentemente con la bicicletta. Molto, molto meno invasiva per le articolazioni rispetto alla corsa e decisamente meno noiosa, ma anche qui entriamo nel campo dei gusti personali (o della vecchiaia! :lol:)

Queste le prime cose che mi vengon in mente per integrare il tuo elenco.

Un saluto,
dokkodo

P.S. Non prenderla male eh, lo sappiamo tutti che sono un rompicoglioni. Non so che "titoli e/o esami" tu abbia, ma devo dirti che, da quanto scrivi, le tue nozioni di fisica classica mi lasciano piuttosto perplesso.

Lorenzo88 ha scritto:Un corpo di 75 quando cade verso il basso viene accelerato talmente tanto che aumenta la massa in modo impressionante. 75 kg in pochi metri possono diventare talmente pesanti da far rompere anche un moschettone.


Un corpo che cade, viene accelerato dalla forza di gravità. Tanto o poco che sia, per tutti, magri o grassi, son sempre 9,8 metri al secondo per secondo. A meno di cambiar pianeta :lol:
Mentre si cade non "aumenta" la propria massa. Aumenta invece l'energia cinetica, almeno fin quando si accelera. Energia che poi va tutta dissipata per fermarsi.

Lorenzo88 ha scritto:Pensate che sui moschettoni omologati da ferrata trovate impresse delle cifre che corrispondo al peso di rottura. Parliamo di 2500 kg e nonostante questo si possono rompere perché?
Perché quando si cade la nostra massa viene frenata in maniera molto brusca in pochissmo tempo e spazio.


A rompere i moschettoni non sono i nostri 75Kg diventati un camion durante la caduta, ma la forza d'arresto. Quella forza che, quando il sistema di assicurazione va in tensione, si oppone a quella di gravità e ci fa decelerare per fermarci.
Moschettoni, longe, fittoni, imbrago, ma soprattutto il nostro corpo, in fase di decelerazione vengono sottoposti alla forza di arresto.
La forza d'arresto dipende dalla nostra massa (costante, a meno di mangiate o digiuni :lol:) e dalla decelerazione. Più la decelerazione è alta, maggiore è la forza di arresto.
A sua volta, la decelerazione dipende dalla velocità raggiunta durante la caduta (quindi dalla lunghezza del volo) e dal tempo di arresto.
Come vedi, per ridurre la forza d'arresto ed evitare di rompere i moschettoni, non abbiamo molte possibilità oltre ad aumentare il tempo di arresto.

Lorenzo88 ha scritto:Qui entra in gioco il dissipatore che rallenta la caduta in forma di attrito


Il dissipatore non "rallenta la caduta" in senso stretto, ma aumenta il tempo di arresto applicando, quando la longe va in tensione, una forza d'arresto "controllata" e compatibile con la resistenza del nostro corpo (almeno in teoria).

Lorenzo88 ha scritto:Nell arrampicata sportiva queste forze vengono dissipate in molti metri di corda dinamica che ai allunga e la caduta viene frenata in maniera più morbida.


Non vengono "dissipate" le forze, ma l'energia accumulata in fase di accelerazione durante la caduta. Inoltre, in arrampicata, entrano generalmente in gioco altri fattori, tipo il freno dell'assicuratore e altri attriti lungo la catena di assicurazione che aiutano nel dissipare l'energia, anche se il maggior lavoro lo fa sempre la corda (al limite tutto il lavoro, se è bloccata).
In ferrata questo compito è assolto quasi esclusivamente dal dissipatore.

Lorenzo88 ha scritto:Questo è il motivo perché nelle ferrate molto verticali si leggono recensioni con la scritta vietato cadere.
Anche agganciati con 2 moschettoni imbrago e dissipatore in caso di volo nessuno sa che tipo di stecca ci prendiamo alla schiena .


Non è solo questo il motivo per cui in ferrata le cadute vanno evitate.
Oltre al fatto di preferire di non sapere se tutta la catena di assicurazione funzionerà a dovere (altrimenti siamo MORTI), in caso di strapiombi, ad esempio, potrebbe diventare complicato riguadagnare la parete dopo un volo. Pure rimanere appesi all'imbrago, magari a testa in giù o privi di sensi, non è piacevole.
In caso di parete più appoggiata, invece, gli impatti contro i fittoni o la roccia durante la caduta potrebbero anch'essi avere conseguenze fisiche sgradevoli.
Questo solo per fare qualche esempio.

Lorenzo88 ha scritto:Il mio consiglio nelle ferrate verticali è di tenere una mano al cordino per azzerrare il rischio di caduta.


Tenere una mano costantemente sul cavo è anche il mio consiglio, e non solo nelle ferrate verticali ma in generale.
Ciò va messo in pratica non per azzerare il rischio di caduta, cosa realizzabile solo non andando in ferrata, ma per ridurlo il più possibile.
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 18/01/2020, 20:11

Ciao dokko. Sei stato chiaro!
Se ho descritto male il passaggio tecnico è perché l ho espresso con parole mie in modo che fosse più facile da capire. L ho descritto male perché mentre scrivo devo tradurre i concetti dal tedesco.
Mi spiace che non venga afferrato il senso dell esempio che volevo dare ma invece ti impunti a correggere una formula di fisica.
Riguardo ai guanti il discorso è semplicissimo: in nessuna ferrata del Trentino Alto Adige compresa la pisetta ho mai avuto problemi ma siccome l anno scorso un mio amico mi ha seguito sulla tabaretta coi guantini corti tipo ciclista si è trovato in cima alla ferrata con le bolle alle dita ho pensato che potesse essere d aiuto per evitare che capitasse a qualcun altro.
Purtroppo che ti piaccia o no in certi punti li o tiri di braccia o non vai su e te lo dice uno che i piedi li sa appoggiare.
Non voglio fare il presuntuoso ma in salewa ci vado due volte al giorno e credo di aver capito come ai mettono i piedi in arrampicata per non stancare le braccia.
Fai la tabaretta e prova a non tirare il cavo mai. Se ce le fai ti offro non una cena ma ti offro una cena ogni sera per tutto l anno
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 18/01/2020, 20:16

Scusa ho scritto due volte al giorno.
Sono due volte la settimana
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 18/01/2020, 20:29

Dokko non voglio irritarti ma alla salewa ormai della tabaretta ne abbiamo parlato migliaia di volte.
È una trappola che hanno tracciato i soccorritori di Solda.
Per farla senza tirare il cavo dovresti scalare come ondra .
Ma senza toccare il cavo forse neanche lui va su fino in cima.
Invece alla pisetta ho assistito di persona ad uno veramente cazzuto che l ha fatta tutta con le scarpette e ha solo toccato il cavo per portare avanti i moschettoni.
Lasciamo stare queste cose che andiamo ot.
Parliamo di cose che sono utili a chi inizia
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 18/01/2020, 20:32

Grazie per aver integrato l elenco!
;)
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 18/01/2020, 20:52

Ps. Per dokko.
Sono consapevole che leggendo una frase del tipo : in ferrata non mi insegna più niente nessuno suona molto arrogante e me ne scuso perché è logico che non si impara mai abbastanza nella vita.
Sono sicuro che nella vita ho ancora molto da imparare ma nelle ferrate no.
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda fedipos » 19/01/2020, 5:41

Sono alla frutta: mi trovo d'accordo col Dokko che ha praticamente spiegato il concetto della differenza tra la pratica e la grammatica.
fedipos
 
Messaggi: 1638
Iscritto il: 08/11/2011, 22:07

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 19/01/2020, 8:22

Filippo hai ragione.
Ho la testa dura ma riconosco i miei errori.
Azzerriamo tutto il discorso e ripartiamo dalle cose che possono essere d aiuto per chi inizia.
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 19/01/2020, 8:51

Riparto con una riflessione sulla sicurezza che potrebbe essere interessante.
Qui vicino al passo costalunga c e una ferrata che si chiama roda de vael, molti la fanno come prima ferrata.
È una ferrata che va bene per chi inizia ma sul tratto finale che porta alla croce ci sono alcuni punti dove il cavo è interrotto e poi riprende.
Questo avviene in moltissime altre ferrate ma perlomeno su un percorso idoneo a chi inizia cosa costava aggiungere quei 5-10 .metri di cavo nei punti scoperti?
Così almeno si chiudeva e chi la percorre rimane assicurato per tutta la durata dell arrampicata.
Parliamo di sicurezza e poi si lasciano tratti scoperti...
Sono d accordo che poi nelle ferrate piu difficili ci può stare mica si può tracciare tutto ma ripeto, almeno li dove molti leggono sulla recensione che è per principianti e dove incontri piu famiglie con bambini che in qualsiasi altra ferrata secondo me dovevano tirare il cavo dall attacco fino alla croce.
Per la cronaca anche li seppur classificata per principianti quasi in cima dove appunto é aperto un turista germanico è stato trascinato giu dal figlio. Procedevano legati in conserva ma proprio in uno di quei tratti senza cavo sono finiti di sotto.
Filippo che ne pensi?
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

Re: Le basi in ferrata

Messaggioda Lorenzo88 » 19/01/2020, 9:33

Ps per Filippo.
Qualche post fa ho ammesso il mio errore,qui non voglio più parlare di cosa faccio io di cosa fanno gli altri..a chi inizia non interessa. Vorrei veramente fare prevenzione e dare qualche piccolo consiglio a chi inizia.
Personalmente il mio consiglio piu prezioso per chi inizia è di frequentare un corso oppure di fare la prima ferrata con una guida che insegna le cose di base per evitare gli errori più comuni.
Le ferrate ormai stanno diventando di moda e posso testimoniare che qui in alto adige ormai hanno capito che basta tracciarne una per creare un attrazione in più e aumentare l indotto in certe zone poco frequentate dai turisti.
Quindi evitare che ci salga la massa è impossibile ma per lo meno cerchiamo di dare piu informazioni possibili in modo che chi le frequenta abbia almeno le basi.
Filippo lo sa quanti vanno per montagna e sono talmente improvvisati che si resta a bocca aperta a vederli.
Roba da famiglia fantozzi
Lorenzo88
 
Messaggi: 36
Iscritto il: 21/12/2019, 14:47

PrecedenteProssimo

Torna a Vie ferrate e sentieri attrezzati

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti