Ciao da Milano

Vecchi e nuovi iscritti possono presentarsi elencando le proprie esperienze montane.

Re: Ciao da Milano

Messaggioda Sergio da Gemona » 19/06/2018, 14:50

O tu, magnifico Sergio, non sei forse alto, snello e bello, fors'anche simpatico di certo immensamente ricco?

O tu, magnifico Sergio, non sei forse il terrore di tutte le falesie? E non è forse vero che quando non ti offre un appiglio, con un cazzotto gli fai un bozzo?

O tu, magnifico Sergio, non è forse vero che il collo taurino e le tue ampie spalle sono fatti della stessa materia di cui sono fatte le montagne e per questo a volte in falesia ti trovi qualcuno in groppa?

O tu, magnifico Sergio, non è forse vero che quando scuoti la tua criniera come fa un purosangue quando una mosca rovista tra le sue narici, i tuoi riccioli d'oro intimidiscono il sole?

O tu, Sergio (si si dico a te) c'è forse qualcosa di sbagliato in me? Perché ella mi rifiuta?
Sergio da Gemona
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 15/01/2014, 20:22

Re: Ciao da Milano

Messaggioda Sergio69 » 19/06/2018, 15:32

Sergio da Gemona ha scritto:O tu, magnifico Sergio, non sei forse alto, snello e bello, fors'anche simpatico di certo immensamente ricco?

O tu, magnifico Sergio, non sei forse il terrore di tutte le falesie? E non è forse vero che quando non ti offre un appiglio, con un cazzotto gli fai un bozzo?

O tu, magnifico Sergio, non è forse vero che il collo taurino e le tue ampie spalle sono fatti della stessa materia di cui sono fatte le montagne e per questo a volte in falesia ti trovi qualcuno in groppa?

O tu, magnifico Sergio, non è forse vero che quando scuoti la tua criniera come fa un purosangue quando una mosca rovista tra le sue narici, i tuoi riccioli d'oro intimidiscono il sole?

O tu, Sergio (si si dico a te) c'è forse qualcosa di sbagliato in me? Perché ella mi rifiuta?

Le mie meningi non trovano ragione alcuna perche ella possa rifiutare un cuore puro come il tuo. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 811
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: Ciao da Milano

Messaggioda Sergio da Gemona » 19/06/2018, 15:59

Caro ingegnere, un uomo che non sa ridere di sé è un uomo che non sa ridere e un uomo che non sa ridere è morto.

Questo mi hanno insegnato al csm durante il tso per via del dspt.


Ma questa sera, cara Dulcinea del Toboso,

“Che il sonno elegga sua dimora nei tuoi occhi, e scenda la pace nel tuo cuore! ah, potessi essere io e il sonno e la pace per potere riposare tanto dolcemente!”

Questo disse Romeo a Giulietta.


Dimenticavo, in questo forum ci sono anche persone savie, non molte ma ci sono.
Sergio da Gemona
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 15/01/2014, 20:22

Re: Ciao da Milano

Messaggioda FaFo » 20/06/2018, 21:10

Buonasera Monica, da membro savio del forum (uno dei pochi...... non il forum bensì il membro) Le voglio dare il benvenuto in questo simpatico foro di gente dedita all' alcoolismo e ai Tso.
Vorrei metterLa in guardia dall' avere rapporti - ancorché carteggi scritti- con i forumisti che fingano di chiamarsi Sergio.
Ebbi modo di fare la conoscenza del 69; dapprima gradevole si rivelò in seguito una trappola, una dipendenza dalla quale a fatica liberarsi.

Del Sergio di ignota provenienza posso dirLe solo che finge di essere impegnato con il Tso al Venerdì: bugia!
E allora chi può spiegarmi come mai lo vedo sempre al Martedì, giorno del mio Tso?
E il bello è che finge di essere un dottore, uno di quelli che ti rimette in riga e ti raddrizza con la pastiglietta cerulea.
Ecco, cara Monica, io temo che i Sergi siano solo alla ricerca di un temperamatite.
Cordialità.
FaFo
 
Messaggi: 305
Iscritto il: 21/08/2014, 20:11
Località: Terme Euganee

Re: Ciao da Milano

Messaggioda fudos » 21/06/2018, 11:20

questo sergio è pericoloso attenta.... :lol: :lol: :lol :lol:
Ti dico solo che ti è andata ancora bene che non ti ha risposto Fudos. :lol: :lol: :lol: :lol: :lol:
Avatar utente
fudos
 
Messaggi: 1324
Iscritto il: 03/11/2011, 7:45

Re: Ciao da Milano

Messaggioda Sergio da Gemona » 21/06/2018, 18:39

Guarda che sta parlando di te, Sergio.

FaFo, non hai proprio resistito al richiamo della forza dello sforzo, guarda che il Dokkodo54 ti direbbe che non ci si comporta così.
Detto tra te e me lo trovo di una noia mortifera.

Cara Monica, una cosa è certa, mai nessuno ti ha dato un tale caloroso benvenuto.
Sergio da Gemona
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 15/01/2014, 20:22

Re: Ciao da Milano

Messaggioda dokkodo54 » 21/06/2018, 19:08

Il Dokko in realtà ringrazia, perchè stamattina temeva di aver qualche problema causa pesante cena di lavoro di ieri sera.
E invece è stato sufficiente legger qua affinchè tutto si svolgesse nel migliore e più abbondante dei modi 8-)
Magia!
E poi c'è chi dice che i forum sono pieni di chiacchiere inutili e vuote :lol: :lol: :lol:

Un saluto,
dokkodo

P.S. A chi si diverte a scherzar di TSO, auguro di non aver mai a che fare veramente, in prima persona o anche solo per via indiretta, con tali tristi procedure.
Va bèn schersare, però....

