Cerca

Caratteristiche

  • Da abbastanza difficile a difficile con alcuni tratti molto difficili. Percorso alpinistico per esperti da affrontare solo con preparazione,l’esperienza ed attrezzatura adeguate.
  • Da Crocefieschi all’attacco 25'.
    - 1° settore “l’Anchise” 35'
    - 2° settore “la Biurca” 50'
    - 3° settore “traverso” 30'
    - 4° settore “Carrega do Diao” 30' 
    discesa a Crocefieschi 1h per sentiero segnato F.I.E.
  • dislivello in salita: da Crocefieschi 300mt ca.
  • abitato di Crocefieschi.
  • STAMPA
  • versione PDF
  • Seguici su Facebook

Media valutazioni

Difficoltà tecniche 3.3
Esposizione 2.5
Varietà passaggi 3.5
Impegno fisico 3
Interesse paesaggistico 2.5
Numero votazioni 36
VALUTAZIONE DELLA FERRATA GALLERIA FOTOGRAFICAGOOGLE.MAPS

Via Ferrata  DEANNA ORLANDINI

REOPASSO

segnalata da CARLO VALENTE

PERCORSO STRADALE

Autostrada A7 Milano-Genova.Uscita Busalla,da qui 9 km e si raggiunge Crocefieschi.

AVVICINAMENTO

Si continua per strada asfaltata in salita alla cappella della Madonna della Guardia e si prosegue per sentiero con segnavia F.I.E. (quadrato giallo vuoto) che porta alle Rocche del Reopasso. In prossimità del primo colletto (828mt),tra il M.Castello e l’Anchise (o Grillo o Lumaca del Reopasso),si lascia il sentiero e si sale a destra (cartello di segnalazione ed avvertenze) per tracce,rocce e erba (segni arancio) si raggiunge una spalla dove,sullo sperone che delimita a destra la parete sud dell’Anchise,attacca la via ferrata.

LA FERRATA

1° settore: l’attacco è in prossimità di una singolare cavità rocciosa dove si entra per accedere ad una profonda e sinuosa fenditura attrezzata. Con percorso sempre più verticale e faticoso si sale tra le pareti della stretta ed impegnativa spaccatura traversando poi da una parete all’altra per uscire direttamente sulla cresta. In alternativa la “variante”:si sale pochi metri a monte dell’attacco dell’itinerario descritto e seguendo il cavo si raggiunge direttamente il filo di cresta. Chi volesse abbandonare qui la via ferrata può prendere a destra un comodo sentierino che scende in un boschetto rado e nuovamente all’attacco. Si prosegue ora per filo di cresta fino alla cima dell’Anchise (828mt): la punta si può raggiungere da entrambe i cavi che la contornano. Da qui si scende sempre per cresta,prima seguendo il cavo poi per tracce di sentiero segnalate con bolli arancio,fino al colletto tra Anchise e Biurca a quota 820mt. (panche e tavolo in legno). 
2° settore: si attacca immediatamente la base rocciosa della Biurca e,per sfasciumi e tracce,seguendo i bolli arancio,si prende di nuovo il cavo. Si vince un primo risalto fino ad una spalla erbosa. Si continua per il filo della cresta S-SE fino ad una cengia che attraversa,a destra,la base della verticale parete NE. Di qui due possibilità:
a -traversare la cengia attrezzata in leggera discesa,poi, raggiunto il canale con alberi,per tracce di passaggio,rocce inclinate e gradoni segnalati sempre con bolli arancio,salire al bivacco.
b -salire direttamente la parete verticale con tratti strapiombanti e poi traversare a sinistra fino a raggiungere lo spigolo S-SE e per questo la punta sud della Biurca (934mt-libro di vetta).Da questa scendere all’intaglio dove,pochi metri a nord,è posto il bivacco.Dall’intaglio si sale sulla punta nord della Biurca (941mt),che è anche la più alta (crocifisso),e si scende seguendo le segnalazioni sul sentiero in direzione della Carrega do Diao.
3° settore: si prende a destra (freccia) e si attraversa per 150mt circa un sistema di cenge e paretine attrezzate fino in prossimità di un colletto. Nuovamente due le possibilità:
a-seguire il cavo fino al colletto e,da questo,portarsi all’attacco dell’evidente pilastro verticale. 
b-attraversare il ponte su cavo di acciaio di 15mt circa e salire direttamente alla base del pilastro (da primavera 2005).
4° settore: salire il pilastro a tratti strapiombante e raggiungere la spalla meridionale. Dopo un breve tratto pianeggiante salire l’ultimo risalto e raggiungere la vetta della Carrega do Diao (959mt).

DISCESA

Dalla vetta della Carrega,seguendo il segnavia giallo F.I.E.,si scende in un diedro canale attrezzato con cavo e per rocce inclinate si ritorna sulla spalla sud. Proseguendo sempre per il sentiero segnalato che taglia per una cengia alberata si scende sulla sella dove si dipartono due sentieri. Seguire con attenzione il sentiero che scende ripidamente sulla sinistra,costeggia il versante occidentale della Carrega e,per rocce inclinate attrezzate con cavi porta,su panoramico crinale,fino sulla Biurca Nord. Da qui per rocce e tracce di sentiero si scende ripidamente la cresta ovest (via normale). Giunti ai piedi della cresta si piega a sinistra e costeggiando la parete meridionale della Biurca si giunge al colletto con tavolo e panche a quota 820mt. Poi,per sentiero più agevole,sempre segnalato,si torna a Crocefieschi. 

CONSIDERAZIONI

La via è prevalentemente di cresta, molto panoramica, e si svolge a circa 1000mt di quota. Salvo in caso di nevicata è percorribile tutto l'anno. E' lunga circa 1000mt di cui 600 attrezzata con cavi acciaio. La roccia è conglomerato. Non è da sottovalutare,in alcuni tratti occorre superare parti strapiombanti.

Commenti   

0 #41 Sergio Gallo 2017-11-20 20:37
Percorsa il 19/11/2017. Ferrata molto bella e appagante. La parte più difficile è quella iniziale che dalla fessura si sviluppa in verticale in una specie di camino che esce sulla cima. Molto bella anche la salita verso la Biurca sud nei pressi del Bivacco. In alcuni passaggi è consigliabile avere un cavetto per ancoraggio in modo da riposare le braccia. Divertente il ponte e impegnativo il pilastro della cadrega dove si può andare in crisi se si è poco allenati e/o si basa tutto sulla forza delle braccia. Importante prima di tutti i passaggi difficili cercare buoni appoggi anche per le gambe, usandole quando si può come leve in opposizione. Non avevo mai fatto ferrate così impegnative come grado di arrampicata e per questo sono molto soddisfatto. Consigliabile la prima volta farla accompagnati da qualcuno bravo.
Citazione
+2 #40 Ghigo 2017-10-21 17:01
Percorsa il 20/10/2017 dopo 25 anni sono tornato sul Reopasso. Accompagnato da mio fratello, esperto, abbiamo percorso 1 e 2 settore, nella traversata per raggiungere spigolo S-SE un attimo di difficoltà per stanchezza (dopo quasi 30 anni ritornavo in parete). Nel terzo settore attraversato solo il ponte di cavo: soddisfatto di quanto fatto, la salita del pilastro al prossimo appuntamento. Complimenti Dasty e un pensiero a Lorre.
Citazione
0 #39 Brunello Bertelli 2017-10-16 09:34
Percorsa il 10/2017 un vero gioiellino. Complimenti ai tracciatori. Non essendoci staffe per i piedi la rende da "arrampicata".
Un po' di esperienza non guasta. Ho trovato gente bloccata per il troppo uso delle braccia.
Citazione
0 #38 Sandro Raso 2017-08-12 19:19
Percorsa il 12/08/2017 L'ho rifatta stamattina. L'avevo percorsa diverse volte in passato, ma erano almeno 15 anni che non ci andavo (nonostante la vicinanza a casa). Ferrata in ottime condizioni e con diverse vie di fuga ben segnate, ma chi vuole percorrerla tutta non commetta l'errore di considerarla facile: almeno due passaggi (peraltro evitabili) sono invece estremamente difficili.
Nonostante abbia avuto tre anni di stop per motivi familiari ed oggi fosse la prima volta che riprendevo imbrago e set da ferrata, non ho avuto difficoltà.
Sul traverso a strapiombo mi è venuto bene il 3° moschettone che porto sempre con me con 5 metri di cordino: così ho potuto aiutare un tale che da solo non ce la faceva a tirarsi su. Vabbè che era ben assicurato e non sarebbe precipitato ma solo rimasto appeso, comunque senza il mio aiuto avrebbe dovuto attendere il Soccorso Alpino.
Citazione
0 #37 Mauro 2017-07-07 13:12
Percorsa il 05/07/2017 Si presenta in ordine in tutti i tratti. Priva di staffe la rende una ferrata abbastanza difficile, da affrontare con un minimo di preparazione atletica...Fatta per la prima volta dalla collega esperta in ferrate ed arrampicate, a suo avviso l'unico neo è la mancanza di segni visibili per il sentiero dei rientro...effettivamente se non la si fa con uno che conosce il percorso si rischia di sbagliare tragitto in diversi punti. Attenzione quindi ad individuare i segni gialli.
Citazione
0 #36 Alessandro Vimodrone 2017-05-13 14:34
Percorsa il 01/05/2017
Bella ferrata in un contesto davvero unico. Non essendoci nessuna staffa la ferrata è molto divertente anche grazie alla conformazione della roccia ( agglomerato ) che consente di cimentarsi in arrampicata anche a chi non ha particolari doti tecniche. La parte più ardua dal mio punto di vista, è stata la fessura iniziale, forse anche per via delle dita ancora fredde, poi via via ci sono difficoltà più contenute. Bello il segmento prima del rifugio ed il tratto prima della cima. Obbligatorio comunque l'uso di imbrago e caschetto per divertirsi in totale sicurezza, non fate gli eroi come qualcuno che ho visto ...
Ripercorrerò molto volentieri questa bella ferrata
Citazione
0 #35 Donatella Dell Erba 2016-12-30 20:43
Percorsa il 26/12/2016, dopo solo due esperienze in ferrata. Tracciato molto bello, ma impegnativo già dal tratto iniziale. Molto romantica la sosta in bivacco che da sola vale la fatica per arrivare. Poi l'attacco verso la carega do diau con vista spettacolare. Un grazie particolare all'amico Arcangelo del Bar del paese per i preziosi consigli.
Citazione
+4 #34 Ilaria 2015-04-13 09:43
Percorsa il 11/04/2015.
Ferrata molto varia con 3 passaggi difficili: l'attacco che si sviluppa in verticale all'interno di una gola non è proprio una "belinata", richiede una buona dose di tecnica, la biurca in prossimità del bivacco è impegnativa ma solo per quelle due/tre bracciate prima di giungere all'ultimo traverso..una volta arrivati li il più è fatto..la carega invece richiede tantissima forza soprattutto perché ad un certo punto "spancia" lievemente quindi consiglio a chi ha un buon allenamento. Un rinvio potrebbe tornare molto utile. Nonostante ciò, dal momento che questi tre passaggi sono tutti raggirabili la considero a portata di tutti, anche il traverso poco prima del cavo d'acciaio non è proibitivo.
Citazione
0 #33 Dario Poggioli 2015-03-01 20:42
Percorsa il 01/03/2015. Ferrata molto bella ma impegnativa. Fin dal primo tratto manifesta tutta la difficoltà. Molto ripida la Biurca prima del bivacco. E per finire la parete finale Carrega do Diao, da affrontare quando stanchi e provati.
La soddisfazione di arrivare in cima è più grande della fatica.
Non per principianti.
Citazione
+2 #32 Filippo Meoli 2015-01-23 00:00
Percorsa il 07/2014 Attacco subito impegnativo da fare in spaccata..Ferrata in generale molto varia, una palestra, con passaggi diversi, appigli ne troppi ne pochi, non per principianti, in alcune parti serve un po di forza fisica per superare i punti critici...ponte sospeso abbastanza corto non troppo esposto..affrontata in un afosa giornata di luglio 2014.
Citazione

Aggiungi commento