PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Proponi o chiedi informazioni riguardo i più svariati percorsi attrezzati.

PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda Blitz » 27/07/2014, 16:41

Duranno.
Chi? cosa?
Te lo spiego io.
Hai presente quando fai la statale da Cortina a Belluno che passi per Valle, quel paesino dove guardi a destra e vedi la chiesa a picco sul Boite?
Hai presente che sullo sfondo vedi una mole, severa, che ti guarda?
Bene, quello è il Duranno, dall' altro lato del Piave, al confine tra Veneto e Friuli - Venezia Giulia. E vado a passargli in parte, lungo la sua Spalla.

Nonostante il meteo non preveda una giornata eccezionale, ma anzi chiami pure pioggia leggera per metà pomeriggio, parto di buon'ora da casa in direzione Erto, uno dei paesi segnati dalla tragedia del Vajont: si trova infatti di fronte al monte Toc da cui si è staccata la mega frana. Giunto in paese risalgo la strada della Val Zemola e vado a parcheggiare a Stei de Conte, da dove prendo il sentiero 374 in direzione Rifugio Maniago

Immagine

inizialmente il sentiero segue la strada, alternandosi tra bosco e pascolo

Immagine

dietro a chiudere l' orizzonte c'è il Col Nudo

Immagine

in breve il sentiero si stacca dalla strada addentrandosi nel bosco e scendendo verso il torrente

Immagine

in un breve tratto di pascolo saluto le immancabili padrone di casa

Immagine

Arrivo sul greto del torrente Zemola e il Duranno è la che mi guarda

Immagine

Immagine

il sentiero guada il torrente, lo risale per un po' per poi riguadarlo

Immagine

Immagine

per salire a infilarsi nuovamente nel bosco

Immagine

continua su dritto fino ad innestarsi sul sentiero 381 da Casera Bedin

Immagine

Da qua proseguo ancora piacevolmente in un' alternanza di bosco e mughi

Immagine

Immagine

e arrivo in breve al grazioso Rifugio Maniago, dove riposo qualche minuto e faccio scorta viveri

Immagine

Riparto adesso lungo il sentiero 382, in direzione Forcella della Spalla

Immagine

al piacevole bosco dell' inizio si sostituiscono il magro pascolo e la mugheta

Immagine

Immagine

Le speranze di vedere il Sole ormai sono andate a farsi benedire...

Immagine

Avvicinandosi alla testata della Val de Lausen l' ambiente cambia ancora: dalla mugheta infatti si passa alle brulle ghiaie

Immagine

ed arrivano anche le chiazze di neve, vero leit-motiv di questa estate bislacca

Immagine

Immagine

Immagine

bisogna attraversarle per poi andare a risalire quella specie di canalino sotto la parete

Immagine

più che canalino è una specie di cengia inclinata scivolosissima

Immagine

Immagine

Immagine

arrivo in vista della forcella, e il Duranno pensa bene di sparire :sbaemo:

Immagine

mi accorgo di non essere solo, due femmine di stambecco si stanno godendo il relax

Immagine

la più anziana si gira a guardarmi, e curiosissimo spunta anche il piccolino!!!! :lovemo:

Immagine

Arrivo finalmente a Forcella della Spalla, dove anche qua l' inverno ha fatto danni alla segnaletica

Immagine

il panorama, offuscato dalle nuvole, non è comunque male :okkemo:

giù per la Val Bosconero, dove sorge il Bivacco Baroni

Immagine

verso l' Antelao

Immagine

Cima Laste e Cima dei Preti

Immagine

Monte Zuco, Pieve di Cadore e Monte Tranego, alle spalle Antelao e Marmarole restano avvolti

Immagine

In uno splendore del genere decido di fermarmi a mangiare: nel momento in cui mi siedo la femmina più anziana inizia a venire verso di me

Immagine

Immagine

mi guarda e chiama gli altri

Immagine

che prontamente si affacciano a vedere cosa sto facendo

Immagine

non contenta, lei si avvicina ancora!!