P.P.S. Povera Monica! Guarda in che razza di forum ti sei cacciata :aaaemo:
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: Ciao da Milano

Messaggioda Sergio da Gemona » 22/06/2018, 11:06

Lavorare ancora!?
Quota cento l'hai raggiunta con l'età e il riscatto degli anni di università!
Ma chi te lo fa fare!

Era divertente la storiella, Ammettilo!
Ma se tu sai fare di meglio...

Più di mortifero non mi viene in mente niente.

Ti sembro irriguardoso rispetto alla sofferenza mentale? E perché no rispetto ai disoccupati, ai separati, ai figli dei separati, a chi ha perso tutto, allAnonima Sarda, ecc.

Probabilmente lo sono stato anche nei confronti di Marcinkus e anche di Calvi che prima di gettarsi dal ponte con il cappio al collo un dubbio lo ha assalito: “l'avrò accorciata abbastanza la corda?”.

Che cosa è una triste pratica, clinica??
Preferisci il termine istituzionalizzazione? Forse si sarebbe notato meno.

Conosci la révolution surréaliste?
“Domattina, all'ora della visita, quando senza alcun lessico tenterete di comunicare con questi uomini, possiate voi ricordare e riconoscere che nei loro confronti avete una sola superiorità: la forza”.
Questo è triste!

Introdurre i farmaci per eliminare le contenzioni e distinguere i danni della malattia da quelli dell'istituzionalizzazione.
Questo è triste!

Da Pinel passando per Basaglia molte cose sono cambiate.
Questo non è triste.

Ciascuno ha una propria sensibilità e per questo non ti manderò affanculo come farebbe il Fediposch ma capisci quanto fuori posto sei?

Ciò nonostante vedo che la forza dello sforzo cresce in te e la materia (o)scura inizia a fluire liberamente.

Ma veniamo a noi, cara Monica.

Vedi, mia giovane amica, molti anni fa conobbi una persona online, tale Sherpa61 ed essendo stata la sola persona conosciuta online la presi come parametro di riferimento.
Un dubbio si è insinuato nella mia debole mente, per quanto ne so potevi essere la versione femminile del Sherpa61, ora, comprendi la mia incertezza?

Ma perché invitarmi a fare una ferrata? Giusta domanda.

Il problema è nato quando l’informazione veicolata dal neurone A a quello B che si trova dalla parte opposta (gli unici che mi sono rimasti), ha seguito una traccia mnestica coperta in buona parte da polvere e rifiuti abbandonati di vario tipo, considera anche la bollinatura sbiadita, ecco che il segnale partito una settimana fa è arrivato un paio di giorni fa.
Sergio da Gemona
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 15/01/2014, 20:22

Re: Ciao da Milano

Messaggioda dokkodo54 » 22/06/2018, 12:39

Sergio da Gemona ha scritto:Lavorare ancora!?
Quota cento l'hai raggiunta con l'età e il riscatto degli anni di università!
Ma chi te lo fa fare!


Oh bella...
Chi me lo fa fare? :o

Ma lo faccio perchè mi diverto, vivaddio!
E poi, sciocchino, l'azienda è mia... :lol:

Magari ti parrà strano ma ci può divertire anche lavorando.
Ad esempio, posso proporti un impiego come collaudatore di termometri rettali?
E' il posto giusto per te, altro che vendere quei mortiferi noiosi pitali! Ti divertiresti e avresti molti più stimoli.
Se vuoi posso mettere una buona parola giù al Personale... :lol: :lol: :lol:

Comunque, ribadisco, se tu avessi anche solo una vaga idea di cosa voglia dire un TSO nel mondo reale, avresti trovato un altro soggetto per i tuoi vaniloqui.

Ora mi tocca scendere, però.
Non vorrei, domattina, al momento fatidico, trovarmi a procedere troppo in scioltezza...

Un saluto,
dokkodo
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: Ciao da Milano

Messaggioda Sergio da Gemona » 22/06/2018, 13:44

Quando uno inizia a parlare della sua aziendina percepisco in lui un certo senso di inadeguatezza.

Dai! Era una battuta, non ti sarai mica offeso.

Il mio lavoro, come ben sai, è il coronamento di un sogno e mai lo cambierei con un altro anche se la tua offerta è molto allettante.

Vedi, caro Dokkodo54, ieri mi trovavo fuori regione per vendere dei pitali ad un gruppo di ingegneri. Un buon venditore sa che per vendere un pitale non dovrebbe mai parlare direttamente di pitali ma far sì che ne parlino gli altri.

Dunque si è discusso di vini, di montagne, di reti neurali, di intelligenza artificiale, fintanto che uno degli ingegneri presenti mi ha detto:

“Scusi, ma prima di procedere nella discussione non crede sarebbe meglio che definissimo con precisione il concetto di intelligenza artificiale?”.

Io, di tutta risposta gli ho detto:

“Meglio se ancor prima, definissimo il concetto di intelligenza e di come apprendiamo.

La ghiandaia di Clark nasconde cinquemila ghiande nel bosco e molti mesi dopo è capace di recuperarne il 98%. E’ forse più intelligente di lei? No (credo).
I colombi, invece, riconoscono immediatamente un oggetto, indipendentemente dal suo grado di disparità angolare, lei ci impiegherebbe il doppio o il triplo del tempo, per effetto della rotazione mentale. E’ forse più ottuso di un colombo?"

E lui "Certo che no! Sarei sicuramente in grado di riconoscerlo più in fretta di un colombo".


- Allora, che oggetto è questo?

- Un pitale!

- Proprio così.
Sergio da Gemona
 
Messaggi: 202
Iscritto il: 15/01/2014, 20:22

PrecedenteProssimo

Torna a Mi presento

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti