cerchiamo di essere un "Fiore"

Area di discussione a tema libero ma con caratteristiche comunque morigerate.

Re: cerchiamo di essere un "Fiore"

Messaggioda SHERPA61 » 07/11/2019, 10:15

no Laus.........allora.....a parte l'OT....

credi.....Marco è in Minnesota da 4 anni.....ma laggiù ci sono di quei songwriter e interpreti da paura...!...credimi..
magari come chitarrista fa la sua bella figura....e anzi....sta davanti a tantissimi di loro....ma come interprete è un'altro mondo.

quel che resta è il suo enorme up-grade professionale (però ora spero ritorni di qua...)....e il fatto che personalmente (son diparte ma.....) trovo molto bella e suggestiva sta canzone.....
a anche celestiale le ragazza col violoncello....

ecco (per rimanere sul "Fiore")......quando vedo queste cose....penso ad un diverso giudizio-valore , rispetto al solito che diamo noi "montanari", al termine Civiltà..!!...

namasté guy
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1140
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Nietzsche - un "Fiore"

Messaggioda SHERPA61 » 10/11/2019, 17:23

Fino ad oggi, dalla mia più tenera infanzia, non ho avuto nessuno che condividesse con me la stessa angoscia nel cuore e nella coscienza. Ciò mi costringe ancora oggi, spesso e assai malvolentieri, a presentarmi come se fossi una specie di uomo accettabile e comprensibile. Mi sono persuaso infatti che uno non può svilupparsi se non tra persone che la pensano come lui e hanno gli stessi ideali, e ahimé, non ce ne sono di simili. ….
….
Quasi tutte le mie relazioni sono state motivate dal senso di solitudine. Mi sentivo fortunato – che cosa ridicola! - quando incontravo, o credevo di incontrare qualcuno che avesse una briciola in comune con me. Il mio passato è carico di mille ricordi vergognosi di tali debolezze, momenti in cui non riuscivo a sopportare la solitudine. …..
….
Non per nulla sono stato gravemente malato – e ancora oggi lo sono sempre, sono triste – solo perché mi manca il giusto rimedio e devo continuamente recitare una commedia, invece di guarire in compagnia degli uomini. La consapevolezza che in me c’è qualcosa di strano e indecifrabile, che le mie parole suonano diversamente dalle stesse pronunciate da altri, che in me ci sono svariati colori che traggono in inganno, questa consapevolezza (…) è ancora oggi il grado più elevato di “comprensione” che io abbia mai raggiunto.

Nietzsche (lettera del 20 maggio 1885 all’amico Overbeck)
Avatar utente
SHERPA61
 
Messaggi: 1140
Iscritto il: 13/09/2012, 11:42
Località: Pordenone

Re: cerchiamo di essere un "Fiore"

Messaggioda Sergio da Gemona » 11/11/2019, 8:49

Attorno a me c'è sempre qualcuno di troppo: così pensa l'eremita.

Io e me siamo sempre troppo infervorati nel parlare: come si potrebbe reggere se non ci fosse un amico?

Per l'eremita l'amico è sempre il terzo: il terzo è il sughero che impedisce che il discorso tra i due sprofondi negli abissi.

Ah, ci sono troppi abissi per tutti gli eremiti. Per questo hanno tanto desiderio di un amico a della sua altezza.

Anonimo 54 - sito di incontri on line.
Sergio da Gemona
 
Messaggi: 197
Iscritto il: 15/01/2014, 20:22

Precedente

Torna a Non solo montagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron