The nose in meno di 2 ore

Argomenti vari legati al mondo della montagna.

The nose in meno di 2 ore

Messaggioda MOTP » 07/06/2018, 17:38

http://www.planetmountain.com/it/notizie/arrampicata/alex-honnold-e-tommy-caldwell-sotto-le-2-ore-su-the-nose.html

è da giorni che leggo notizie di questi due scimpanzè che continuano a fare record di velocità su The Nose, El Capitan e ogni volta sono rimasto sempre più stupefatto.
una parete di 1300 metri in neanche 2 ore... io in 2 ore è già tanto se faccio il primo tiro tirandomi su due staffe :maaemo:
che sia questo il futuro dell'alpinismo? mi piacerebbe sentire il commento di qualcuno più esperto
MOTP
 
Messaggi: 156
Iscritto il: 16/10/2016, 13:44
Località: Treviso

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda dokkodo54 » 11/06/2018, 19:40

Bella domanda, MOTP!
E sarebbe bello conoscere l'opinione di TUTTI.

Intanto provo a spiegare la mia, eh.

Con tutto il rispetto per Honnold, Caldwell e altri che si cimentano in questo genere di imprese, vale a dire le cosiddette "salite in velocità", ottenendo risultati che lasciano sbalordito anche me, io questo non lo considero "alpinismo". Per lo meno non come intendo io il "fare alpinismo".
Parlerei piuttosto di prestazioni sportive eccezionali realizzate da grandi atleti. Cose degnissime - sia chiaro - ma che con l'approccio mentale dell'alpinismo poco c'azzeccano.

Per cui, MOTP, quale sarà il futuro dell'alpinismo?
Dai tempi in cui l'uomo ha iniziato a curiosare sui monti ai giorni odierni, l'alpinismo ha già avuto molte evoluzioni e rivoluzioni e più che altrettanti eroi, profeti ed eretici.
Cosa verrà in futuro io non lo so (e questo è il bello).
Posso solo sperare che la creatività, l'estetica, l'avere una visione - in una parola: lo "stile" - saranno ancora compagni di cordata degli alpinisti di domani e che le loro realizzazioni non verranno misurate solo con l'effimero scorrere delle lancette di un cronometro.

Un saluto,
dokkodo
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda VinciMountain » 12/06/2018, 10:53

MOTP ha scritto:http://www.planetmountain.com/it/notizie/arrampicata/alex-honnold-e-tommy-caldwell-sotto-le-2-ore-su-the-nose.html

è da giorni che leggo notizie di questi due scimpanzè che continuano a fare record di velocità su The Nose, El Capitan e ogni volta sono rimasto sempre più stupefatto.
una parete di 1300 metri in neanche 2 ore... io in 2 ore è già tanto se faccio il primo tiro tirandomi su due staffe :maaemo:
che sia questo il futuro dell'alpinismo? mi piacerebbe sentire il commento di qualcuno più esperto


diciamo che già provare e ripeto, provare, a definire l'alpinismo ci porta via mezza giornata e/o svariate pagine del forum.. perchè non c'è una definizione esatta di cosa sia l'alpinismo.. o meglio, forse c'è ma comunque diciamo che ha svariate sfaccettature!
Il discorso delle salite in velocità è una di queste!
Onestamente non credo proprio che sarà il futuro dell'alpinismo, anzi.. sicuramente è una prova stupefacente fatta da due professionisti con un talento fuori dal comune. Ma di base sono 2 professionisti che per forza di cose (anche per uno stimolo personale ne sono convinto), devono cercare dei progetti sempre più "estremi" o comunque al limite del possibile/fattibile!

a mio parere è sicuramente più "alpinistico" un progetto del genere, piuttosto che una qualsiasi via "normale" fatta in ambiente Himalaiano.. sono 2 cose e ambienti diversi lo so, ma se vogliamo parlare delle varie sfaccettature del alpinismo trovo più alpinistico un progetto sul Nose piuttosto che una salita in Himalaia..

PS: nel mio piccolo (anzi piccolissimo :lol: ) lo scorso luglio ho fatto il Civetta in velocità. Partenza e ritorno a Malga Grava, salita e discesa dalla via Normale in 3.42min. Fatta al mattino presto, con scarpe da trailrunning, marsupio piccolo con 500ml acqua e 2 barrette. A molti fà storcere il naso un discorso del genere, ma per quanto mi riguarda ne ho un bellissimo ricordo! E anzi, punto a migliorare..
Avatar utente
VinciMountain
 
Messaggi: 1006
Iscritto il: 08/11/2011, 18:55
Località: val di Fiemme/val di Fassa

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda Mazariol » 12/06/2018, 17:40

VinciMountain ha scritto:
MOTP ha scritto:http://www.planetmountain.com/it/notizie/arrampicata/alex-honnold-e-tommy-caldwell-sotto-le-2-ore-su-the-nose.html

è da giorni che leggo notizie di questi due scimpanzè che continuano a fare record di velocità su The Nose, El Capitan e ogni volta sono rimasto sempre più stupefatto.
una parete di 1300 metri in neanche 2 ore... io in 2 ore è già tanto se faccio il primo tiro tirandomi su due staffe :maaemo:
che sia questo il futuro dell'alpinismo? mi piacerebbe sentire il commento di qualcuno più esperto


diciamo che già provare e ripeto, provare, a definire l'alpinismo ci porta via mezza giornata e/o svariate pagine del forum.. perchè non c'è una definizione esatta di cosa sia l'alpinismo.. o meglio, forse c'è ma comunque diciamo che ha svariate sfaccettature!
Il discorso delle salite in velocità è una di queste!
Onestamente non credo proprio che sarà il futuro dell'alpinismo, anzi.. sicuramente è una prova stupefacente fatta da due professionisti con un talento fuori dal comune. Ma di base sono 2 professionisti che per forza di cose (anche per uno stimolo personale ne sono convinto), devono cercare dei progetti sempre più "estremi" o comunque al limite del possibile/fattibile!

a mio parere è sicuramente più "alpinistico" un progetto del genere, piuttosto che una qualsiasi via "normale" fatta in ambiente Himalaiano.. sono 2 cose e ambienti diversi lo so, ma se vogliamo parlare delle varie sfaccettature del alpinismo trovo più alpinistico un progetto sul Nose piuttosto che una salita in Himalaia..

PS: nel mio piccolo (anzi piccolissimo :lol: ) lo scorso luglio ho fatto il Civetta in velocità. Partenza e ritorno a Malga Grava, salita e discesa dalla via Normale in 3.42min. Fatta al mattino presto, con scarpe da trailrunning, marsupio piccolo con 500ml acqua e 2 barrette. A molti fà storcere il naso un discorso del genere, ma per quanto mi riguarda ne ho un bellissimo ricordo! E anzi, punto a migliorare..

Complimenti, un altro come me e Trapperjack che ha capito veramente cosa significa andare in montagna :lovemo: . Sono certissimo che con un po' di allenamento riuscirai a stare sotto le 3 ore e mezza :naaemo:
Mazariol
 
Messaggi: 81
Iscritto il: 17/08/2017, 21:03

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda Sixtynine » 12/06/2018, 18:13

PS: nel mio piccolo (anzi piccolissimo :lol: ) lo scorso luglio ho fatto il Civetta in velocità. Partenza e ritorno a Malga Grava, salita e discesa dalla via Normale in 3.42min. Fatta al mattino presto, con scarpe da trailrunning, marsupio piccolo con 500ml acqua e 2 barrette. A molti fà storcere il naso un discorso del genere, ma per quanto mi riguarda ne ho un bellissimo ricordo! E anzi, punto a migliorare..


RDR......

Vinci, dacci dentro con gli allenamenti che si può fare di meglio, soprattutto in discesa....3.42min , quei due minuti proprio non si possono leggere!
Probabilmente hai seguito il tracciato senza prendere scorciatoie.
Sixtynine
 
Messaggi: 101
Iscritto il: 12/06/2017, 20:05

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda dokkodo54 » 12/06/2018, 20:16

VinciMountain ha scritto:a mio parere è sicuramente più "alpinistico" un progetto del genere, piuttosto che una qualsiasi via "normale" fatta in ambiente Himalaiano.. sono 2 cose e ambienti diversi lo so, ma se vogliamo parlare delle varie sfaccettature del alpinismo trovo più alpinistico un progetto sul Nose piuttosto che una salita in Himalaia..


Perchè ?
Potresti espandere questo concetto ?
Mi piacerebbe capire meglio il tuo pensiero...

VinciMountain ha scritto:nel mio piccolo (anzi piccolissimo :lol: ) lo scorso luglio ho fatto il Civetta in velocità. Partenza e ritorno a Malga Grava, salita e discesa dalla via Normale in 3.42min. Fatta al mattino presto, con scarpe da trailrunning, marsupio piccolo con 500ml acqua e 2 barrette. A molti fà storcere il naso un discorso del genere, ma per quanto mi riguarda ne ho un bellissimo ricordo!


Però !
Se hai fatto questa "prestazione" per sfida verso te stesso, ci credo che ne hai un bellissimo ricordo !
E non vedo perchè un discorso del genere debba far "storcere il naso", se è un'attività fatta con consapevolezza e rispettando la Montagna e la libertà altrui.
Montagna è libertà di fare anche queste cose, vivaddio!

Basta però che non me lo chiami "alpinismo", eh... :lol:

Un saluto,
dokkodo
"La via verso la cima è come il cammino verso se stessi, solitario" (Alessandro Gogna)
Avatar utente
dokkodo54
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 07/12/2014, 22:56
Località: alle pendici dell'Appennino, fra Mòdna e Bulåggna

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda VinciMountain » 13/06/2018, 6:44

Sixtynine ha scritto:
PS: nel mio piccolo (anzi piccolissimo :lol: ) lo scorso luglio ho fatto il Civetta in velocità. Partenza e ritorno a Malga Grava, salita e discesa dalla via Normale in 3.42min. Fatta al mattino presto, con scarpe da trailrunning, marsupio piccolo con 500ml acqua e 2 barrette. A molti fà storcere il naso un discorso del genere, ma per quanto mi riguarda ne ho un bellissimo ricordo! E anzi, punto a migliorare..


RDR......

Vinci, dacci dentro con gli allenamenti che si può fare di meglio, soprattutto in discesa....3.42min , quei due minuti proprio non si possono leggere!
Probabilmente hai seguito il tracciato senza prendere scorciatoie.


assolutamente seguito fedelmente il percorso.. prender scorciatoie è come barare.. :okkemo:

per quanto riguarda il tempo probabilmente riesco ad abbassare ancora.. l'altra volta avevo trovato un pò di verglas, rocce bagnate dopo il Torrani e poi nell'ultimo tratto di discesa dal Sentiero Tivan in poi riesco ad aumentare ancora il ritmo. Poi comunque ci sono parecchie variabili in questi casi.. su oltre 1600dsl+ e oltre 1600dsl- spalmati su circa 9km a+r possono esserci alcuni imprevisti che ti fanno perder tempo..
Avatar utente
VinciMountain
 
Messaggi: 1006
Iscritto il: 08/11/2011, 18:55
Località: val di Fiemme/val di Fassa

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda VinciMountain » 13/06/2018, 7:07

dokkodo54 ha scritto:
VinciMountain ha scritto:a mio parere è sicuramente più "alpinistico" un progetto del genere, piuttosto che una qualsiasi via "normale" fatta in ambiente Himalaiano.. sono 2 cose e ambienti diversi lo so, ma se vogliamo parlare delle varie sfaccettature del alpinismo trovo più alpinistico un progetto sul Nose piuttosto che una salita in Himalaia..


Perchè ?
Potresti espandere questo concetto ?
Mi piacerebbe capire meglio il tuo pensiero...



il mio discorso era rivolto alle grandi salite Himalaiane.
Come per ammissione di alcuni alpinisti professionisti (Simone Moro in primis se non sbaglio), nella salita di un grande 8000 se si valuta l'intero percorso, sviluppo, via di salita di alpinistico c'è ben poco. Citando proprio le parole di Moro "bisogna essere dei buoni camminatori e saper sopportare la fatica". Attenzione che non vuol dire che sia facile o altro.. semplicemente che guardando la salita nel suo insieme di alpinistico c'è poco.
Avatar utente
VinciMountain
 
Messaggi: 1006
Iscritto il: 08/11/2011, 18:55
Località: val di Fiemme/val di Fassa

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda Sergio69 » 13/06/2018, 11:09

VinciMountain ha scritto:il mio discorso era rivolto alle grandi salite Himalaiane.
Come per ammissione di alcuni alpinisti professionisti (Simone Moro in primis se non sbaglio), nella salita di un grande 8000 se si valuta l'intero percorso, sviluppo, via di salita di alpinistico c'è ben poco. Citando proprio le parole di Moro "bisogna essere dei buoni camminatori e saper sopportare la fatica". Attenzione che non vuol dire che sia facile o altro.. semplicemente che guardando la salita nel suo insieme di alpinistico c'è poco.


Se lo dici tu... :roll: :roll: :roll:
Avatar utente
Sergio69
 
Messaggi: 810
Iscritto il: 28/07/2014, 15:44

Re: The nose in meno di 2 ore

Messaggioda VinciMountain » 13/06/2018, 13:11

Sergio69 ha scritto:
VinciMountain ha scritto:il mio discorso era rivolto alle grandi salite Himalaiane.
Come per ammissione di alcuni alpinisti professionisti (Simone Moro in primis se non sbaglio), nella salita di un grande 8000 se si valuta l'intero percorso, sviluppo, via di salita di alpinistico c'è ben poco. Citando proprio le parole di Moro "bisogna essere dei buoni camminatori e saper sopportare la fatica". Attenzione che non vuol dire che sia facile o altro.. semplicemente che guardando la salita nel suo insieme di alpinistico c'è poco.


Se lo dici tu... :roll: :roll: :roll:


prima che si scateni un putiferio per niente.. che non ho voglia di star là a "giustificare" quello che ho scritto..

preciso che io mi riferivo a quello che sono le vie "classiche".. nessuna apertura di nuove vie o altro.. io mi riferivo a vie "classiche" già aperte e ripetute.. E lo ripeto, non lo dico io ma bene o male è un concetto espresso anche da professionisti..
Avatar utente
VinciMountain
 
Messaggi: 1006
Iscritto il: 08/11/2011, 18:55
Località: val di Fiemme/val di Fassa

Prossimo

Torna a Ancora montagna

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron