Cerca

Caratteristiche

  • Moderatamente difficile con difficoltà però variabili in dipendenza dalle condizioni del ghiacciaio nel caso di risalita dal versante Fedaia.
  • Versante Nord - Fedaia
    - dal Lago Fedaia -2050mt- a Pian dei Fiacconi - 2685mt: dislivello 630mt, servizio di cabinovia (la prima corsa è verso le 7.30 del mattino per info. tel.0462602535)
    - da Pian dei Fiacconi alla Forcella Marmolada -attacco ferrata - 2895mt: 400mt-1.30h.
    - da Forcella Marmolada a Punta Penìa - 3348mt: dislivello 450mt, circa 2.00h.
    - in discesa, da Punta Penìa ritorno a Pian dei Fiacconi per il ghiacciaio: tratto alpinistico, cresta nevosa (la Schena de Mul) + tratto su roccia (I° grado) + tratto su ghiacciaio. Dislivello in discesa 660mt-1.45h
    - da Pian dei Fiacconi al lago Fedaia: si può fare in cabinovia senza perdere nulla, oppure per i tenaci a piedi su comodo sentiero, dislivello in discesa 630mt-1.00h.
    Versante Sud - Val Contrin
    - da Alba di Canazei al rifugio Contrin: 550mt - 1.30h.
    - dal rifugio Contrin a forcella Marmolada - attacco ferrata: 800mt - 2.00h
    - da Forcella Marmolada a Punta Penìa - 3348mt: dislivello 450mt, circa 2.00h.
  • - rifugio Pian dei Fiacconi dal versante Nord
    - rifugio Contrin dal versante Sud
    - Capanna Marmolada (sorge sulla Punta Penìa a 3340mt)
  • 0462-602535
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 2.3
Esposizione 2.8
Varietà passaggi 2
Impegno fisico 4.2
Interesse paesaggistico 5
Numero votazioni 82
VALUTAZIONE FERRATA PHOTOGALLERY Relazione PHOTOGALLERY Esterna1 - GOOGLE.MAPS 2 - GOOGLE.MAPS 1- Via Normale su VIENORMALI.it2- Via Normale su VIENORMALI.it3- Via Normale su VIENORMALI.it

Via Ferrata PUNTA PENìA

CRESTA OVEST

BY - VIEFERRATE.IT - Luglio 2016

La "Regina delle Dolomiti" e la sua vetta più alta, la Punta Penia-3348mt, si possono risalire attraverso svariati percorsi di ogni grado di difficoltà e tra questi uno dei più frequentati è la Via attrezzata per la cresta Ovest. Tale Via è possibile affrontarla partendo dai 2 versanti opposti della cresta ovvero versante passo Fedaia -Pian dei Fiacconi - e versante Alba di Canazei-Val Contrin . Di seguito vengono descritti in contemporanea entrambi gli avvicinamenti fino all'attacco comune della cresta ovvero Forcella Marmolada - 2896mt.

PERCORSO STRADALE

Accesso - 1: da Canazei-Tn in Val di Fassa percorrere la strada asfaltata fino al Passo e al lago Fedaia. Attraversare il lago sulla diga e parcheggiare l’auto nei pressi della partenza della cabinovia per Pian dei Fiacconi. Il lago Fedaia è raggiungibile dal lato orientale salendo da Malga Ciapela.

Accesso - 2: si raggiunge Alba di Canaze-Tn (Val di Fassa-1485mt) e si parcheggia presso il piazzale della stazione di partenza della Funivia del Ciampac. Si prende quindi la strada forestale/sentiero n.602 che, dopo una serie di tornanti, percorre la bella e pianeggiante Valle di Contrin. Si procede sempre per la strada/sentiero fino al rifugio Contrin-2056mt.

AVVICINAMENTO

Avvicinamento - 1: appena scesi dalla cabinovia, prendere la traccia in direzione ovest. Il percorso si snoda lungo rocce montonate, attraverso dossi dalla chiara fisiografia glaciale. Seguire gli ometti in pietra e le tracce di vernice -segnavia n.606- fino ad aggirare uno sperone roccioso che, perdendo circa 150mt di quota, porta in 1.00h alla base del Ghiacciaio del Vernel. La salita, nella parte inferiore su traccia fra detriti mobili, punta verso il centro della conca (non a sinistra come potrebbe sembrare), sino a raggiungere il bordo inferiore del Ghiacciaio del Vernel. Il proseguo sulla Vedretta può essere semplice, su facile traccia nella neve, ad inizio stagione. Più frequentemente, si risale nei mesi di luglio, agosto e oltre su ghiaccio vivo, a tratti molto ripido, con la necessità di calzare i ramponi per vincere la forte pendenza del ghiacciaio. Nel settore superiore della vedretta possono aprirsi talvolta alcuni insidiosi crepacci che richiedono attenzione per il loro superamento. Si guadagna infine il bordo a destra terminale della distesa ghiacciata andando ad afferrare le prime funi della ferrata sul fianco orientale del Piccolo Vernel. Risalendo ora alcune placchette inclinate , le funi fisse conducono rapidamente alla sella che divide il Piccolo Vernel dalla Punta Penia denominata appunto forcella Marmolada a poco meno do 2.00h dalla partenza.

Avvicinamento - 2: dal rifugio Contrin si prende il sentiero n.606 per forcella Marmolada. Dopo un sentiero iniziale tra prati e mughi, il percorso si sviluppa all'interno di un ripido ghiaione, meno faticoso di una volta grazie alla sistemazione del sentiero nei tratti più cedevoli anche se a tratti bisognosi di manutenzione. Questa parte dell'avvicinamento può presentare ancora tratti innevati ad inizio stagione. Pochi metri sotto la stretta e detritica forcella, da ignorare la vecchia serie di staffe ancora presenti ma non più assicurate dal cavo , iniziano le prime attrezzature che portano qualche metro più in alto in corrispondenza della forcella punto d'arrivo comune con la salita dal Pian dei Fiacconi. Per giungere quindi al suddetto punto, dopo aver indossato l'imbrago, si risale una facile serie di staffe metalliche poi dopo alcune facili roccette ci si sposta lievemente a sinistra per una seconda breve serie di staffe e si traversa in diagonale superando così una levigata placca inizialmente attraverso ulteriori staffe in forte esposizione passando sopra la vecchia serie di attrezzature ormai in disuso poi sfruttando la presenza di alcuni appoggi naturali fino ad una nuova serie di cambre poste orizzontalmente dalla quale in pochi metri si giunge alla forcella a circa 2.30 dalla partenza.

LA FERRATA

Giunti alla forcella Marmolada -2896mt- le 2 vie di salita si fondono ora in una unica ovvero la cresta Ovest. In corrispondenza dell'attacco alla cresta è presenta una vecchia baracca di guerra ricavata nella roccia che da subito ricorda quanto la marmolada sia stata zona bellica durante la Prima Guerra Mondiale. Si parte allora con una serie di cambre su placca "appoggiata" , da notare che questa tipologia di attrezzature accompagneranno gran parte della Via, uscendone ben presto su fondo detritico dove una traccia di sentiero conduce ad un lungo costone roccioso , mentre alle nostre spalle incombono imponenti il Piccolo e Grande Vernel , interrotto solo da una serie di staffe dove la roccia diventa più levigata . Si passa davanti ad una altra fortificazione bellica e portandosi sul ripido versante nord si traversa una placca in leggera salita grazie all'ausilio di alcuni pioli, vecchio stampo, che fungono da gradini raggiungendo la base di un diedro che inizialmente continua ad essere attrezzato con questa tipologia di pioli anche se all'attacco di questi è presente una struttura metallica piuttosto originale . Si risale quindi la placconata inclinata senza particolari difficoltà trattandosi fondamentalmente di una scala trovando in uscita delle facili roccette che si riducono a piano inclinato con il cavo che funge praticamente da scorrimano . Come già incontrato in precedenza, una lunga serie di pioli permettono di superare trasversalmente una placca piuttosto levigata per raggiungere una cengia rocciosa dalla quale parte una nuova lunga serie di cambre che, dove la parete si appoggia maggiormente, lascia poi il posto ancora al solo cavo scorrimano al quale è comunque sempre raccomandato essere assicurati in quanto una scivolata su queste placche inclinate sarebbe davvero grave. Altra cengia, stavolta più detritica , altra breve serie di cambre , ancora una griglia metallica e lentamente si guadagnano metri sfruttando fin qui, più che la cresta, i piani inclinati del versante Nord con scarsa varietà di passaggi ed una progressione per lunghi tratti monotona. Alcuni brevi passaggi su facili roccette interrompono solo temporaneamente la presenza delle molteplici staffe, si sfrutta una fenditura alla base di una paretina per salire in obliquo e dopo alcune staffe , pioli ed alcuni metri di solo cavo in leggera salita si giunge presso un comodo pulpito dove oltre al meritato riposo è doveroso uno sgardo al panorama che spazia sui principali Gruppi Dolomitici nonchè sul sottostante lago di Fedaia . Da qui la Via si sviluppa molto più in cresta di quanto non fatto finora così come si intuisce fin dalla ripartenza dove si supera un facile salto roccioso per portarsi così proprio sul filo di cresta dal quale è evidente il proseguo della Via fino quasi alla vetta . Si perde lievemente quota in direzione di una selletta , si riguadagna poi subito quota e dopo aver camminato praticamente sempre sul versante Nord la visuale ora si apre finalmente anche verso Sud in particolare sulla sottostante Val Contrin ; si procede fondamentalmente lungo un sentiero attrezzato di cresta incontrando solo qualche innocue roccette , non ci sono passaggi particolari degni di nota e si prosegue quasi orizzontalmente su fondo parzialmente detritico in direzione del nevaio sommitale . Naturalmente il punto in cui è possibile portarsi dalla cresta rocciosa al nevaio varia continuamente a seconda del periodo e condizioni nei quali si affronta la salita. E' possibile da qui puntare alla vicina croce di vetta direttamente dal nevaio oppure mantenendosi a destra seguendo ancora le roccette di cresta, non attrezzate, dove alcuni ometti guidano alla vetta passando per Capanna Punta Penìa . Dalla vetta panorama a 360° sulle principali cime Dolomitiche ad iniziare dalla vicina Punta Rocca , altra cima della Marmolada, per continuare con Piz Boè , gruppo del Sassolungo , cresta Padon e molte altre.

DISCESA

La discesa, così come l'avvicinamento richiede una scelta tra 2 possibilità distinte e generalmente condizionate dal versante dal quale si è partiti.

1 - se saliti invece dal versante Nord -Fedaia- si presenta invece la possibilità di scendere attraverso il Ghiacciaio. Per fare ciò, legati in cordata e piccozza alla mano, si scende lungo la facile cresta della Schena de Mul fino alla dorsale rocciosa. Quest’ultima scende per 150mt con facili passaggi di I° grado direttamente sul ghiacciaio sottostante. I passaggi possono presentare qualche insidia in caso di neve o ghiaccio, nel qual caso potrete fare assicurazione sfruttando i numerosi spuntoni di roccia e alcuni pioli metallici già in loco. Il passaggio è spesso affollato nei due sensi, quindi prestate attenzione a non smuovere sassi (casco!) . Questo tratto, per chi non ha confidenza con la roccia, può essere considerato il più impegnativo dell'intero giro. Le rocce terminano su una zona di rocce rotte. Un cavo fissato in alto facilita l'attraversamento di questo tratto che si può anche superare traversando a destra e aggirando a monte questa zona. Attenzione al superamento della crepaccia terminale che, in anni con apporti nevosi scarsi, può essere molto aperta. La discesa prosegue poi per traccia nevosa lungo il ghiacciaio della Marmolada, fino a raggiungere il rifugio e gli impianti di Pian dei Fiacconi concludendo così ad anello l'escursione.

2 - nel caso di salita dalla Val Contrin è necessario ripercorrere a ritroso l'intero percorso fino all'omonimo rifugio compreso la ferrata in cresta appena percorsa. Ciò implica al di là del disagio a ripercorre una Via attrezzata in discesa anche la forte possibilità di incrociare ancora escursionisti che stanno salendo lungo la cresta con eventuali disagi per ovvi motivi di precedenze e tempistiche di attesa. Il vantaggio, se così lo vogliamo chiamare, è di evitare la progressione sul Ghiacciaio.

CONSIDERAZIONI

Dal punto di vista tecnico questa Via attrezzata non presenta particolari difficoltà o passaggi chiave anzi in sè può risultare piuttosto noiosa e monotona per chi apprezza invece le Vie che offrono possibilità di procedere anche tramite appigli rocciosi e gradisce pure una certa varietà di passaggi. Viene spesso sottolineata l'eventuale pericolosità in caso di tratti ancora innevati o ghiacciati ma è questo un fattore caratteristico di quasi tutte le Vie ferrate. Il fattore tecnico da valutare invece con attenzione è la progressione lungo il Ghiacciaio (Vernel e Marmolada) che come tale va affrontato con attrezzature e capacità che esulano dal discorso Vie ferrate. Ci si può ritrovare a ridiscendere un semplice pendìo nevoso così come invece un ambiente fortemente crepacciato . Attenzione anche al terminale roccioso tra il nevaio sommitale e l'inizio del ghiacciaio -Schiena del Mul- vero e proprio dove potrebbe essere utile una corda per assicurare il passaggio. La discesa a ritroso invece lungo la Via ferrata pur non richiedendo particolari capacità può infastidire nella calata lungo le molteplici staffe.

Commenti   

+3 #30 Dario 2016-09-08 09:04
Percorsa il 07/09/2016 Esperienza alpinistica di tutto rispetto se percorsa come nel mio caso in solitudine, la ferrata di per sé è semplice e ben attrezzata, ma va tenuto in considerazione la quota con i suoi repentini cambiamenti del meteo e l'eventuale presenza di verglass sulla via se percorsa come me a settembre. La discesa per la via normale richiede attenzione viste le condizioni disastrate di quel che rimane del ghiacciaio. Nel complesso una escursione che merita di essere fatta almeno una volta nella vita.
Citazione
+1 #29 Fabio Mazzocco 2015-01-23 00:00
Percorsa il 18/08/2014 Ferrata percorsa oggi, purtroppo la giornata non era delle migliori: nebbia e vento, poi in cima fortunatamente si é schiarito. Il percorso non é difficile, bisogna usare molto il cavo e le scale ricavate con pioli nella roccia. In generale nella media ( a me non piacciono molto quelle dove si deve usare molto il cavo). Sicuramente con un tempo migliore il panorama avrebbe ripagato ampiamente il giro che nel complesso é stato positivo; suggerisco di scendere dalla normale e non dalla ferrata.
Citazione
+2 #28 Federica Chiara Codegoni 2015-01-23 00:00
Percorsa il 05/09/2013, con il ghiacciaio in condizioni perfette. Molto bella la ferrata, in parte esposta, ma sempre ben attrezzata con pioli. Stupenda la discesa sul ghiacciaio, perchè sembra di percorrere una via alpinistica, avendo come sfondo le rocce ed i prati delle Dolomiti.
Citazione
0 #27 Fabio Trabaldo 2015-01-23 00:00
Percorsa il 21/08/2013 ferrata perfetta giornata splendida. la ferrata era pulitissima e ben mantenuta, la particolarità sono la varietà di ambiente parti a camminare su roccia, poi su ghiaccio e da li attacchi la ferrata che di persè non è nulla di che, la discesa poi ricominci su nevaio, disarrampichi su roccia attrezzata e poi il bel ghiacciaio della marmolada. Il giro completo merita parecchio.
Citazione
+1 #26 Andrea Gambetti 2015-01-23 00:00
Percorsa il 09/2012: La ferrata è in ottime condizioni, non ci sono chiodi o cavi lenti. Non si tratta di una ascensione difficile (la ferrata non è mai particolarmente esposta o verticale, e presenta un sacco di pioli), ma è da effettuarsi solo se si conoscono le manovre basilari su ghiaccio: si attraversano varie volte lingue di ghiacciaio, che oltretutto, essendosi ritirato parecchio, ha lasciato scoperti tratti non assicurati. Indispensabili corda e ramponi. In caso contrario suggerisco il ricorso ad una guida alpina. Salendo dalla stazione a monte dell'impianto di Pian dei Fiacconi il dislivello non è eccessivo, ma non è da dimenticare che si arriva a 3300 metri... Panorami mozzafiato, non dimenticate la macchina fotografica!
Citazione
0 #25 Igor Bindocci 2015-01-23 00:00
Percorsa il 19/07/2012 Facile ferrata in buone condizioni climatiche. Molto caldo in basso freddo e ventoso sopra i 3000. Avvicinamento abbastanza lungo ma semplice. Più problematica la discesa su ghiacciaio che si sta sciogliendo come un gelato al sole. Pericoloso il crepaccio sotto le roccette, grandi intoppi a causa di cordate inesperte, una ragazza inglese è stata fermata mentre stava scivolando dentro al crepaccio a pochi metri dallo stesso. Noi eravamo con la guida che alla fine insieme alle altre 2 guide presenti ha aiutato le 2 o 3 cordate in panico a superare il punto critico. Bella esperienza.
Citazione
0 #24 Leo Cini 2015-01-23 00:00
26/08/2011 Ferrata fantastica dal punto di vista paesaggistico, un po' dura ma altamente gratificante. Meteo perfetto. Esursione nel complesso impegnativa,la ferrata di per se non è impossibile, ma va eseguita con attenzione e impegno soprattutto nella prima parte poichè è molto scivolosa a causa della roccia bagnata e scarponi bagnati per il passaggio nella neve. Ritorno dal ghiacciaio (per me la prima volta)in cordata senza particolari problemi ma con un crepaccio (poco simpatico) da superare con un salto. Grazie per la splendida giornata alla guida Tommi e agli indimenticabili amici scalatori Kim e Simone.
Citazione
0 #23 Alida Feltri 2015-01-23 00:00
22/08/2011 Siamo saliti dal Pian dei Fiacconi. In 40 minuti eravamo sotto il ghiacciaio del Vernel, quasi privo di neve. Una ventine di persone davanti a noi hanno risalito senza ramponi e sul margine destro del ghiacciaio, facendo precipitare a valle molte pietre, anche di grosse dimensioni. Uno di loro è scivolato a valle, fermandosi solo dopo una quindicina di metri. Un altro ha tentato di risalire il pendio ripido e ghiacciato solo con l'uso della picozza, praticamente striciando per raggiungere la forcella e ostinandosi a non indossare i ramponi. Una scena spaventosa. Solo per miracolo le persone dietro sono riuscite ad evitare di essere colpiti dai numerosi sassi. Solo uno è stato colpito sullo zaino. Noi siamo rimasti al centro del ghiacciaio e con i ramponi abbiamo raggiunto con facilità l'inizio della ferrata. Dopodiché è stata una passeggiata spettacolare, anche se faticosa per la lunghezza e l'altitudine. Una vista mozzafiato permessa da una giornata molto limpida e calda. In cima un ottimo strudel e un the caldo ci hanno ritemprato. La discesa per via normale è da fare con attenzione perché la neve è scarsissima e molle. Ho avuto un po' di fastidio a scendere dal canalino roccioso indossando Koflach e ramponi, anche perché due persone mi pressavano da dietro. La ferrata non è difficile, ma il percorso nel suo complesso sì e richiede ottime condizioni fisiche e un equipaggiamento di sicurezza completo e affidabile.
Citazione
+1 #22 Emanuele Ciabattini 2015-01-23 00:00
13/08/2011 Bella ferrata da fare ma anche qui ho fatto una variazione di percorso il 13/08/2011.Parcheggio Ciampac rifugio Contrin forcella Marmolada ferrata Punta Penia e ritorno durissimo ma bellissima.
Citazione
+1 #21 Roberto Amadesi 2015-01-23 00:00
20/08/2011. Escursione fantastica. Meteo direi perfetto con poche nuvole e caldo. La ferrata non e' molto difficile ma lunga e con tratti molto esposti. Le attrezzature sono un po malconce ma credo le stiano per rinnovare. Il rientro sul ghiacciaio senza problemi, solo un piccolo crepaccio da superare con un salto. Ero in compagnia della guida alpina e di altri quattro ragazzi molto in gamba. Grazie per la splendida giornata.
Citazione

Aggiungi commento