Immagine

poi scende un po' nell' altro versante e, da bravo stambecco, si piazza su una roccia

Immagine

per poi cedere il posto al piccolino, che amore che è :lovemo: :lovemo: :lovemo:

Immagine

Arrivano anche le altre 2

Immagine

Piccolo, guarda e impara, se qualcuno ti fa girare le @@ si fa cosí

Immagine

capito?
si mamma
e tu, la finisci di rompere?
sissignora

Immagine

Una volta chiarito chi comanda, se ne vanno trotterellando giù per la valle

Immagine

nel frattempo l' Antelao si concede brevemente alla vista

Immagine

Mi rimetto in movimento anch'io, adesso si fa sul serio, inizia il Sentiero Alpinistico Zandonella, una grandiosa cavalcata di cresta che mi porterà in un mondo magico

Immagine

Do uno sguardo giù per la valle

Immagine

e uno indietro verso la forcella

Immagine

si comincia con un comodo saliscendi che segue la cresta della Spalla del Duranno

Immagine

sembra di andare verso l' ignoto :shock:

Immagine

mmm stuzzicante, spero si vada di qua :okkemo:

Immagine

pare proprio di si

Immagine

neve, anche di qua

Immagine

sono sotto il Sass de le Diese e il sentiero inizia a farsi "peloso": inizia infatti a presentare passaggi molto esposti e slavati dalle slavine e dall' acqua: proverbiale passo fermo e sicuro o si va di sotto

Immagine

Immagine

Immagine

poi si fa più rilassante su un pendio tenuto ancora su dall' erba (per quanto ancora? :mmemo: )

Immagine

passo queste conformazioni affascinanti

Immagine

stando sempre attento a dove metto i piedi, è di nuovo tutto franato

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

sono alle Portelline, e il sentiero fa una deviazione in giù, lungo il Van de Ru de Tia

Immagine

che coreografie :lovemo:

Immagine

Immagine

Immagine

poi risalgo dall' altro lato, dopo aver aggirato lo sperone roccioso

Immagine

Immagine

e arrivo al primo - breve - tratto attrezzato

Immagine

Immagine

passato il quale il sentiero si fa brevemente... aereo

Immagine

torno sul "misto prato" e torno a godermi il panorama

Immagine

Immagine

Immagine

per poi arrivare a questo camino attrezzato

Immagine

Immagine

che porta a questo canalone, sotto la Cima di Rodisegre

Immagine

per poi risalire

Immagine

curioso questo antro dove inizia anche un altro tratto attrezzato

Immagine

Immagine

Immagine

adesso seguo la cengia, e sbuco ad un intaglio a dir poco... fosco :uhaemo:

Immagine

Immagine

ultimo tratto attrezzato, e sbuco su una cengia che si perde nella nebbia :tieemo:

Immagine

Immagine

arrivo cosí a Forcella Pagnac de entro, dove sostanzialmente finisce la parte alpinistica e inizia il sentiero di discesa...
...err sentiero? quale sentiero? chi l' ha visto? :shock:

Immagine

Immagine

diciamo che l' ente Parco delle Dolomiti Friulane non brilla certo per la manutenzione dei sentieri, visto che negli ultimi anni è stata una ecatombe di sentieri dichiarati inagibili, tra cui un tratto dell' Alta Via delle Dolomiti n.6
e anche qua non si smentiscono, a detta dei locals saranno 20 anni che nessuno passa a ripulire il sentiero dai mughi :evil:

A complicare le cose, si mette pure a piovigginare... non è tanto l' acqua che scende il problema, la pioggia era cosií leggera da non degnarla neanche di un k-way, il problema è l' acqua che si ferma su sti caxxo di mughi che quando gli passi in mezzo, o sotto, ti entra anche nelle mutande!!!!! :? :evil:

Un tratto di prato mi fa respirare

Immagine

prima di imboccare il canalino finale, che, gioia sua, dove presenta salti di roccia di qualche metro ha i "tornantini" di aggiramento ovviamente invasi dai bastardi, costringendo a volte a manovre... spericolate...

Immagine

si limitasse cosí andrebbe pure bene, invece no! :?
preso il sentiero che si stacca sulla destra, la traccia - pur sempre riconoscibile - tra mughi, erba alta e alberi venuti più o meno giù te ne fa tirare tante da doverti andare a confessare... e quando sbuchi sul sentiero per Casera Bedin sei finito

Immagine

chicca delle chicche, le mappe indicano che il sentiero Zandonella sbuca sul sentiero CAI 397 che sale da Ospitale e arriva a Casera Bedin, per poi incontrare il 381 che collega il Rifugio Maniago con la casera... non avendo trovato bivi di sorta prendo a sinistra a colpo sicuro, si peccato che sia finito direttamente sull' altro sentiero e a un certo punto mi trovo sta tabella qua

Immagine

sono praticamente sotto il Rifugio Maniago :shock:

mando tra me e me a quel paese l' ente parco per la splendida manutenzione ai sentieri e scendo per la strada sterrata delle casere... quando arrivo praticamente al parcheggio il Duranno finalmente si degna

Immagine

Sono stanco morto, la lotta coi mughi mi ha fatto perdere tanto tempo ed energie, ma il giro è stato qualcosa di grandioso
Ultima modifica di Blitz il 14/10/2017, 11:08, modificato 1 volta in totale.
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda Giampi8181 » 27/07/2014, 21:37

Grande Blitz :lovemo:
Giampi8181
 
Messaggi: 40
Iscritto il: 09/11/2011, 18:32

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda Blitz » 28/07/2014, 7:30

Vabbe no però addirittura i cuoricini, a meno che Giampi non stia per GiampaolA che allora potrei anche pensare di ricambiare :aaaemo:
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda Giampi8181 » 28/07/2014, 12:12

Blitz i cuoricini che escon dagli occhi non son per te, ma per le montagne che tu riesci a visitare......
Giampi8181
 
Messaggi: 40
Iscritto il: 09/11/2011, 18:32

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda Blitz » 28/07/2014, 13:21

Ah bon va già meglio !!!
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda VinciMountain » 28/07/2014, 15:10

Belle! :okkemo:
Avatar utente
VinciMountain
 
Messaggi: 1006
Iscritto il: 08/11/2011, 18:55
Località: val di Fiemme/val di Fassa

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda ditteroattero » 30/07/2014, 21:14

Bellissimo sentiero, sembra molto dolomitico e solitario. Sono appena arrivata e mi sto leggendo tutte le discussioni passate, devo dire che le escursioni che state facendo sono molto interessanti. Complimenti a Blitz per le scelte originali e soprattutto grazie per i post così ricchi di foto e informazioni.
ditteroattero
 
Messaggi: 4
Iscritto il: 26/07/2014, 23:48
Località: Milano

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda Blitz » 30/07/2014, 22:05

L' hai detta giusta, molto solitario e soprattutto "peloso", da fare con le orecchie basse e le antenne alte...

grazie a te per l' apprezzamento
Blitz
 
Messaggi: 1542
Iscritto il: 08/11/2011, 22:59
Località: Padova

Re: PARADISO SELVAGGIO: Sentiero Zandonella 25/07/14

Messaggioda kala » 13/07/2021, 10:58

Son passati sette anni, solo due giorni fa ho trovato l'occasione per percorrere questo sentiero, ormai fin troppo attrezzato.
Percorso eccezionale e ancora sufficientemente selvaggio, con punti da non sottovalutare, non necessariamente ferrati.
Vorrei tornare a prenderti in giro per la tua uscita "sbagliata", ma avrei gioco facile ora che il tracciato è stato così ampiamente ripulito dai mughi.
Ma mi era rimasta in mente e - insomma - mi sei venuto in mente tu.
Ciao Blitz, ovunque tu stia camminando, col solito entusiasmo. ;)
K
kala
 
Messaggi: 220
Iscritto il: 24/10/2012, 22:18


Torna a Vie ferrate e sentieri attrezzati

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti