Le guide servono ma anche i consigli

Proponi o chiedi informazioni riguardo i più svariati percorsi attrezzati.

Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda pimpa » 24/07/2019, 18:43

All’attivo ho alcune belle ferrate tra le quali la Michieli Strobel, là Col dei Bos, quella della memoria al Vajont, e quella delle trincee sopra Arabba.
Mi piacerebbe adesso fare la Lipella fino alle tre dita, la via Eterna in Marmolada e la Tomaselli e vorrei sapere dai più esperti se pensate che possano essee alla mia portata o meno vista la comunque magra esperienza. Grazie
pimpa
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 03/07/2015, 17:41

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda SHERPA61 » 24/07/2019, 20:00

allora guy....siamo/sei su due "mondi" diversi....

quelle che hai fatto ti hanno (a dire il vero) preparato a esposizioni estreme.....e a passaggi atletici...ma...ma..ma....non a 3.000 metri....e non con 1200 metri e più di dislivello......!!....ok??
per cui.....occhio alla penna......e.....prima Lipella......Poi Tomaselli.....e poi Eterna...e in ogni caso.....piccolo suggerimento.......vedi di programmarle quando hai 1500 md e 8 ore di autonomia nelle gambe...e soprattutto.....quando per il meteo del giorno prescelto non fanno nemmeno andare in in onda i meteoreologi; su quelle ferrate non cì deve essere nemmeno una nuvola.

namasté
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1160
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda Sergio69 » 25/07/2019, 7:53

Come sempre il Mauro ha ragione :vekemo: :vekemo: :vekemo: . In special modo la ferrata eterna è un perfetto parafulmine e quindi diventa pericolosissima in caso di temporali
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 810
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda dokkodo54 » 25/07/2019, 11:04

Sergio69 ha scritto:In special modo la ferrata eterna è un perfetto parafulmine e quindi diventa pericolosissima in caso di temporali


Ma dai... ...davvero? :shock:
Oh, mi raccomando, pimpa, mica andare a far ferrate sotto ai temporali, eh, :nooemo: in special modo la ETERNA :lol:

Pimpa, sentiammè. Al di là di allenamento, quota, esposizione, meteo e tutti gli altri salcazzi - importanti, ci mancherebbe - è necessario aver consapevolezza di sè e di ciò che si va a fare.
Perchè tu puoi anche chiedere ai cosiddetti "esperti" (veri o ...presunti :lol:) ma la decisione di andarci o no alla fine non potrà essere che tua. E con essa la responsabilità.
Da quel che scrivi (ma, bada, anche solo per aver fatto questo genere di domanda) io ho l'impressione che la tua esperienza sia ancora un pò pochina per affrontare in tranquillità quei percorsi.
Ma non ti conosco, quindi potrei sbagliare.
Sai, a differenza di altri, io non c'ho sempre raggione. Anzi, a sentire qualcuno, quasi mai :lol:

Un saluto,
dokkodo
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda pimpa » 25/07/2019, 11:50

Vi ringrazio intanto per le considerazioni fatte e per certe parole che fanno anche sorridere per la satira sempre ben accetta, ma la mia ricerca di consigli non era tanto per la possibilità di farle con meteo incerto o senza allenamento sulle gambe (credo che in questo caso si parli di buonsenso e spero a 51 anni di avere messo anche la testa a posto essendo anche padre) ma mi bastava sapere, da persone che le hanno già fatte, se a livello tecnico sono più o meno complicate di quelle già fatte.
Della serie: se hai fatto la via delle trincee con quel inizio verticale e esposto non avrai problemi di sorta nell'affrontare la lipella, oppure ti sei fatto quella della memoria, a livello di passaggi, vai tranquillo su per la eterna unica cosa sappi che è lunga 3/4 volte tanto quindi misura le forze.......

Non sono incosciente, camminate anche in quota ne ho fatte parecchie e credetemi in cima ad una Tofana de Rozes non ci vado se il meteo non mi da sicurezza 100% di bel tempo.
pimpa
 
Messaggi: 6
Iscritto il: 03/07/2015, 17:41

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda Laustorre » 27/07/2019, 13:18

....si, sono più complicate.

Perdona Pimpa, ma dal tuo post non sembrava volessi limitarti a sapere "solo" questo.

Da cui, le considerazioni fatte dagli amici che ti hanno risposto.Che sono padri anche loro(ma dai....) che passano i 50 anche loro( e ridai....).Che ti hanno in poche righe raccomandato prudenza o addirittura di pensarci quando sarai più "esperto".

E magari accompagnato da una guida(che non ti mette al riparo dalla sfiga, ma è già tanta roba....) per farne almeno una.

Concludo e dico la mia: Lipella ni....Tomaselli NO....Eterna MANCO PER NIENTE.Questo stante alle informazioni su di te che ci hai dato.
Ce ne sono altre sulle dolomiti "meno tecniche" ma sufficientemente utili per metterti alla prova, e a quote più basse.E in zona NON dolomia altrettante belle e provanti.

Pensaci,ciao.
Laustorre
 
Messaggi: 664
Iscritto il: 08/11/2011, 15:36
Località: provincia pavese

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda dokkodo54 » 29/07/2019, 21:42

'Sto discorso di comparar le ferrate e affermare "se hai fatto la ferrata A allora la ferrata B è sicuramente alla tua portata" a me non "mi" è mai andato troppo a genio.
A mio parere sono troppe le variabili in gioco, troppi gli imprevisti che possono succedere.

Ad esempio, la Lipella, la più "potabile" di quelle che vorrebbe fare pimpa, c'ha un pezzo in galleria - volendo, evitabile - (soffri di claustrofobia, pimpa ? hai già fatto ferrate in galleria ? Conosco alpinisti non ci entrerebbero neanche morti...) e se non ricordo male a un certo punto si traversa un colatoio gocciolante o ghiacciato a seconda della temperatura della giornata (come te la cavi sul verglass, pimpa ? Occhio che spesso c'è anche ad agosto sulla normale in discesa al Giussani...).

Oh, mia opinione personale con la quale si può essere liberamente in disaccordo, eh.
Giuro che non mi offendo. :lol:

Un saluto,
dokkodo
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda sandro.raso » 31/07/2019, 14:26

Proprio senza esperienza non sei (ovvero non ti prepari ad affrontare il battesimo delle ferrate!) dunque qualcosa senza dubbio puoi fare.
Innanzitutto se c'è temporale o anche solo minaccia di temporale occorre evitare TUTTE le ferrate, anche quelle facilissime, perchè quando si è attaccati ad un lungo cavo metallico il rischio di morire folgorati è davvero elevatissimo.
Tra quelle indicate, ad occhio direi che se hai esperienza sulle Trincee unita ad una ottima forma fisica che ti consenta di star fuori tutto il giorno senza rimanere esausto e dover richiedere l'elicottero, la Lipella la puoi fare tranquillamente.
Per la Tomaselli mi ci penserei un po' di più: tra tutte quelle che ho fatto io è sicuramente la più difficile, quindi io farei prima un po' più di pratica su altre medio-difficili ma non difficilissime.
sandro.raso
 
Messaggi: 31
Iscritto il: 27/08/2013, 16:21

Re: Le guide servono ma anche i consigli

Messaggioda fudos » 02/08/2019, 15:23

dai che si va a fare la Lipella, finalmente...
Avatar utente
fudos
 
Messaggi: 1317
Iscritto il: 03/11/2011, 7:45


Torna a Vie ferrate e sentieri attrezzati

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti